in

Come prendersi cura di una pianta di Pothos (Devil’s Ivy)

I pothos sono piante d’appartamento meravigliose e classiche da coltivare e la cura non potrebbe essere più facile! In questo articolo, ti dirò tutto ciò che devi sapere sulla cura delle piante di pothos. Ti fornirò anche tonnellate di informazioni su di loro, risponderò alle tue domande frequenti, ti aiuterò a risolvere i problemi e molto altro ancora!

Le piante di Pothos hanno un posto speciale nel mio cuore, perché sono cresciuto circondato da loro. Mia madre adora le piante d’appartamento, e questa è sempre stata una delle sue preferite.

In effetti, la mia primissima pianta d’appartamento era un pothos. Non lo ricordo, ma a mia madre piace raccontare la storia di come un giorno ho portato a casa dalla scuola materna alcune talee radicate.

Quelle piccole talee sono fiorite sotto la sua amorevole cura e, nel corso degli anni, si sono trasformate in dozzine di nuove piante (che lei continua a provare a darmi in pegno, ahah!).

Ero super entusiasta di scrivere questo post, in modo da poter condividere con te tutta la conoscenza che ho imparato durante la mia vita di coltivazione di piante di pothos.

Coprirò tutto, dalla loro robustezza, alla luce, all’acqua e ai requisiti del suolo, fertilizzazione, rinvaso, potatura, propagazione, risoluzione di problemi comuni e molto altro!

  • Informazioni sulle piante di Pothos
    • Diversi tipi di Pothos
    • Tossicità
  • Come crescere
    • Robustezza
    • Dove crescere
  • Istruzioni per la cura
    • Luce del sole
    • Irrigazione
    • Fertilizzante
    • Terriccio
    • Rinvaso
    • Potatura
    • Controllo dei parassiti
  • Suggerimenti per la propagazione
  • Risoluzione di problemi comuni
  • Domande frequenti
    • Quanto spesso innaffia?
    • Le piante di pothos hanno bisogno della luce solare?
    • Perché le foglie diventano gialle?
    • Perché la mia pianta di pothos sta morendo?
    • Il pothos può essere coltivato in acqua?
    • Perché la mia pianta non cresce?

Informazioni sulle piante di Pothos

Pothos (Epipremnum aureum) potrebbe essere solo la pianta da interno più comune che ci sia! Questo perché sono semplici da curare. In effetti, è una delle mie migliori scelte per le piante d’appartamento più facili che coltivi .

Ci sono numerosi nomi che potresti aver sentito per questa pianta, tra cui: pothos d’oro, vite del diavolo, edera del diavolo, vite d’argento e vite di taro.

Indipendentemente da come ti piace chiamarlo, pothos è identificabile dalle sue foglie cerose a forma di cuore e dal fogliame con motivi interessanti.

Nel suo habitat naturale (le Isole Salomone, appena al largo della costa australiana), cresce sul suolo della foresta. Ma le viti spesso si arrampicano sugli alberi vicini o su altre piante più alte e possono raggiungere fino a 30 piedi.

Diversi tipi di Pothos

Sono disponibili numerose varietà di edera del diavolo e le loro differenze risiedono principalmente nel colore delle foglie. Il più comune è il Golden Pothos, identificabile dal suo fogliame maculato di colore verde e giallastro.

Altre varietà includono Marble Queen, Pearl & Jade, N-Joy, neon o Manjula, che sono tutte più profondamente variegate e richiedono una maggiore luce solare.

Tossicità da Pothos

Le piante di edera del diavolo di ogni varietà sono tossiche per cani e gatti (fonte: elenco delle piante ASPCA ). Quindi fai molta attenzione a dove lo metti se hai animali domestici o bambini piccoli nella tua casa.

Come coltivare i pothos

Prima di immergerti nei dettagli della cura di pothos, è importante capire alcune cose di base su di loro. In questo modo, ti preparerai per il miglior successo.

Robustezza di Pothos

Sebbene siano più comunemente venduti come piante d’appartamento, il pothos è in realtà una tenera pianta perenne nel suo clima nativo. Ma sono resistenti solo alla zona 10.

Crescono a temperature comprese tra 60 e 90 ° F e inizieranno a soffrire se diventa più freddo di così. Pothos non sopravviverà se scende sotto lo zero.

