in

Come ridurre le allergie con i mobili giusti

Vivere con le allergie è impegnativo, ma puoi alleviare alcune delle sfide dal modo in cui arredi il tuo spazio. Alcuni degli allergeni più comuni in casa sono peli di animali domestici, acari della polvere e polline. Mentre non è possibile liberarsene completamente, possono essere ridotti al minimo per mitigare la sofferenza di coloro che sono allergici a loro.

L’obiettivo: una casa pulita e asciutta

Come punto di partenza, l’Asthma and Allergy Foundation of America raccomanda una pulizia aggressiva come passo per mantenere la tua casa anallergica.1 Mantenere la casa pulita e asciutta è forse il passo più importante da fare quando è necessario ridurre al minimo gli allergeni all’interno di una casa.

I deumidificatori e i purificatori d’aria svolgono un ruolo, così come il controllo della temperatura. Un altro passo che puoi fare è scoraggiare gli animali domestici dal dormire sul tuo letto.

Inoltre, qualsiasi muffa dovrebbe essere prontamente rimossa dai professionisti, se possibile, dal momento che molte persone hanno gravi allergie alla muffa. La muffa può crescere ovunque i materiali organici incontrino l’umidità. Alcune precauzioni di buon senso includono evitare tappeti, soffitti o piastrelle macchiati d’acqua in una casa e rimuovere qualsiasi materiale ammuffito il prima possibile per sbarazzarsi delle fonti di inquinamento.

Riduci il disordine

I mobili e l’arredamento che selezioni possono svolgere un ruolo importante nel mantenere una casa pulita e anallergica. Ridurre sia il numero di mobili che le loro dimensioni può essere un vantaggio per ridurre le fonti di allergia. Evita i mobili imbottiti e assicurati di non affollare i mobili in nessuna area. Mantieni molto spazio intorno ai mobili per assicurarti di poterli pulire facilmente. È importante eliminare regolarmente tutto lo sporco e i detriti e una pulizia frequente è essenziale per ridurre al minimo gli allergeni.

Assicurati di avere abbastanza spazio nella stanza di un bambino dove i giocattoli possono essere conservati per proteggerli dalla raccolta di polvere. Evita di tenere libri e oggetti da collezione in una camera da letto perché possono raccogliere molta polvere.

Focus sul letto

I letti richiedono un’attenzione particolare perché cuscini e materassi possono essere un terreno fertile per gli acari della polvere che causano allergie. Oltre all’ovvio – lavare lenzuola e federe almeno una volta alla settimana – aiuta anche a racchiudere cuscini e materassi in coperture a prova di allergeni. Queste fodere possono essere realizzate in tessuto lavabile, ma sono disponibili anche come rivestimenti in plastica ermetica e con cerniera che impediscono qualsiasi contatto diretto con i cuscini e i materassi.

Meglio ancora, prova a trovare materassi e cuscini fatti di materiale ipoallergenico. Scopri cosa c’è nel tuo materasso e assicurati di non essere allergico ad esso. Molti materassi contengono lattice, che può essere una fonte di allergie per alcune persone. Se non sei allergico al lattice, allora potrebbe essere una scelta praticabile, in quanto non favorisce gli acari della polvere.

Scegli la tappezzeria con cura

Pelle e vinile sono probabilmente le migliori scelte di rivestimento per chi soffre di allergie. Questi materiali possono essere puliti facilmente e la pelle è ora disponibile in una varietà di colori e look. L’acquisto di un divano in pelle di buona qualità può essere costoso, ma l’investimento ripaga a lungo termine, poiché la pelle è molto resistente.

Durante la selezione di divani e sedie, assicurati di scegliere disegni che sollevano la base sulle gambe piuttosto che consentire alla base di sedersi sul pavimento. Ciò impedisce alla polvere di accumularsi sotto. Se devi avere un rivestimento in tessuto, preparati a pulire più spesso che con la pelle. Scegli la trama più stretta possibile, in modo che le particelle abbiano difficoltà a penetrarla. Aspirare accuratamente e regolarmente per mantenerlo privo di polvere.

Inoltre, ricorda che il tessuto organico non è necessariamente ipoallergenico: la lana organica e alcuni altri materiali naturali possono ancora causare allergie.

Un’altra opzione accessibile per proteggere la tappezzeria sono le coperture antiscivolo, in particolare quelle impermeabili. Questi possono essere un modo economico per mantenere i mobili puliti e asciutti, riducendo così gli acari della polvere. Le coperture antiscivolo sono facilmente lavabili in lavatrice, consentendo di risciacquare frequentemente anche il polline e il pelo degli animali domestici.

Mantieni i pavimenti nudi

È meglio avere pavimenti nudi che possono essere puliti facilmente e accuratamente. Tappeti e tappeti possono essere i più grandi depositi di polvere. Tappeti e tappeti con pile dense e lunghe sono i peggiori poiché la polvere può depositarsi in profondità nelle fibre, rendendo impossibile l’eliminazione completa.

Se non è possibile rimuovere il tappeto, utilizzare un aspirapolvere con filtro HEPA. Oppure sostituisci il tuo tappeto attuale con qualcos’altro. Gettare tappeti e dhurries sono meglio dei tappeti; cerca quelli con una pila bassa o quelli che sono lavabili.

Evita tende e tende pesanti

Le tende e le tende in tessuto sono una delle principali fonti di allergie, poiché intrappolano particelle di polline e polvere e sono difficili da pulire a fondo. Più pesante è il tessuto, maggiore è il contributo alle allergie. Se devi avere tende, usa quelle di cotone chiaro. Questi hanno il vantaggio di essere facilmente lavati per eliminare qualsiasi polvere che potrebbe depositarsi su di loro. Evitare completamente tende pesanti o quelle che si accumulano sul pavimento.

Le tende sono il miglior trattamento per finestre per un ambiente anallergico all’interno della casa, ma evitano le pieghe a fisarmonica. Le veneziane in metallo sono migliori del legno, poiché il legno può anche ospitare acari.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

10 consigli per spolverare

Come insegnare a pulire ai tuoi figli