in

I 4 errori da non fare in fase di trasloco

 

Chi ha traslocato almeno una volta nella vita sa bene quanto sia difficile montare e smontare i mobili, trasportarli e soprattutto suddividere in scatole vestiti, alimenti e tutta l’oggettistica presente in casa. Ecco quindi che questa guida andrà ad indicare gli errori più frequenti in fase di trasloco, così che una volta conosciuti, possano essere evitati con facilità.

1 – Non chiedere aiuto ad un’azienda di traslochi

Spesso si pensa che ingaggiare un’azienda di traslochi sia un’operazione molto onerosa. In realtà evitare di chiedere aiuto a una di esse potrebbe essere molto più dispendioso, perché capita spesso in fase di trasloco di smontare in maniera dannosa i mobili, perdere pezzi o addirittura macchiare oggetti e scatoloni. I danni che si possono fare in autonomia, se non si è esperti, risultano quindi notevoli. Ecco il motivo per il quale molte famiglie, specialmente nelle grandi città, decidono di avvalersi di un’azienda competente quando devono cambiare abitazione. Lo sanno bene le ditte di traslochi Firenze, operative su tutta la provincia e non solo per effettuare spostamento non solo di arredamenti casalinghi, ma anche di uffici e negozi. Tra i servizi offerti da realtà di questo tipo vi è anche l’opzione di deposito, utile a chi non può entrare nell’immediato nella nuova casa o per chi desidera organizzarsi con calma.

2 – Non seguire un ordine in fase di inscatolamento

Chi non segue un ordine in fase di inscatolamento arriverà nella nuova casa senza avere a portata di mano le cose che gli servono. Ecco quindi che ogni oggetto deve essere imballato insieme ai suoi simili: i vestiti con i vestiti, il cibo con il cibo, etc…  Questo renderà più facile il momento in cui si disfano le scatole. Per quanto riguarda gli alimenti invece, è bene riporre in basso i cibi più solidi e dotati di scocca protettiva e in alto quelli più morbidi e che rischiano di essere schiacciati. Anche nel momento di carico dei mobili sul furgone (o altro mezzo cabinato) è importante seguire un ordine. Per prima cosa vanno caricati i mobili più grandi, dopo andranno le scatole più pesanti, affinché assicurino il blocco dei mobili precedentemente inseriti, solo successivamente si caricheranno le scatole leggere ed i mobili più piccoli.

3 – Utilizzo di corde e blocchi

Affinché non cada nulla durante il trasporto è bene fissare mobili e oggetti con delle corde. Fare un trasloco interpellando una ditta esperta significa evitarsi questo pensiero, in quanto sono già munite di attrezzi che permettono un perfetto ancoraggio degli articoli caricati a bordo dei furgoni.

4 – Calcolare male i tempi organizzativi

A seconda degli articoli da spostare e dagli impegni quotidiani del traslocante, un trasloco può durare anche diversi giorni. È altamente consigliato quindi agire nei giusti tempi, anticipandosi il più possibile. In media è consigliato cominciare a preparare gli scatoloni almeno 3 settimane prima della data effettiva del trasloco. In questo modo l’utente non sarà preso dall’ansia ed eviterà di commettere errori.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Idee per l’arredo degli spazi esterni

3 Consigli per scegliere l’idraulico giusto