Dove crescere

A meno che tu non viva in un clima caldo e tropicale, dovrai coltivare pothos esclusivamente al chiuso. Tuttavia, traggono sicuramente vantaggio dal trascorrere l’estate all’aperto.

Potresti piantare pothos all’aperto durante i mesi estivi come vite annuale. È anche un ottimo riempitivo in contenitori e cesti appesi.

Ma, se vuoi mantenerlo in vita a lungo termine, preparati a spostarlo all’interno prima che faccia troppo freddo in autunno.

Altrimenti, se vivi in ​​un clima abbastanza caldo, fanno una meravigliosa copertura del terreno in giardino, arrampicandosi su un traliccio o trascinandosi su un muro di contenimento.

Se lo coltivi all’aperto, assicurati di metterlo in un luogo ombreggiato dove sarà protetto dal pieno sole.

Suggerimenti per la cura e la crescita delle piante di Pothos

La buona notizia è che tutti i tipi di piante di edera del diavolo hanno le stesse esigenze di crescita di base. Quindi puoi seguire queste istruzioni per la cura delle piante di pothos, indipendentemente dal tipo che hai!

Luce del sole

Uno dei motivi per cui pothos rende una pianta d’appartamento così eccellente è che prospera in una vasta gamma di livelli di luce. Ma idealmente preferiscono la luce solare intensa e indiretta.

Tutte le varietà possono adattarsi a meno luce solare, ma l’intensità del colore delle foglie e il contrasto variegato non saranno così forti.

Tienili lontani dal pieno sole, altrimenti brucerà le loro foglie tenere. Un punto vicino a una finestra soleggiata dove otterranno luce screziata o filtrata, o un luogo ombreggiato all’esterno sarebbe perfetto.

Irrigazione

Pothos ama asciugarsi un po ‘tra un’annaffiatura e l’altra. Giusto! Prosperano nell’incuria occasionale. Tuttavia, non lasciare mai che il terreno si asciughi fino al punto in cui la pianta inizia ad appassire.

Questa abitudine è molto stressante per loro. Se si asciuga troppo spesso, il fogliame inizierà a diventare giallo o marrone e potrebbe iniziare a cadere.

Puoi rimediare a questo dando al tuo pothos una buona bevanda in ammollo fino a quando l’acqua inizia a fuoriuscire dai fori di drenaggio. Quindi svuota l’eccesso e non lasciare mai che la pentola si sieda nell’acqua.

Tieni presente che a loro non piacciono i terreni inzuppati o saturi, quindi evita di annaffiare troppo. Se hai difficoltà a dare loro la quantità perfetta, procurati un misuratore di umidità del suolo economico per renderlo super facile.

Fertilizzante

Pothos è un alimentatore leggero, quindi non è necessario fertilizzarli molto spesso. Per ottenere i migliori risultati, usa un fertilizzante idrosolubile o un compost di tè (un concentrato o bustine di tè ) mensilmente durante la primavera e l’estate.

Se preferisci, potresti aggiungere dei granuli a lenta cessione al terreno alcune volte durante i mesi caldi invece di nutrirlo con un liquido. Smetti di concimare a fine estate e non dar loro da mangiare durante l’inverno.

Terriccio

Le piante di Pothos non sono molto esigenti riguardo al tipo di terreno in cui crescono, quindi non è necessario acquistare un mix speciale per loro.

Tuttavia, il miglior tipo di terreno è quello morbido e lavorabile e consente un corretto drenaggio. Quindi, assicurati di usare un terriccio di buona qualità per loro.

Se sei una persona che tende ad esagerare, allora ti consiglio di mescolare un po ‘di pomice o perlite nel terreno prima di piantare. Ciò aggiungerà ulteriore drenaggio e aiuterà a prevenire l’eccessiva idratazione.

Rinvaso

Un’altra cosa che rende la cura dei pothos così facile è che non hanno bisogno di essere rinvasati molto spesso. Possono crescere felicemente nello stesso contenitore per molti anni.

In realtà, preferiscono essere legati al vaso, quindi è meglio non rinvasarli troppo spesso. Tuttavia, se la crescita diventa lenta o iniziano a soffrire, potrebbe essere il momento di spostarli in un nuovo vaso.

