in

Come pulire il materasso in 9 semplici passaggi

Un materasso è un investimento serio, quindi bisogna assicurarsi che duri e questo significa imparare a pulirlo. I materassi possono ospitare acari della polvere, pelle morta, sporco e altri detriti, il che significa che devono essere puliti regolarmente, in particolare se si soffre di allergie, si hanno animali domestici o si vuole fare un avido spuntino di mezzanotte.

La buona notizia è che pulire un materasso è molto più facile di quanto si potrebbe pensare. Continua a leggere per scoprire i nove semplici passaggi che ti aiuteranno a mantenere il tuo materasso pulito e pronto per dormire. Grazie alle opinioni degli esperti di Ed Curry, presidente della società di materassi Duxiana, e Neil Parikh, cofondatore di Casper, ecco alcuni suggerimenti per prenderti cura del tuo materasso in modo da poter dormire sonni tranquilli.

  1. Prepara tutto l’occorrente

Per pulire a fondo il materasso, avrai bisogno di alcuni materassi a portata di mano. Riuniscili insieme: 

  • Un aspirapolvere con attacco per la tappezzeria
  • Un detergente enzimatico o detersivo per piatti per rimuovere le macchie
  • Detersivo per il bucato
  • Bicarbonato di sodio 
  • Panni per pulire
  • Acqua fredda
  1. Disfa il letto e lava tutta la biancheria

Rimuovi le lenzuola, i cuscini, il materasso e il coprimaterasso e fargli fare un ciclo in lavatrice mentre pulisci il materasso. Lava tutta la biancheria in acqua calda per rimuovere qualsiasi traccia di sporco e polvere. Lava anche i cuscini, anche se dipende dal tipo di cuscino che hai. (I cuscini double check hanno bisogno di maggiore cura). 

  1. Aspira il materasso

Afferra l’attacco per tappezzeria dell’aspirapolvere e ripassa l’intera superficie del materasso, compresi i lati. Prestare particolare attenzione alle cuciture e fare attenzione alle fessure in modo da eliminare lo sporco o la polvere che sono nascosti.

  1. Pulisci il materasso con uno smacchiatore

Ora è giunto il momento di concentrarsi sulle macchie sul materasso, il che significa che bisogna pulirlo ed eliminarle. Mai bagnare il materasso o buttarci acqua sopra o usare direttamente una soluzione sopra. Il memory foam, ad esempio, non dovrebbe bagnarsi affatto. Per questo motivo, è importante procedere con cautela e operare in base al principio che meno è la cosa migliore.

In seguito, procedi a rimuovere le macchie. Lo smacchiatore dipende dal tipo di macchie e dal materasso. Per le macchie di tipo biologico, bisogna usare un detergente enzimatico. Passalo in un panno di colore bianco e procedi alla smacchiatura. In seguito, bisogna aggiungere acqua fredda in un panno diverso e continuare a smacchiare finché va via. L’obiettivo qui è quello di utilizzare meno prodotto e umidità possibile. Questo metodo è ideale per sangue, sudore, vomito, urina e altre macchie correlate.

In alternativa al detergente a base di enzimi, puoi creare la tua soluzione fai-da-te mescolando il sapone per i piatti con l’acqua e applicare solo la schiuma risultante sulla macchia. Puoi anche creare una soluzione fai-da-te di parti uguali di acqua fredda e perossido di idrogeno.

  1. Cospargi il bicarbonato di sodio su tutto il materasso

Se non riuscite a mettere il materasso al sole per fargli prendere aria, il bicarbonato di sodio è la soluzione ideale. Cospargine uno strato in cima al materasso e lascialo per un paio d’ore (meglio ancora se tutta la notte). Il bicarbonato di sodio scompone l’acido e assorbe l’umidità o l’odore rimanente. Più a lungo puoi lasciare il bicarbonato di sodio sul materasso, meglio funzionerà! Mentre il bicarbonato di sodio si trova nel materasso, apri tutte le finestre e lascia entrare il sole e la luce. I raggi ultra violetti aiuteranno a uccidere qualsiasi muffa o batterio presente sul materasso.

  1. Aspira nuovamente

Una volta che il bicarbonato di sodio ha avuto i suoi effetti, aspira nuovamente. (Se hai una testiera in tessuto, bisogna aspirarla.  Per poi ricominciare da capo con ciò che riguarda il letto). 

  1. Capovolgere il materasso

Ora che un lato è immacolato, capovolgi il materasso e ripeti tutti i passaggi dall’1 al 5 da ambo i lati in modo che siano puliti. Capovolgere il materasso dovrebbe essere fatto a intervalli regolari, a prescindere se lo pulite o meno. In base alla saggezza popolare, bisognerebbe capovolgere il materasso una volta ogni tre mesi regola pratica si applica solo ai materassi a molle perché si comprimono nel tempo. Man mano che i materassi diventano più specializzati, la soluzione migliore è verificare con il produttore del modello.(Il materasso Casper in schiuma, ad esempio, deve essere ruotato solo di 180 gradi ogni pochi mesi, mentre solo l’imbottitura superiore del materasso Dux di Duxiana deve essere capovolta e girata). 

(Come regola generale, i materassi dovrebbero essere girati ogni tre mesi, o più spesso se si inizia a notare un cedimento. Il ribaltamento costante del materasso farà in modo che sia maggiormente uniforme e farlo durare più a lungo). 

  1. Proteggi il materasso

Ora che sai come pulirlo, bisogna proteggerlo. Una volta che è completamente asciutto, coprilo con un coprimaterasso che ti aiuterà a pulirlo meglio in futuro e proteggerlo da fuoriuscite, sporco e altre cose spiacevoli (per esempio, le formiche).

  1. Caccia via la polvere con un lenzuolo con gli angoli 

“Usare lenzuola con angoli che vengono lavate regolarmente e mantenere pulita l’area intorno al materasso dovrebbe proteggerlo dalla polvere”, afferma Neil.Detto questo, avvolgere materassi e molle a scatola nei rivestimenti dei materassi garantisce che gli acari della polvere non si insedino”, dice Ed. Una idea considerata particolarmente buona per coloro che soffrono di allergie o asma. 

Pulire un materasso permette di prolungare la sua vita e renderlo un posto piacevole su cui dormire, ma tutte le cose belle devono finire. Dopo circa 8 anni o giù di lì, considera l’idea di investire su un nuovo materasso. “Le prime impressioni sulla struttura e il cedimento indicano che non fornisce più un supporto adeguato”, dice Ed. “È anche importante ascoltare il proprio corpo”, afferma Neil. “Svegliarsi con dolori o dormire male ogni notte sono segnali per cui è ora di voltare pagina”. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Trasformare il proprio balcone o terrazza in un luogo protetto per gli uccellini

Come pulire la lavatrice con aceto e bicarbonato di sodio