in

Come rinvasare le piante: una guida illustrata utile

Il rinvaso delle piante da interno è benefico e divertente. In questo post imparerai tutto quello che c’è da sapere, incluso come sapere se deve essere rinvasato, quando e con che frequenza farlo, e otterrai consigli per scegliere i vasi e il terreno migliori.

Quindi ti mostrerò esattamente come rinvasare le piante d’appartamento passo dopo passo.

Il rinvaso è utile e una parte importante della crescita di piante d’ appartamento che sono sane e felici. Ma dovresti farlo solo al momento giusto e per le giuste ragioni.

Se l’unico motivo per cui vuoi rinvasare una pianta d’appartamento è metterla in una fioriera più carina, o perché è qualcosa che fai ogni anno … beh, quelle sono le ragioni sbagliate. Queste abitudini possono finire per causare problemi alle piante d’appartamento.

Ma non preoccuparti. Dopo aver letto questo articolo, avrai tutte le informazioni di cui hai bisogno per essere sicuro di farlo bene e saprai esattamente quando e come rinvasare le piante.

  • Cos’è il rinvaso?
    • Cosa significa root-bound?
  • Hai bisogno di piantare piante da appartamento?
  • Perché dovresti rinvasare?
  • Come capire se una pianta ha bisogno di rinvaso
    • Dovresti rinvasare nuove piante?
  • Suggerimenti per il rinvaso delle piante
    • Quando rinvasare
    • Quanto spesso rinvasare
    • Scegliere il piatto migliore
    • Come evitare che il terreno cada dal vaso
    • Scegliere il terreno migliore
  • Come rinvasare una pianta
  • Come rinvasare una grande pianta
  • Shock da trapianto
  • Quando fertilizzare
  • Cosa fare con il vecchio terriccio
  • Domande frequenti
    • Dovresti annaffiare le piante dopo il rinvaso?
    • Cosa succede se non rinvasate una pianta?
    • Puoi uccidere una pianta rinvasando?
    • Le piante legate alle radici possono riprendersi?
    • Potresti rimettere le piante nello stesso vaso?
    • Dovresti mai rinvasarli in un vaso più piccolo?
    • Devo mettere i ciottoli nella mia pentola?
    • Puoi tagliare le radici durante il rinvaso?

Cos’è il rinvaso?

Il rinvaso, o “invasatura”, è semplicemente spostare o trapiantare una pianta da un contenitore a un altro. Sebbene la maggior parte delle piante d’appartamento possa vivere nello stesso contenitore per diversi anni, alla fine diventeranno legate alle radici.

Cosa significa root-bound?

Il termine “root-bound” (chiamato anche “pot-bound”) significa che le radici sono cresciute fino a riempire completamente il vaso, lasciando poco spazio per una nuova crescita.

Quando ciò accade, il terreno non sarà più in grado di trattenere l’umidità e le sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno per prosperare. Di conseguenza, la sua salute inizierà a diminuire.

Hai bisogno di rinvasare piante da appartamento?

Una volta che una pianta d’appartamento è diventata legata al vaso, allora sì, di solito deve essere rinvasata. Tuttavia, come ho accennato sopra, la maggior parte può rimanere nello stesso piatto per molto tempo.

In effetti, alcuni in realtà odiano essere rinvasati e preferiscono essere legati al vaso. Quindi è meglio rinvasare le piante da interno solo quando ne hanno bisogno, piuttosto che farlo secondo un programma prestabilito o per scopi estetici.

Perché rinvasare le piante?

Le piante d’appartamento trarranno beneficio dall’essere rinvasate quando ne avranno bisogno. Non solo è divertente metterli in nuovi fantastici contenitori, ma ci sono anche molti vantaggi del rinvaso delle piante.

Spostare le piante in un nuovo contenitore offre loro più spazio per crescere, rinfresca il terreno stantio, ripristina i nutrienti persi e innesca una nuova crescita sana. Ecco tutti i vantaggi …

  • Rinfresca il terreno e le sostanze nutritive
  • Migliora la ritenzione idrica e l’assorbimento
  • Dà alle radici più spazio per crescere
  • Aiuta a evitare la compattazione del suolo
  • Impedisce che la pianta si leghi al vaso
  • Innesca una nuova crescita sana
  • Permette alla pianta di ingrandirsi

Come capire se una pianta ha bisogno di rinvaso

Di solito è abbastanza facile capire quando una pianta deve essere rinvasata. Ecco i segnali rivelatori a cui prestare attenzione …