Il periodo migliore per rinvasare pothos è in primavera o all’inizio dell’estate. Assicurati di scegliere sempre un contenitore che abbia fori di drenaggio sul fondo, che ti aiuteranno a prevenire l’eccessiva idratazione.

È anche meglio non esagerare con il piatto. Quindi, scegli una fioriera che sia solo 1-2 taglie più grande di quella in cui sta attualmente crescendo.

Potatura

Una delle cose più belle di questa bellissima pianta è che ha steli lunghi e rampicanti. Tuttavia, quando le viti vengono lasciate crescere molto a lungo, molte volte possono diventare nude e con le gambe lunghe.

Questo non è carino ed è una lamentela comune che sento dai neofiti. Quindi, per mantenerli pieni e rigogliosi, dovrai potare le viti come parte normale della tua routine di cura delle piante di pothos.

La potatura innescherà una nuova crescita fresca e incoraggerà la ramificazione, risultando in una pianta più piena. Una volta che una vite inizia a sembrare nuda, tagliala semplicemente usando un paio di micro taglienti affilati .

Per ottenere i migliori risultati, effettua i tagli appena sopra un’articolazione di foglie e steli esistenti. Poco dopo la potatura dell’edera del diavolo, inizierà a formarsi una nuova crescita proprio sotto il punto in cui hai effettuato il taglio.

Oh, e assicurati di conservare i ritagli in modo da poterli propagare. Parleremo esattamente di come farlo un po ‘più avanti in questo articolo.

Controllo dei parassiti

Non è molto comune che pothos abbia problemi con i bug. Tuttavia, possono occasionalmente essere infestati da cocciniglie, che si nutrono delle foglie e possono causare una crescita stentata.

Questi insetti lasciano un residuo bianco e ceroso. Se vedi tracce di cocciniglie, tratta la tua pianta con sapone insetticida biologico o usa olio di neem .

Puoi anche provare a immergere un batuffolo di cotone nell’alcol denaturato e pulire settimanalmente la parte inferiore di ogni foglia fino a quando tutte le tracce dell’insetto scompaiono.

Un altro bug comune che potresti incontrare sono i moscerini dei funghi. Sono minuscoli moscerini neri nel terreno e sono causati dall’irrigazione eccessiva. Quindi, se li vedi, lascia che il terreno si asciughi di più tra un’annaffiatura e l’altra.

La migliore prevenzione per questi insetti è mantenere sani i tuoi pothos. Le piante che soffrono di abbandono o troppa acqua sono più suscettibili alle infestazioni di parassiti.

Suggerimenti per la propagazione delle piante di Pothos

Una delle cose migliori della coltivazione di pothos è che sono ridicolmente semplici da propagare. In effetti, questo è quello che molte persone usano quando provano a propagare le piante per la prima volta!

Come ho detto sopra, dovresti potare le viti dell’edera del diavolo per farle crescere piene e vigorose. Quindi puoi mettere quelle talee in un vaso d’acqua per radicarle.

I pezzi tagliati inizieranno a radicare nell’acqua dopo solo un paio di settimane. Una volta che le radici sono lunghe qualche centimetro, puoi metterle in un contenitore, creando una pianta nuova di zecca.

Posiziona queste nuove piante in tutta la casa o in ufficio. Oppure regalali ad amici e vicini in modo che anche loro possano goderseli nelle loro case.

Risoluzione dei problemi di cura di Pothos

La parte più frustrante della cura del pothos è quando la tua pianta inizia ad avere problemi, ma non hai idea di cosa sia sbagliato! O peggio, come risolverlo.

Quindi, in questa sezione, elencherò alcuni dei problemi più comuni che potresti avere. Ti dirò anche cosa potrebbe causarlo e ti fornirò suggerimenti su come risolverlo.

