in

Procedura: creare un detergente per vetri fatto in casa senza aloni

Salva la tua finestra dalle striature e risparmia ancora un po ‘di soldi con una versione fai-da-te dei tuoi detergenti commerciali preferiti.

Le finestre sporche o una porta di vetro rigata sono facili da notare e sono facili da pulire. Tuttavia, pulire le finestre e le porte sembra sempre un compito che rimandiamo, anche se richiede un lavoro minimo. Niente più scuse! Non hai bisogno di detergenti o strumenti fantasiosi quando puoi realizzare questa ricetta per pulire i vetri fai-da-te gratuitamente dalle forniture in casa. Risparmia qualche dollaro e mantieni le cose semplici mescolando il tuo lavavetri fai-da-te con nient’altro che alcune graffette della dispensa che probabilmente hai a portata di mano. Questo lavavetri fatto in casa è una soluzione di ingredienti che puoi effettivamente pronunciare, come aceto e acqua, e puoi montare velocemente e lasciare sotto il lavandino per la prossima volta che è necessario. Ecco la ricetta per il successo.

FASE 1: Raccogli i tuoi ingredienti domestici.

Fai irruzione in casa tua per raccogliere i materiali per questo detergente per vetri fai-da-te. Qui, come in tanti altri detergenti casalinghi non tossici, l’ aceto bianco gioca un ruolo chiave. La sua acidità taglia lo sporco e il grasso, un attributo che ben equipaggia il Lavavetro per rimuovere i detriti e le strisce. Se hai lavato le finestre per anni con un detergente commerciale come il 409 o persino il Windex, è probabile che il vetro abbia una sottile pellicola cerosa. Quel residuo viene via facilmente con un normale detersivo per piatti, un altro ingrediente che contribuisce all’efficacia del lavavetri fatto in casa.

FASE 2: Mescolare gli ingredienti del detergente per vetri fatto in casa e diluire con acqua tiepida.

Mescola gli ingredienti. In un flacone spray, unisci 1/4 di tazza di aceto bianco con 1/2 cucchiaino di detersivo liquido per piatti. Diluire la soluzione con due tazze d’acqua, quindi agitare energicamente la bottiglia per mescolare i componenti. Se ti capita di non avere aceto bianco a portata di mano, ricorda che puoi sostituirlo con il succo di limone. Come l’aceto bianco distillato, il succo di limone ha una leggera acidità che taglia il grasso e lo sporco con uguale brio.

FASE 3: aggiungi qualcosa per farlo profumare (facoltativo).

Come agente di pulizia, c’è molto da amare dell’aceto, ma l’odore forte non è la cosa preferita di tutti. Fortunatamente, puoi fare molto per camuffare il profumo del tuo detergente per vetri fatto in casa aggiungendo olio essenziale nella miscela del flacone spray. Scegli il tuo olio preferito, non importa quale, e includi da 10 a 15 gocce.

Con il detergente per vetri fatto in casa ora pronto, spruzzalo sul vetro della finestra e poi, usando un panno privo di lanugine, strofina il detergente su tutta la superficie che stai pulendo. Fai attenzione a non usare un panno o una spugna che lascerà aloni (o addirittura graffi). Per ottenere i migliori risultati, opta per un panno in microfibra o camoscio. Il detergente si asciugherà abbastanza rapidamente, lasciando una lucentezza senza aloni.

Cosa fanno gli ingredienti

Aceto

Il motivo principale per cui l’aceto bianco distillato è un buon detergente per vetri è perché contiene acido acetico. Il composto organico incolore non solo conferisce all’aceto bianco il suo sapore e odore pungenti, ma uccide anche alcuni batteri. Quindi, sebbene le soluzioni detergenti che contengono aceto siano ottime per abbattere e rimuovere sporco, grasso e depositi minerali, possono anche aiutare a rimuovere i germi dalle superfici dure intorno alla casa.

È importante notare, tuttavia, che le soluzioni detergenti a base di aceto non devono sostituire i veri detergenti igienizzanti che rimuovono il 99,9% di batteri e virus patogeni, lo standard EPA per i prodotti etichettati come disinfettanti.

Succo di limone

Simile all’aceto bianco, l’acidità del succo di limone può abbattere efficacemente lo sporco sulle superfici di vetro come le finestre. L’acido citrico contenuto nel succo di limone è tecnicamente un po ‘più forte dell’acido acetico dell’aceto, anche se entrambi si comportano più o meno allo stesso modo quando si tratta di pulire la casa.