  • Ci sono radici che escono dai fori di drenaggio sul fondo della pentola
  • Le radici crescono in uno schema circolare all’interno del contenitore
  • L’acqua scorre dritta attraverso la pentola e pochissima viene assorbita dal terreno
  • Il vaso si è deformato o sembra pronto per essere aperto
  • Ci sono radici che crescono sopra il terreno
  • La pianta è diventata pesante e continua a cadere
  • Devi innaffiare costantemente la pianta per evitare che cada
  • La pianta è sproporzionatamente più grande del vaso
  • Il terreno è costantemente asciutto o non trattiene l’umidità
  • Ci sono più radici nel contenitore che nel terreno
  • La pianta sta crescendo più lentamente del solito o si è fermata del tutto

Se non sei ancora sicuro che la tua pianta da interno abbia bisogno di essere rinvasata, girala su un lato e falla scorrere delicatamente fuori dal vaso.

Se c’è una massa densa di radici con pochissima terra rimasta nel vaso, o le radici stanno girando intorno all’interno, significa che è legato alle radici.

Inoltre, se non scivola facilmente fuori dal piatto e sembra essere bloccato, questo è anche un altro buon segno che è legato al piatto.

Dovresti rinvasare nuove piante?

No, non subito. Per qualche ragione, molte persone pensano che la prima cosa che dovrebbero fare con una pianta nuova di zecca sia rinvasarla. Ma questa è una cattiva abitudine in cui entrare.

Pensa a tutto lo stress che quella poverina ha già subito. È passato dal vivere in condizioni ideali in una serra, al trasferimento in un garden center (dove non sempre ricevono le migliori cure), al trasferimento, ancora una volta, a casa tua.

Accidenti, la poveretta ha bisogno di una pausa!

Quindi la prossima volta che porti a casa una nuova pianta da interno, dagli alcune settimane per adattarla prima di rinvasarla. Questo ti darà anche il tempo di conoscere le cure ideali di cui ha bisogno per prosperare, metterlo in quarantena per gli insetti e monitorarlo per i segni di stress.

Se non vedi l’ora di rinvasare la tua nuova pianta d’appartamento a causa del brutto vaso da vivaio in cui è entrata, nascondila semplicemente lasciandola cadere in un vaso decorativo.

Suggerimenti per il rinvaso delle piante

Prima di rinvasare qualsiasi pianta, è meglio fare una piccola ricerca per vedere come andrà bene. Alcuni odiano essere trapiantati o preferiscono essere legati al vaso. In effetti, alcune piante da fiore non creeranno gemme fino a quando non saranno legate al vaso.

Ecco alcuni suggerimenti in modo da sapere quando e quanto spesso rinvasare, nonché il miglior tipo di contenitori e terreno da utilizzare …

Quando rinvasare le piante

La primavera o l’inizio dell’estate è il periodo migliore dell’anno per rinvasare le piante d’appartamento. Il rinvaso stimola una nuova crescita, che non è quello che vuoi fare durante i mesi autunnali e invernali.

Ma ricorda, rinvasali solo quando ne hanno bisogno. E non rinvasare mai una pianta malata o morente, o una che ha un’infestazione da insetti, altrimenti potresti ucciderla. Anche il rinvaso di piante da interno per motivi puramente estetici non è mai una buona idea.

Quanto spesso rinvasare le piante

In generale, la maggior parte delle piante d’appartamento non ha bisogno di essere rinvasata molto spesso. Se li metti all’aperto durante l’estate, probabilmente supereranno la loro fioriera più velocemente e dovranno essere rinvasati più spesso.

Molti possono vivere felicemente nello stesso container per diversi anni senza problemi. Quindi, piuttosto che rinvasare automaticamente le piante d’appartamento su base regolare, fai attenzione ai segni che ne hanno effettivamente bisogno.

Scegliere il piatto migliore

Quando rinvasi piante d’appartamento, scegli un nuovo contenitore di una sola dimensione più grande dell’originale. Ad esempio, spostarlo da una dimensione di 4 “a una di 6”, ma non fino a una dimensione di 10 “. Consiglio anche di usare una pentola con fori di drenaggio, perché aiuta a prevenire l’eccessiva idratazione.

Se tendi ad annaffiare troppo, usa una semplice fioriera in terracotta. L’argilla aiuta a eliminare l’umidità dal terreno in modo che si asciughi più velocemente. D’altro canto, se dimentichi di innaffiare le tue piante da interno , usane una sigillata, smaltata o fatta di plastica.

