in

La migliore vernice lucida per la tua cucina

La scelta della vernice per una cucina è particolarmente importante a causa della natura dello spazio e di come viene utilizzata. Oltre a scegliere un colore gradevole per questa stanza in cui trascorrerai una notevole quantità di tempo, devi anche scegliere una vernice che resista all’uso e che sia facilmente lavabile. Il fattore di base “capacità di sfregamento” è determinato dalla lucentezza della vernice. 

Una cucina è meglio dipinta con una vernice semilucida o lucida. Per capire perché è necessario comprendere un po ‘le diverse categorie di vernice e le loro differenze. 

Cos’è Paint Sheen?

Le vernici per pareti interne e lavori in legno sono disponibili in diverse finiture o lucentizze. Il termine “lucentezza” è usato per riferirsi al livello di lucentezza o lucentezza che è evidente nello strato di vernice quando viene essiccato. Ogni produttore di vernici ha la propria terminologia e mezzi per classificare i vari livelli di lucentezza, ma molti produttori utilizzano una classificazione a 5 livelli: piatto (opaco), guscio d’uovo, satinato , semilucido e lucido (o lucido) per indicare i livelli di lucentezza. 

Cosa rende la vernice lucida così brillante?

Tecnicamente, i livelli di lucentezza sono identificati dalla quantità di luce che riflettono e questo è determinato dalla chimica della vernice. Le vernici più brillanti e lucide contengono livelli relativamente alti di resine e leganti che creano una finitura lucida, liscia e dura che riflette molta luce, mentre le vernici con un rapporto più alto di pigmenti avranno una lucentezza più piatta e più suscettibili all’usura. Poiché le vernici più lucide contengono meno pigmento e più legante, potrebbe essere necessario coprire pareti e lavori in legno con due o anche tre strati di vernice per ottenere una copertura completa. Questo è un prezzo che vale la pena pagare in una cucina, tuttavia, dove schizzi e schizzi e altre forme di uso intenso significheranno sicuramente che dovrai pulire le pareti di tanto in tanto. 

Differenze tra Paint Sheens

Ecco come i produttori di vernici descrivono le loro diverse tonalità di vernice e le loro raccomandazioni su dove usarle: 

  • Piatto o opaco: fornisce una finitura liscia e sottile che mimetizza le imperfezioni. Ideale per zone a basso traffico. Le vernici piatte diffondono la luce ma tendono a trattenere lo sporco e sono più difficili da pulire. Lo strato di vernice può essere consumato anche con un leggero sfregamento. Ideale per soffitti e pareti in ambienti a basso utilizzo. Poiché assorbe piuttosto che riflettere la luce, le pitture piatte tendono a nascondere le imperfezioni della parete. 
  • Guscio d’uovo: questa è una finitura a bassa lucentezza con meriti simili alle vernici piatte / opache. Le vernici a guscio d’uovo sono leggermente più lavabili delle vernici piatte. Ideale per soffitti e pareti in stanze soggette a usura da bassa a moderata. 
  • Raso: questa lucentezza offre una finitura versatile ed elegante, perfetta per le stanze più attive. È una pittura multiuso ideale per tutte le pareti nelle case con bambini. È una scelta comune per le pareti della cucina e del bagno. 
  • Semilucida: questa finitura può essere pulita facilmente e ha una finitura che riflette la luce. Può essere utilizzato per muri ad alto traffico, come quelli che si trovano nei corridoi e per la lavorazione del legno. Sebbene più spesso utilizzato per la lavorazione del legno, è una scelta praticabile per le pareti in aree ad alto utilizzo come cucine e bagni. 
  • Gloss (High-Gloss): Questa è una finitura molto brillante, ideale per le stanze in cui è probabile il lavaggio frequente. Non viene spesso utilizzato sui muri, ma a volte viene scelto per la lavorazione del legno, poiché sopravvive a lavaggi frequenti e pesanti senza alcuna usura. La maggior parte delle persone lo trova troppo lucido e industriale per essere utilizzato sui muri. L’estrema lucentezza può anche esporre difetti nei muri. 

Quale lucentezza scegliere per le cucine

La maggior parte delle persone ritiene che la vernice satinata o semilucida funzioni meglio nelle cucine. Uno schema comune è quello di utilizzare vernice satinata sui muri, con vernice semilucida utilizzata su tutti gli  armadietti o le parti in legno che sono anche dipinte. Le aree del backsplash possono trarre vantaggio dalla vernice semilucida o anche molto lucida poiché è probabile che vengano strofinate con una certa regolarità. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come rinnovare una doccia con vernice epossidica

La vernice isolante può sostituire l’isolamento della parete?