in

Cosa farebbe Bob? Rimozione di una finestra a doppia apertura

Quando una finestra a doppia anta non si apre, il colpevole più probabile è un cattivo lavoro di verniciatura, ma ci sono altri possibili criminali. Ecco come sbloccare la finestra e capire chi l’ha fatto.

D: Di recente io e mia moglie ci siamo trasferiti in una casa in affitto e non riusciamo ad aprire le finestre a doppia anta della camera da letto. Andava bene per noi durante l’inverno, ma ora che fa caldo, vogliamo davvero far entrare un po ‘d’aria fresca! Suggerimenti?

A: Ci siamo passati tutti: prova ad aprire la finestra, l’anta si rifiuta di muoversi. Quasi invariabilmente, la colpa è della pittura sciatta.

Le finestre a doppia anta sono aggeggi abbastanza complicati e ogni parte ha il proprio nome (anche alcuni professionisti hanno difficoltà a mantenere tutti i termini appropriati). Tecnicamente, una finestra cessa di funzionare correttamente quando la vernice entra e si asciuga nello spazio tra l’anta – la parte mobile della finestra – e le battute di battuta e di troncatura – elementi che dirigono il percorso su e giù dell’anta.

Fortunatamente, non hai davvero bisogno di una lezione di vocabolario per aprire una finestra bloccata. Tutto ciò di cui hai bisogno è una lama.

Per prima cosa: prendi un taglierino (noto anche come taglierino).

Passa il tuo taglierino lungo tutte le articolazioni che circondano la fascia. E non dimenticare di affrontare il lato posteriore del bordo superiore (potresti dover salire su uno sgabello per vedere cosa stai facendo lassù).

Ora metti giù il coltello e prova il finestrino. Dovrebbe aprirsi, se non facilmente, con un po ‘di agitazione.

Una volta che lo hai aperto alla brezza, usa il mozzicone di una candela per lubrificare il canale lungo il quale viaggia l’anta. La cera non lascia un disordine e dovrebbe rendere molto più facile azionare la finestra in futuro.

Se fare quanto sopra non fa differenza, consiglio di rimuovere sia le ante superiori che quelle inferiori.

Le ante delle finestre avranno bisogno di più attenzione di quanto tu possa amministrare in sicurezza mentre sono al loro posto. La rimozione delle ante richiede una manciata di passaggi.

  1. Inizia togliendo le viti negli arresti interni.
  2. Quindi, fai leva con attenzione sulla modanatura di arresto liberandola dall’anta inferiore.
  3. Procedi con l’estrazione delle strisce di separazione e a volte è più facile a dirsi che a farsi. Se le strisce sono state dipinte e sono attaccate, allunga di nuovo la mano verso il taglierino. Incidi le giunture che circondano le strisce, poi tira, se devi, ma con attenzione.
  4. Una volta che quelle strisce di separazione sono state tolte, entrambe le ante (quella superiore per prima) dovrebbero uscire piuttosto facilmente.

Ispezionare attentamente le ante una volta rimosse.

Se sono umidi e il legno sembra essersi gonfiato, la vernice non è un tuo problema. La spiegazione più probabile è che il lampeggiamento mancante o installato male sull’esterno della tua casa sta permettendo all’acqua di bagnare il telaio della finestra quando piove. La riparazione lampeggiante in genere comporta la rimozione limitata del rivestimento della casa. La cosa migliore è ottenere l’opinione di un professionista prima di decidere cosa fare dopo.

Cosa succede se l’ispezione delle ante non rivela danni causati dall’acqua?

Il mio suggerimento è di raschiare la finestra e carteggiare, più o meno, sul legno nudo. Aggiungi una mano di primer e poi una nuova mano di vernice, facendo attenzione a non lasciare aree di accumulo. Lascia asciugare la vernice e poi rimonta la finestra.

Se vivi in ​​un clima umido, valuta la possibilità di utilizzare un deumidificatore nella stanza con la finestra bloccata.

Quando le porte si bloccano, spesso la causa è l’umidità elevata. Questo è raramente il caso delle finestre a doppia anta, non è escluso.

Se è la finestra del bagno che ti dà problemi, fai funzionare l’aspiratore durante e dopo la doccia. Allo stesso modo, una fascia ostinata in cucina può essere aggravata dalla cottura sul fornello; avviare la ventola di scarico durante la preparazione dei pasti e vedere se aiuta.

Se la finestra interessata non si trova né in un bagno né in cucina, puoi spostare un deumidificatore nell’area e farlo funzionare per 24 ore nella speranza che la finestra si apra. Ma riconosci che questa è solo una soluzione temporanea.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Radio Bob Vila: riparazione dello schermo resa semplice

Dove abita Eros Ramazzotti a Milano