in

Come e quando sfoltire le piantine (tutto ciò che devi sapere)

Le piantine diradate sono importanti per far crescere piante forti e sane. Se non sai quando o come diradare le piantine (o perché diamine devi farlo in primo luogo), allora questo post è per te!

So in prima persona che il diradamento delle piantine può essere un argomento davvero delicato, soprattutto per i nuovi giardinieri.

Cosa, assottigliare le mie piantine?!? Eek!

Ma le piante sovraffollate soffriranno di tutti i tipi di problemi lungo la strada se non sono distanziate correttamente.

In un mondo perfetto, ogni singolo seme che piantiamo crescerebbe e sarebbe facile distanziarli tutti correttamente dall’inizio.

Ma, qui nel mondo reale, non è così semplice. Sappiamo che alcuni di loro non germoglieranno, quindi piantiamo più di quanto abbiamo bisogno per compensarlo.

Inoltre, è praticamente impossibile piantare minuscoli semi uno per uno. Quindi li cospargiamo sopra lo sporco invece. Poi finiamo con partenze sovraffollate!

Ecco perché imparare a diluirli è una parte molto importante della cura della piantina di successo . Non preoccuparti, non è difficile. Di seguito ti guiderò attraverso tutto, passo dopo passo.

Sommario

Cosa significa assottigliare le piantine?

Nel giardinaggio, diradare le piantine significa semplicemente rimuovere alcune di quelle che sono state piantate troppo vicine tra loro, in modo che solo le migliori e più forti siano lasciate a prosperare.

È una pratica comune che viene utilizzata per garantire la corretta spaziatura delle piante in giardino, soprattutto per quelle seminate troppo vicine tra loro.

Perché piantine sottili?

Il diradamento delle piantine affollate assicura che le tue piante abbiano molto spazio per crescere. Se sono troppo vicini, alla fine finiranno per competere tra loro.

Ciò significa che, man mano che maturano, la loro crescita sarà stentata. All’interno, le partenze sovraffollate non avranno una circolazione d’aria sufficiente, il che può causare muffe nei vassoi dei semi .

So che è difficile, ma è necessario quando le piante sono troppo vicine tra loro in giardino o se ce n’è più di una per cella, pellet o vaso al chiuso.

Sei Hanno a sottili piantine? Non posso semplicemente separarli?

Sì, puoi certamente provare a separare alcuni tipi di piantine invece di diradarle. Ho avuto fortuna a farlo con quelli più grandi.

Ma non lo faccio più molto. È troppo rischioso ed è una totale perdita di tempo piantare quelli danneggiati che non ammontano a molto.

Inoltre, il compito di separare attentamente ciascuna delle piccole partenze è molto più noioso del semplice tagliarle.

Se davvero, davvero odi il pensiero di uccidere piantine perfettamente buone, allora il modo migliore per evitarlo in futuro è prendere più tempo per distanziare correttamente i semi quando li pianti.

Quando assottigliare le piantine all’interno e all’esterno

Per dare alle tue piante un sano inizio di vita, hanno bisogno di molto spazio fin dall’inizio. Quindi prima assottigli le tue piantine, meglio è.

Più aspetti, più rischi di rallentare il loro sviluppo (e, quando hai una stagione di giardinaggio brevissima come noi qui a MN, hanno bisogno di tutto il tempo che possono per maturare).

Se decidi di dedicare più tempo, pianifica di farlo una volta che avranno alcuni set di foglie vere. Ma non più di 3-4 serie.

Come assottigliare le piantine passo dopo passo

A volte può essere difficile visualizzare come assottigliare correttamente le piantine. Quindi, ho pensato di suddividerlo in semplici passaggi da seguire.

Ho incluso molte immagini perché imparo visivamente, e probabilmente anche alcuni di voi lo sono. Ecco le semplici istruzioni passo passo …

Passaggio 1. Decidi quali tagliare – Scegli la piantina più forte del mazzo da conservare, quindi sfoltisci il resto.

Per scegliere il più forte, cerca quello che è il più compatto e ha il gambo più spesso. Se hanno tutte le stesse dimensioni, scegli quello che sembra il migliore.