Detersivo per i piatti

Diversi ingredienti compongono la maggior parte dei saponi liquidi per piatti oggi disponibili, ma il lauril solfato di sodio, in particolare, aiuta a dare a prodotti come il sapone per i piatti Dawn le sue impressionanti capacità di rimozione del grasso. Il componente si lega alle particelle oleose e le solleva dalle superfici, il che consente una facile rimozione se utilizzato con acqua.

Oli essenziali

Diversi tipi di oli essenziali contengono diversi componenti chimici naturali che sono utili per la pulizia e per creare un gradevole profumo in tutta la casa. Ad esempio, l’olio essenziale di melaleuca non solo offre un buon odore, ma possiede anche proprietà antibatteriche, antisettiche e antimicotiche. Quindi aggiungerlo al tuo lavavetri fatto in casa può aiutare a prevenire la crescita di muffe e funghi.

Acqua calda

Come per molte altre attività di pulizia, la temperatura dell’acqua fa la differenza. Tecnicamente parlando, l’acqua calda ha più energia cinetica dell’acqua fredda, il che significa che si agita più facilmente e solleva le particelle di sporco dalle superfici. Anche se questo può aiutare con la pulizia in una certa misura, l’uso di acqua calda non è essenziale per pulire le finestre. Anche l’acqua fredda o tiepida funzionerà.

Suggerimenti per la pulizia delle finestre

Una pulizia accurata delle finestre dovrebbe essere in cima alla lista delle cose da fare per la pulizia stagionale di ogni proprietario di casa. All’inizio della primavera, quando il clima si riscalda, è il momento opportuno per affrontare questo compito, sia dentro che fuori casa. Ma prima di iniziare a spruzzare le finestre, considera questi utili suggerimenti:

Se le finestre sono polverose ma non striate, puoi pulirle senza inserire nell’equazione una soluzione detergente , fatta in casa o altro. Usa semplicemente un panno privo di lanugine per raccogliere e rimuovere la polvere. Quindi, una volta terminato, completare il lavoro lucidando il vetro per una lucentezza senza aloni con un panno diverso e pulito.

Se possibile, pulisci le finestre in una giornata nuvolosa. Quando il sole splende direttamente sulla finestra, la soluzione detergente si asciuga più velocemente, il che può lasciare aloni o macchie d’acqua.

Qual è la migliore pulizia?

Sebbene sia possibile utilizzare salviette di carta, un panno morbido in microfibra funziona meglio per rimuovere prima la polvere e i detriti dalle finestre. Quindi utilizzare un panno in microfibra pulito separato per lavorare il Lavavetro fatto in casa lungo la superficie del vetro e rimuovere lo sporco ostinato e i residui. Una spatola è particolarmente utile per pulire a fondo l’esterno delle finestre e ottenere una lucentezza senza aloni.

Avvertenze e precauzioni per l’utilizzo di detergenti naturali

Sebbene la scelta di creare il tuo lavavetri utilizzando ingredienti naturali sia ecologica e più sicura per la tua pelle e i tuoi polmoni rispetto alle sostanze chimiche aggressive che si trovano in molti detergenti commerciali, ci sono ancora alcune considerazioni sulla sicurezza di cui essere consapevoli.

Ingredienti naturali come aceto bianco, succo di limone e oli essenziali sono efficaci detergenti per vetri fatti in casa, ma non dovrebbero sostituire i veri disinfettanti che hanno dimostrato di uccidere il 99,9% dei patogeni patogeni.

Non mescolare mai aceto con candeggina a base di cloro . Quando l’ipoclorito di sodio, il composto chimico di base della candeggina, si mescola con l’acido acetico contenuto nell’aceto, si trasforma in acido ipocloroso ed emette cloro gassoso tossico. Il gas di cloro può bruciare la pelle, causare mancanza di respiro e può anche essere fatale con l’esposizione a lungo termine.

Detergente per vetri contro detergente per vetri

I detergenti per finestre commerciali specializzati come Windex sono spesso a base di ammoniaca, che può lasciare aloni o macchie di nebbia su alcuni vetri. I finestrini dell’auto, ad esempio, non devono essere puliti con detergenti per vetri a base di ammoniaca, poiché i residui possono ostacolare la visuale del conducente.

I detergenti per vetri naturali come la ricetta del detergente per vetri fatto in casa sopra, d’altra parte, non lasciano residui o aloni quando vengono rimossi con un panno in microfibra pulito.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Qual è il tipo di porta migliore per il tuo ingresso?

Suggerimento rapido: pulire le finestre con i filtri del caffè