  • Foglie ingiallite – Mentre la causa più comune è l’irrigazione eccessiva, le foglie gialle possono anche essere causate da un’irrigazione costante. Controlla sempre il terreno prima di aggiungere altra acqua e non lasciarlo mai asciugare fino al punto in cui la pianta inizia a cadere.
  • Foglie o bordi marroni – Quando le foglie oi bordi diventano marroni e croccanti, ciò è quasi sempre causato dall’irrigazione insufficiente. Assicurati di mantenere il terreno uniformemente umido e non lasciare che si asciughi.
  • Viti con le gambe lunghe senza foglie – Questo è molto comune per i pothos e si verifica quando le viti si allungano con l’età. Il modo migliore per evitare (o risolvere) questo problema è con la potatura regolare.
  • Gambi che diventano gialli – Se i gambi iniziano a diventare gialli, è a causa di un’irrigazione incoerente, molto probabilmente troppo. Sfortunatamente, una volta che i gambi diventano gialli, non puoi salvarli. Quindi eliminali e mantieni i ritagli sani per la propagazione.
  • Macchie marroni sulle foglie – La causa principale delle macchie marroni sulle foglie è la scottatura solare o l’esposizione a calore estremo (come sedersi accanto a un camino o una presa di calore). Controllare l’ambiente e, se necessario, spostare la pianta in una posizione diversa.
  • Foglie che diventano nere – Quando le foglie diventano improvvisamente nere, significa che sono state esposte a un freddo estremo. Ciò potrebbe accadere quando le foglie toccano una finestra durante l’inverno, sono vicino a una finestra o una porta spifferata, o se vengono lasciate fuori durante le temperature gelide. Controlla la posizione e sposta la pianta se necessario.

Domande frequenti sulla cura di Pothos

Qui risponderò ad alcune delle domande più frequenti sulla cura delle piante di pothos. Se non riesci a trovare una risposta alla tua domanda dopo aver letto tutto questo, chiedila nella sezione commenti qui sotto.

Quante volte innaffi una pianta di pothos?

Invece di annaffiare secondo un programma prestabilito, è meglio annaffiare l’edera del diavolo solo quando ne ha bisogno. Controlla il terreno settimanalmente e innaffia solo quando è asciutto al tatto. Controllalo infilando il dito per un pollice nel terreno. Se è asciutto, annaffialo. Se è bagnato, aspetta.

Le piante di pothos hanno bisogno della luce solare?

Sebbene si adattino molto bene a condizioni di scarsa illuminazione, i pothos hanno bisogno di luce solare indiretta e intensa per crescere al meglio. Se tenuto all’ombra, l’intensità dei colori variegati svanirà e le foglie tendono a diventare più verdi.

Perché le foglie della mia pianta di pothos diventano gialle?

La causa più comune di foglie gialle sull’edera del diavolo è l’irrigazione eccessiva. Tuttavia, le foglie possono anche ingiallire se il terreno si asciuga troppo. Per evitare questo problema, lasciare asciugare leggermente il terreno tra un’annaffiatura e l’altra, ma mai fino al punto in cui la pianta inizia a cadere.

Perché la mia pianta di pothos sta morendo?

La causa numero uno di morte per pothos è il marciume radicale dovuto a un’irrigazione eccessiva. Tuttavia, se vengono trascurati regolarmente al punto in cui appassiscono, ciò potrebbe anche farli morire. Altri motivi comuni sono l’esposizione a temperature gelide o lo stare seduti troppo a lungo alla luce diretta del sole.

Il pothos può essere coltivato in acqua?

Sì, l’edera del diavolo può essere coltivata in acqua e questo è un modo semplice per propagarli. Ma non è una buona pratica tenerli in acqua a lungo termine. Se lasciati in acqua troppo a lungo, i gambi potrebbero iniziare a marcire. Inoltre, più a lungo rimangono in acqua, più difficile sarà per loro adattarsi alla crescita nel terreno e lo shock potrebbe essere fatale.

Perché il mio pothos non cresce?

Se l’edera del tuo diavolo sembra aver smesso di crescere, potrebbero essere un paio di cose. I motivi più comuni sono la mancanza di luce, la mancanza di sostanze nutritive (ad esempio: fertilizzante) o la tua pianta è completamente legata ai vasi. Dagli una luce solare intensa e indiretta, alimentalo regolarmente e / o rinvasalo se è rimasto nello stesso contenitore per molto tempo.

I Pothos sono la pianta d’appartamento perfetta per principianti ed esperti (e sicuramente un must per me!). Con una manutenzione minima, avrai una bellissima pianta da interno che puoi facilmente condividere con tutti i tuoi amici. Segui queste istruzioni per la cura dei pothos e il tuo prospererà per tutta la vita.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Foglio e guida di monitoraggio del raccolto in giardino gratuiti

Come tagliare l’erba come un professionista utilizzando modelli e tecniche di taglio del prato