in

Muffa in casa: come combatterla con il cappotto termico

Muffa in casa
Muffa in casa

L’umidità in casa può creare problemi significativi, causando danni strutturali e influenzando la salute degli abitanti. Uno dei modi efficaci per combattere la muffa e migliorare l’efficienza e il risparmio energetico di un edificio è l’installazione del cappotto termico

Tuttavia, prima di procedere con tale intervento, è fondamentale comprendere come affrontare l’umidità in modo adeguato, individuando la sua origine e adottando le misure preventive necessarie. In questo articolo, vedremo dettagliatamente come il cappotto termico può essere una soluzione efficace per combattere la muffa in casa, i suoi vantaggi e svantaggi, nonché le situazioni in cui potrebbe non essere la scelta migliore.

Da cosa è composto il cappotto termico

Il cappotto termico è composto da una serie di componenti essenziali che lavorano insieme per migliorare l’isolamento termico dell’edificio. Questi componenti includono il materiale isolante, i profili di partenza e di chiusura per cappotto, i tasselli per il fissaggio e altri materiali utilizzati durante l’installazione. Vediamoli nel dettaglio:

  1. Materiale Isolante: Il cuore del cappotto termico è rappresentato dal materiale isolante. Questo materiale è progettato per ridurre la dispersione di calore attraverso le pareti dell’edificio. Tra i materiali isolanti più comuni utilizzati nei cappotti termici ci sono il polistirene espanso (EPS), la lana di vetro, la lana di roccia e il poliuretano espanso. La scelta del materiale isolante dipenderà dalle esigenze specifiche dell’edificio e dalle condizioni climatiche locali.
  2. Profili di partenza e di chiusura: I profili di partenza e di chiusura per cappotto sono elementi strutturali che definiscono i limiti del cappotto termico e consentono una corretta installazione. Il profilo di partenza è posizionato alla base del sistema per evitare la penetrazione dell’umidità, mentre il profilo di chiusura serve a chiudere il sistema in modo pulito e esteticamente gradevole.
  3. Tasselli per il fissaggio: I tasselli per il fissaggio sono utilizzati per ancorare saldamente il materiale isolante alle pareti dell’edificio. Questi tasselli vengono installati in modo da garantire la stabilità del cappotto termico e la sua resistenza alle condizioni atmosferiche. Esistono diversi tipi di tasselli per cappotto, tra cui quelli meccanici e quelli chimici, a seconda delle esigenze strutturali.
  4. Rete di armatura: La rete di armatura è un elemento fondamentale per conferire resistenza strutturale al sistema di cappotto termico. Solitamente realizzata in fibra di vetro o fibra di carbonio, la rete viene posizionata sopra il materiale isolante prima dell’applicazione dell’intonaco. Questa rete contribuisce a evitare la formazione di crepe nell’intonaco e a migliorare la durata del sistema.
  5. Strato di finitura: L’ultimo strato del cappotto termico è costituito dall’intonaco, che può essere applicato in vari stili e colori per soddisfare le preferenze estetiche. L’intonaco non solo conferisce un aspetto decorativo all’edificio, ma contribuisce anche a proteggere il materiale isolante e il sistema nel suo complesso da agenti atmosferici e danni meccanici.

Cappotto termico: vantaggi e svantaggi

Prima di addentrarci nella questione della muffa, è importante comprendere i vantaggi e gli svantaggi dell’installazione del cappotto termico in un edificio. Questa tecnica di isolamento termico offre numerosi benefici, tra cui una minore dispersione di calore, sia in inverno che in estate. L’installazione del cappotto termico riduce la formazione di aria fredda all’interno dei muri, migliorando così il comfort termico. Inoltre, fornisce un migliore isolamento acustico e può aumentare il valore di mercato della casa.

Tuttavia, ci sono anche alcuni svantaggi da considerare. Gli svantaggi includono i costi dei materiali e dell’installazione, lo spessore dello strato di coibentazione, nonché la possibilità che i materiali possano deteriorarsi nel tempo. Inoltre, se l’installazione del cappotto termico non viene eseguita da personale qualificato, potrebbe portare a problemi di umidità in casa. Pertanto, è essenziale valutare attentamente questi aspetti prima di procedere con l’installazione.

Il cappotto termico e l’umidità di risalita

Un aspetto critico da considerare quando si tratta di combattere la muffa in casa è l’origine dell’umidità. Se i muri di un edificio sono soggetti all’umidità di risalita, l’installazione del cappotto termico potrebbe non essere la soluzione ideale. L’umidità di risalita può provocare la formazione di muffa che danneggia il cappotto termico stesso, rendendo la situazione ancora peggiore.

Prima di installare un cappotto termico, è essenziale condurre un’indagine accurata sui muri dell’edificio per individuare eventuali problemi di umidità di risalita. In caso di presenza di tale umidità, è fondamentale intervenire in modo appropriato prima dell’installazione del cappotto. Solo dopo aver affrontato l’origine dell’umidità sarà possibile beneficiare appieno delle qualità del cappotto termico come protezione contro la muffa.

Evitare la formazione di muffa con il cappotto termico

Se si desidera utilizzare il cappotto termico come soluzione per combattere la muffa in casa, è importante adottare misure preventive. La deumidificazione dell’edificio è una tattica efficace per evitare la formazione di muffa. Ciò può essere ottenuto attraverso l’uso di barriere chimiche o l’iniezione di resine impermeabili all’interno dei muri, che impediscono l’umidità di risalita.

Prima di procedere con l’installazione del cappotto termico, assicurarsi di avere affrontato qualsiasi problema di umidità presente nell’edificio. Questa preparazione garantirà che il cappotto termico svolga in modo efficace il suo ruolo di prevenire infiltrazioni e condensa, contribuendo così a eliminare il problema della muffa.

Quando non installare il cappotto termico

Ci sono situazioni in cui l’installazione del cappotto termico potrebbe non essere la scelta migliore. Come discusso in precedenza, se l’edificio è affetto da umidità di risalita, è fondamentale risolvere questo problema prima di procedere con l’installazione del cappotto. Inoltre, ci sono altri casi in cui il cappotto termico potrebbe non essere appropriato.

Ad esempio, gli edifici soggetti a vincoli architettonici potrebbero non consentire l’installazione di un cappotto termico esterno. In tali situazioni, potrebbe essere necessario considerare altre opzioni di isolamento, come la coibentazione interna, anche se questa scelta potrebbe ridurre gli spazi interni dell’edificio.

In conclusione, il cappotto termico è un’efficace soluzione per combattere la muffa in casa, migliorare l’efficienza energetica e aumentare il comfort abitativo. Tuttavia, è fondamentale valutare attentamente le condizioni dell’edificio, risolvere eventuali problemi di umidità e considerare gli aspetti finanziari prima di procedere con l’installazione. 

Inoltre, in situazioni specifiche, potrebbe essere necessario esplorare alternative all’installazione del cappotto termico. Con la giusta preparazione e la scelta oculata, è possibile mantenere la propria casa al sicuro dalla muffa e beneficiare appieno delle qualità del cappotto termico.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0
ascensori in casa

Servoscale vs. Ascensori: quale scegliere per la tua casa?

efficienza energetica

Efficienza energetica nelle abitazioni: dati e informazioni per chi vuole immobili di classe A e B