Passaggio 2. Usa lo strumento giusto – Le cesoie da potatura regolari sono troppo grandi e goffe da usare per questo lavoro delicato ed è facile danneggiare accidentalmente le altre piantine durante il processo.

Quindi consiglio di usare una piccola cesoia micro-punta o cesoie bonsai per tagli di precisione. Inoltre, assicurati di disinfettare prima le lame. Per farlo, immergili semplicemente in alcol denaturato o lavali con acqua saponosa.

Passaggio 3. Taglia le piantine deboli alla base – È molto importante tagliare i gambi alla base, piuttosto che pizzicarli.

E non cercare mai di estrarre le piantine dal terreno mentre si diradano. Ciò può danneggiare le delicate radici degli altri, che potrebbero finire per uccidere anche loro.

Questo è particolarmente importante per le radici. Una delle principali cause di deformità è il danneggiamento delle radici quando le piante sono giovani.

Passaggio 4. Fertilizzare le piantine rimanenti – Una volta che hai finito di diradare le piantine alla giusta distanza, dai a quelle rimanenti un colpo di fertilizzante per una spinta extra.

Usa un fertilizzante iniziale o prova il compost di tè (che puoi ottenere in forma liquida o acquistare bustine di tè per preparare il tuo). Le piantine amano anche le alghe liquide o l’emulsione di pesce .

Come scegliere la piantina più forte

Per scegliere la piantina più forte, trova quella più sana e compatta del gruppo. È quello che vuoi mantenere. Quindi sfoltisci gli altri.

Se sembrano tutti ugualmente sani, elimina quelli dall’aspetto più piccolo o più debole. Tieni presente che i più alti non sono sempre i più sani.

Diventano alti e con le gambe lunghe quando non ricevono abbastanza luce . Quindi rimuovi quelli che sono diventati deboli o dall’aspetto irregolare.

Se le piantine hanno tutte le stesse dimensioni, puoi semplicemente diradarle a caso. Oppure dagli un po ‘più di tempo per vedere se uno di loro diventa più grande degli altri. Ma davvero, in questo caso, non puoi fare la scelta sbagliata, quindi taglia via.

Quanto diradamento devo fare?

Se le tue piantine sono in casa, dovresti diradarle finché non ne rimane solo una in ogni cella, pellet o vaso.

Questo non solo darà loro molto spazio per crescere, ma renderà anche molto più facile quando arriva il momento di trapiantarli in giardino .

Le piantine che sono state seminate direttamente nel terreno, piuttosto che avviate al chiuso, dovrebbero essere assottigliate in base ai requisiti di spaziatura sul pacchetto di semi.

Domande frequenti

In questa sezione risponderò ad alcune delle domande più frequenti che ricevo sul diradamento delle piantine. Se hai ancora una domanda dopo aver letto questi, chiedila nei commenti qui sotto.

Puoi ripiantare piantine diradate?

No, sfortunatamente non puoi ripiantare piantine diradate. Dopo averli tagliati alla base, alla fine moriranno. Tuttavia, puoi usare quelli commestibili come microgreens, sono deliziosi nelle insalate!

Quanto dovrebbero essere grandi le piantine prima del diradamento?

Di solito è meglio aspettare che le piantine abbiano il loro primo set di foglie vere prima di diradarle.

In questo modo, saprai quali sono stati spiegati con successo. Ma non aspettare troppo a lungo, altrimenti il ​​sovraffollamento potrebbe iniziare a frenarne la crescita.

Come si assottigliano le piantine senza ucciderle?

Sfortunatamente, non c’è modo di assottigliare correttamente le piantine senza ucciderle. Se provi a separarli, invece di eliminare i più deboli, rischi di ucciderli tutti.

Se non riesci a sopportare il pensiero di ucciderli in questo modo, assicurati di distanziare adeguatamente i semi la prossima volta che li pianti.

Le piantine diradate sono un male necessario quando diventano sovraffollate. Ma una corretta spaziatura è fondamentale per la crescita di piante sane. Quindi, anche se può essere davvero difficile, è molto importante imparare a diradare le tue piantine.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come testare la vitalità dei semi con un facile test di germinazione dei semi

Controllo naturale dei parassiti per piante d’appartamento… Dite NO ai pesticidi tossici!