Prima di riutilizzare un contenitore che aveva una pianta diversa in vaso, assicurati di strofinarlo con acqua e sapone. Questo è un passaggio cruciale che è molto importante per prevenire il trasferimento di malattie o insetti.

Il mio pennello con setole per vasi da fiori funziona perfettamente per questo compito (in più è anche carino!). Se utilizzi un contenitore di argilla o plastica dura, puoi metterlo sul ripiano superiore della lavastoviglie per disinfettarlo.

Come evitare che il terreno cada dal vaso

Ad alcune persone non piace usare vasi con fori di drenaggio perché temono che il terreno cada e crei disordine. Bene, c’è una soluzione semplicissima per questo!

Per mantenere il terreno all’interno, pur consentendo all’acqua di defluire, coprire i fori nella pentola con una rete di drenaggio o utilizzare un pezzo di materiale per schermi o tessuto per paesaggi .

Il miglior terreno per il rinvaso di piante d’appartamento

Puoi usare un terriccio per uso generale per la maggior parte delle piante da interno. Ma tieni presente che alcuni potrebbero richiedere un diverso tipo di miscela o uno speciale terreno di coltura.

Ad esempio, le orchidee richiedono un mix di invasatura per orchidee e le piante grasse preferiscono un mix di invasatura sabbioso a drenaggio rapido . Se non sei sicuro di cosa usare, è meglio cercare il mezzo di impregnazione specifico consigliato per la tua pianta d’appartamento.

Utilizzare sempre una miscela per invasatura fresca e sterile durante il rinvaso di piante d’appartamento. Se è rimasta dello sporco nel vecchio vaso, va bene scaricarlo nella nuova fioriera. Ma non riutilizzare il terreno da una pianta da interno a un’altra.

Inoltre, la tua pianta da interno crescerà meglio in un terriccio di buona qualità piuttosto che in terra a buon mercato, quindi non tagliare i costi qui. E mai, mai usare il terreno del giardino per invasare piante d’appartamento. Impara come realizzare il terreno per piante d’appartamento fai da te qui .

Come rinvasare una pianta passo dopo passo

Una volta stabilito che la tua pianta d’appartamento deve essere rinvasata, è una buona idea annaffiarla un giorno o due prima di pianificare di rinvasarla. In questo modo sarà più facile rimuoverlo dal vaso e aiuterà a ridurre il rischio di shock da trapianto.

  • Terriccio
  • Un nuovo contenitore
  • Vassoio per vasi (per mantenere il disordine contenuto)
  • Cazzuola a mano o coltello da burro
  • Potatori di precisione o forbici per bonsai
  • Rete di drenaggio (opzionale)

Passaggio 1: pota le radici che crescono dai fori di drenaggio – Se ci sono radici che crescono dai fori di drenaggio, taglia prima quelle. In questo modo sarà molto più facile rimuovere la pianta. Le cesoie per potatura di precisione o le cesoie per bonsai sono perfette per tagliare le radici.

Passaggio 2: rimuovere la pianta dal vaso – Stuzzicatela delicatamente fuori dalla pentola, facendo attenzione a non tirare le foglie o gli steli. Sii paziente e non forzarlo. Potrebbe essere necessario toccare il lato o il fondo della fioriera per allentare le cose.

Se la pianta è bloccata, usa un coltello da burro o una cazzuola a mano e passala delicatamente tra l’interno della pentola e la zolla per allentarla. Per piante estremamente legate al vaso, potresti dover tagliare o rompere il vaso per rimuoverlo.

Passaggio 3: taglia le radici malsane – Una volta che la pianta è fuori dal contenitore, ispeziona le radici e taglia quelle danneggiate o che sembrano malsane. Le radici sane sono salde. e di solito di colore biancastro.

Se le radici sono cresciute seguendo uno schema circolare, separale delicatamente e raddrizzale. Ciò interromperà il modello di crescita circolare e aiuterà a stimolare una nuova crescita.

Passaggio 4: mettere una rete sui fori di drenaggio (opzionale) – Posizionare una rete di drenaggio o un altro tessuto resistente sui fori sul fondo della nuova fioriera . In questo modo lo sporco rimarrà all’interno, ma l’acqua potrà comunque defluire facilmente.

