in

Godersi la bella stagione a casa è possibile! Grazie a pergole e pergolati

 

Chi possiede nella propria casa uno spazio esterno sa che ormai è giunto il momento di organizzarlo in maniera funzionale, che sia esso un patio, un giardino o una terrazza, lasciandosi alle spalle la stagione fredda. Mai come nell’ultimo anno si è compresa l’importanza di trascorrere lunghi periodi a contatto con la natura, quindi non sarà difficile desiderare di sfruttare al massimo ciò che sta al di fuori delle mura domestiche, rendendolo a tutti gli effetti un’estensione della casa in cui potersi rilassare come sul divano, o pranzare come se ci si trovasse in cucina.

 Benché l’inverno sia ormai un lontano ricordo, anche i primi caldi presentano alcune problematicità che impediscono di godersi l’aria aperta appieno. Il sole estivo accecante e gli improvvisi temporali rischiano di rovinare i tanto agognati attimi di relax. Ma una soluzione esiste: basta dotarsi di una struttura di copertura, in grado di riparare efficacemente l’ambiente in cui staremo  dei prossimi mesi, convertendolo in una stanza da arredare a seconda del proprio gusto personale.

Quali vantaggi comporta l’installazione delle pergole?

Oltre a fornire funzionalità agli spazi esterni, rendendo piacevole il tempo trascorso all’aperto, non bisogna dimenticare che le pergole e i pergolati riescono a farli diventare validi anche da un punto di vista estetico, soprattutto se abbelliti con piante rampicanti. Conseguentemente, dotarsi di coperture per l’outdoor presenta indiscutibili vantaggi economici, dato che è indubbio il miglioramento del comfort abitativo, facendo salire in maniera drastica il valore dell’immobile sul mercato. I benefici non ci saranno solo nel caso in cui deciderete di mettere in vendita l’abitazione, ma potrete vederli anche nell’immediato esaminando la bolletta. Grazie all’installazione di pergole e pergolati, e al causato contatto con una o più pareti dell’immobile, viene messo in atto un isolamento termico delle stanze adiacenti, mantenendole fresche senza dover ricorrere continuamente al condizionatore. In commercio esistono varie coperture, con differenti dimensioni e caratteristiche tecniche, che illustreremo qui di seguito.

Differenze tra pergole, pergolati e pergotende

Tutte e tre condividono l’essere una struttura a forma di tetto, in legno o in ferro, avente uno scopo ornamentale e funzionale, capace di creare uno spazio in ombra da vivere durante la primavera e l’estate. Ciò che distingue essenzialmente un pergolato e una pergola è la dimensione: il primo è più grande, o si presenta come un impianto continuo composto da unità di pergole. Le pergole venivano usate spesso nei giardini delle dimore signorili per creare spazi in cui ripararsi dal sole battente, assicurando riservatezza assoluta per chi li percorreva. Le pergotende sono invece pergolati classici, alle quali vengono abbinate tende da sole da esterno, realizzate con materiali appositamente studiati per resistere agli agenti atmosferici. Perché è importante conoscere le particolarità di ciascuna di queste coperture? Il motivo è semplice: a seconda della tipologia possono servire o meno delle autorizzazioni per poterle installare. Nel caso in cui la pergola, il pergolato o la pergotenda siano strutture facilmente rimovibili, destinate a ombreggiare una superficie limitata, allora non sarà necessario richiedere alcun permesso al comune per apporle. Tale mancanza di obbligo sussiste per la pergotenda qualora possieda una tenda retrattile, altrimenti si potrà procedere al suo montaggio solo dopo il rilascio delle licenze obbligatorie, perché la struttura avrà assunto il connotato edilizio di tettoia. Il discorso si ripete per qualunque pergolato, pergotenda o pergola che sia ancorata al suolo tramite pilastri o travi di dimensioni rilevanti.

Pergole bioclimatiche: coperture all’avanguardia

Negli ultimi anni si sono diffuse sul mercato le pergole bioclimatiche, tecnologicamente avanzate e dotate di chiusure laterali, che equiparano lo spazio esterno a ogni altra stanza dell’abitazione, rendendolo sfruttabile non solo durante la stagione estiva, ma anche per il resto dell’anno. In che modo? Essendo un pergolato a lamelle orientabili  è possibile, grazie all’ausilio di un telecomando, creare le condizioni ideali di ventilazione e luce. Le lame infatti possono ruotare fino a una gradazione tale da consentire il ricircolo dell’aria e la regolazione della luminosità. Ecco il motivo per cui le pergole bioclimatiche retrattili sono le più gettonate: rendono possibile l’impacchettamento delle lamelle, lasciando all’utente l’opportunità di scegliere quanta superficie coprire e quanta luce far entrare all’interno dell’area di comfort predisposta. Una soluzione perfetta in caso di pioggia, soprattutto se si pensa che l’acqua piovana defluisce con facilità lungo il perimetro della struttura con l’aiuto di un sistema di drenaggio; o durante le serate estive più fresche, quando ci si vuole comunque ristorare all’aperto. Copertura ecosostenibile a tutti gli effetti, possiede il vantaggio di non richiedere una manutenzione continua, in virtù della sua resistenza all’usura. A tale struttura possono essere aggiunte delle migliorie per rendere l’ambiente ancor più elegante: i sistemi LED integrati conferiscono al luogo una luminosità unica, soprattutto se presentano variazioni cromatiche e, trattandosi di tecnologie intelligenti, possono essere regolate direttamente dall’utente tramite appositi dispositivi.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

I 9 migliori coltelli da bistecca

Dove abita Anna Oxa