Passaggio 5: posizionare la pianta nel nuovo vaso – Posizionare la pianta in modo che la parte superiore della zolla si trovi allo stesso livello della vecchia pentola. Potrebbe essere necessario aggiungere prima un po ‘di terriccio sul fondo per rendere più facile questo passaggio.

Se ci fossero radici che crescono sopra il terreno, puoi posizionare la zolla leggermente più in profondità per coprirle completamente.

Passaggio 6: aggiungi terriccio fresco – Assicurati che la tua pianta d’appartamento sia centrata, quindi riempila intorno alla zolla con terriccio. Impacchettalo leggermente mentre lavori per riempire la pentola. Non è necessario imballare il terreno in modo super stretto, basta premerlo un po ‘in modo che la zolla sia aderente.

Passaggio 7: innaffia la pianta – Quando hai finito di rinvasare una pianta da interno, innaffiala per inumidire il nuovo terreno. Questo aiuta anche il terreno a depositarsi più velocemente. Potrebbe essere necessario aggiungere più terriccio una volta che tutto si è sistemato nel nuovo vaso.

Come rinvasare passo dopo passo un grande impianto

Se hai una pianta d’appartamento già grande e non puoi spostarla in un nuovo vaso. O semplicemente non vuoi che cresca più grande, c’è una soluzione.

Puoi tagliare le radici e rinvasare una grande pianta d’appartamento nello stesso contenitore. Il taglio delle radici eviterà che la pianta diventi più grande, ma ti permetterà anche di reintegrare il terreno e le sostanze nutritive.

  • Coltello da giardino o coltello da cucina affilato
  • Terriccio
  • Vassoio per vasi (per mantenere il disordine contenuto)
  • Potatori di precisione o forbici per bonsai
  • Rete di drenaggio (opzionale)

Passaggio 1: tagliare le radici che crescono dal fondo del vaso – Usa cesoie sterili per bonsai o potatori di precisione per potare le radici che escono dai fori di drenaggio.

Passaggio 2: rimuovere le piccole radici superficiali – Utilizzare un coltello da cucina o da giardino affilato per tagliare le piccole radici superficiali attorno alla zolla. Se è più facile, potresti usare i potatori invece di un coltello.

Passaggio 3: rimuovi la pianta dal vaso (facoltativo) – Se puoi, estrai completamente la pianta dal contenitore. Se è troppo faticoso sollevare la tua grande pianta d’appartamento, puoi lasciarla nel vaso e saltare questo passaggio.

Scartare il vecchio terriccio rimasto nel vaso se è pieno di radici. Questo è anche un buon momento per coprire i fori con reti di drenaggio , se non ce ne sono già.

Quindi aggiungi un po ‘di terriccio fresco sul fondo prima di rimettere la pianta nella pentola. Assicurati che la zolla sia alla stessa profondità di prima.

Passaggio 4: riempire il vaso con terriccio fresco – Assicurarsi che la pianta sia centrata nel vaso, quindi riempire intorno alla zolla con terriccio fresco, imballandolo delicatamente mentre si procede. Non imballare lo sporco troppo strettamente, quanto basta in modo che la zolla sia aderente.

Passaggio 5: innaffia la tua pianta appena rinvasata – Una volta che hai finito di rinvasarla, dai alla tua pianta d’appartamento un buon bicchiere d’acqua per bagnare il terriccio fresco. È normale che il terriccio si depositi dopo le prime innaffiature, quindi assicurati di aggiungerne dell’altro se necessario per riempire eventuali spazi vuoti o buchi.

Shock da trapianto dopo il rinvaso

È importante capire che il rinvaso è molto stressante per le piante d’appartamento. Alcuni riescono a sopportare il rinvaso meglio di altri.

Alcuni tipi disprezzano di essere rinvasati e possono subire un grave shock da trapianto. Mentre altri lo gestiranno bene senza problemi.

Un po ‘di caduta è normale dopo il rinvaso e la tua pianta d’appartamento dovrebbe tornare bene dopo un giorno o due. Ma tieni d’occhio le piante appena in vaso per assicurarti che non subiscano un grave shock da trapianto, che può uccidere piante sensibili o deboli.

Fai attenzione a questi segni rivelatori di shock da trapianto …

  • Grave abbassamento che dura più di pochi giorni
  • Le foglie diventano insolitamente gialle o marroni
  • Caduta di foglie e / o gemme
  • La pianta sembra molto malata

Se la tua pianta subisce uno shock da trapianto, la cosa migliore che puoi fare è lasciarla stare. Non cercare di rimediare al problema innaffiandolo eccessivamente, concimandolo o spostandolo. E sicuramente NON provare a rinvasarlo di nuovo.

Controlla il terreno e innaffia solo se è asciutto. Altrimenti, lascialo stare e lascia che si riprenda.

Quando fertilizzare una pianta d’appartamento in vaso di recente

Non dovresti mai concimare una pianta da interno subito dopo averla rinvasata. Ha bisogno di tempo per riprendersi e nutrirlo potrebbe innescare uno shock da trapianto o peggiorare la situazione.

Dai alla tua pianta d’appartamento un paio di settimane per riprendersi prima di ricominciare a concimarla. Una volta che si è ripreso dopo essere stato rinvasato, puoi iniziare a nutrirlo regolarmente. Scopri come concimare le piante d’appartamento qui .

Cosa fare con il vecchio terriccio

Quando hai finito di rinvasare le tue piante, il vecchio terriccio può essere scaricato nel bidone del compost. Se non hai un contenitore per il compost, puoi semplicemente gettarlo nelle aiuole o gettarlo nella spazzatura.

Qualunque cosa tu faccia, non riutilizzare mai il vecchio terriccio per rinvasare altre piante. Il suolo può ospitare parassiti e malattie e riutilizzarlo è una ricetta per il disastro.

Domande frequenti sul rinvaso delle piante

In questa sezione risponderò ad alcune delle domande più frequenti sul rinvaso di piante da interno. Se hai una domanda a cui non riesci a trovare una risposta, chiedila nella sezione commenti qui sotto. Sarò felice di risponderti appena possibile.

Dovresti annaffiare le piante dopo il rinvaso?

Sì … di solito. L’unica volta in cui non consiglierei di annaffiare una pianta dopo il rinvaso è se il terreno era inzuppato prima di iniziare. Altrimenti, dargli un buon bicchiere d’acqua dopo il rinvaso aiuterà ad alleviare lo stress e prevenire gravi shock da trapianto.

Cosa succede se non rinvasate una pianta?

Le piante che sono fortemente legate alle radici non saranno in grado di assorbire abbastanza acqua o sostanze nutritive. Alcuni possono gestirlo per un tempo molto lungo, ma altri inizieranno a morire molto più velocemente.

Puoi uccidere una pianta rinvasando?

SÌ! Questo è in realtà un problema molto comune con le piante che sono malate o deboli prima di essere rinvasate. Lo shock da trapianto può uccidere rapidamente una pianta che è già stressata. Non rinvasare mai una pianta morente o malata.

Le piante legate alle radici possono riprendersi?

Si assolutamente. La maggior parte delle piante legate alle radici si riprenderà molto rapidamente dopo essere state messe in vaso in un contenitore più grande.

Potresti rinvasare le piante nello stesso vaso?

Sì. Questa è una pratica comune per le piante di grandi dimensioni, soprattutto quando non vuoi che diventino più grandi. Vedere la sezione intitolata “Come rinvasare una pianta di grandi dimensioni” sopra per i dettagli.

Dovresti mai rinvasare le piante in un vaso più piccolo?

Non è una pratica molto comune. Ma a volte una pianta cresce in un vaso troppo grande, quindi è meglio spostarla in uno più piccolo. È anche comune mettere le piante in vasi più piccoli dopo averle divise.

Devo mettere i ciottoli nella mia pentola?

No, non c’è alcun vantaggio nel mettere ciottoli, pietre, rocce o qualsiasi altro materiale di riempimento della fioriera sul fondo del vaso. Devi solo assicurarti che la fioriera abbia fori di drenaggio adeguati.

Puoi tagliare le radici durante il rinvaso?

Sì, ma stai attento. Alcune piante soffriranno se tagli troppo le radici o se tagli il fittone. Ad altri non piace affatto che le loro radici siano disturbate. Quindi, prima di potare le radici, assicurati di fare una piccola ricerca per assicurarti che la tua pianta non sia schizzinosa.

Il rinvaso di piante d’appartamento in vasi più grandi stimolerà una nuova crescita, consentendo loro di rimanere in buona salute e crescere più grandi. Assicurati solo di farlo nel momento migliore e per i giusti motivi. Ora che conosci i segnali per quando devono essere rinvasati, lo farai bene ogni volta!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come proteggere le piante dai danni del gelo

Come addestrare le viti a crescere verticalmente