in

Requisiti del codice elettrico per stanza

Esistono codici elettrici per proteggere te, il proprietario della casa. Queste linee guida generali forniranno le basi di ciò che gli ispettori elettrici stanno cercando quando esaminano sia i progetti di ristrutturazione che le nuove installazioni. La maggior parte dei codici locali si basa sul National Electrical Code (NEC), un documento che definisce le pratiche richieste per tutti gli aspetti dell’installazione elettrica residenziale e commerciale. Il NEC viene rivisto ogni tre anni – 2014, 2017 e così via – e occasionalmente vengono apportate modifiche importanti al Codice. Quindi assicurati che le tue fonti di informazioni siano basate sul codice più recente. I requisiti del codice elencati qui si basano sul NEC 2017. 

La maggior parte dei codici locali segue il National Electrical Code (NEC), ma possono esserci delle variazioni. Il codice locale ha sempre la precedenza sul NEC quando ci sono differenze, quindi assicurati di verificare con il tuo dipartimento di costruzione locale i requisiti del codice specifici per la tua situazione. 

Gran parte del NEC implica requisiti per l’installazione elettrica generale che si applicano a tutte le situazioni, ma ci sono anche requisiti specifici per le singole stanze.           Volume 90%    2:26

Guarda ora: codice elettrico per le prese domestiche

Bagni

A causa della presenza dell’acqua, i bagni hanno requisiti ben definiti. Con le luci, i ventilatori e le prese che possono alimentare asciugacapelli e altri elettrodomestici, i bagni consumano molta energia e potrebbero richiedere più di un circuito .

  • Le prese di uscita devono essere servite da un circuito da 20 ampere. Lo stesso circuito può alimentare l’intero bagno (prese più illuminazione), purché non siano presenti termosifoni (compresi ventilatori con stufe incorporate) e purché il circuito serva un solo bagno e nessun altro ambiente. In alternativa, dovrebbe esserci un circuito da 20 A solo per le prese, più un circuito da 15 o 20 A per l’illuminazione. 
  • Le ventole con riscaldatori incorporati devono essere sui propri circuiti dedicati da 20 amp.
  • Tutte le prese nei bagni devono essere dotate di protezione dell’interruttore di circuito per guasto a terra (GFCI). 
  • Un bagno richiede almeno una presa da 120 volt entro 3 piedi dal bordo esterno di ogni lavabo. I lavelli Duel possono essere serviti da un unico recipiente posizionato tra di loro.
  • I corpi illuminanti nell’area della doccia o della vasca devono essere classificati per luoghi umidi a meno che non siano soggetti a spruzzi di doccia, nel qual caso devono essere classificati per luoghi umidi.

Cucina

La cucina utilizza più elettricità di qualsiasi stanza della casa. Cinquant’anni fa una cucina poteva essere servita da un unico circuito elettrico, ma oggi una cucina di nuova installazione con elettrodomestici standard richiede almeno sette circuiti e spesso di più.

  • Le cucine devono avere almeno due circuiti “piccoli elettrodomestici” da 20 amp e 120 volt che servono le prese nelle aree del piano di lavoro. Questi sono per apparecchi plug-in portatili.
  • Una cucina / forno elettrico richiede il proprio circuito dedicato da 120/240 volt.
  • La lavastoviglie e lo smaltimento dei rifiuti richiedono entrambi i propri circuiti dedicati da 120 volt. Questi possono essere circuiti da 15 A o 20 A, a seconda del carico elettrico dell’apparecchio (controllare le raccomandazioni del produttore; di solito 15 A sono sufficienti). Il circuito della lavastoviglie richiede la protezione GFCI , ma il circuito di smaltimento dei rifiuti no, a meno che non sia stabilito dal produttore. 
  • Il frigorifero e il microonde richiedono ciascuno i propri circuiti dedicati da 120 volt. L’amperaggio deve essere appropriato al carico elettrico dell’apparecchio; questi dovrebbero essere circuiti da 20 amp. 
  • Tutti i recipienti del controsoffitto e qualsiasi recipiente entro 6 piedi da un lavandino devono essere protetti da GFCI. Le prese del piano di lavoro dovrebbero essere distanziate non più di 4 piedi l’una dall’altra. 
  • L’illuminazione della cucina deve essere fornita da un circuito separato da 15 A (minimo).

Soggiorno, sala da pranzo e camere da letto

Le aree di soggiorno standard sono utenti di potenza relativamente modesti, ma hanno requisiti elettrici chiaramente definiti. Queste aree sono generalmente servite da circuiti standard da 120 volt 15 amp o 20 amp che possono servire più di una stanza. 

  • Queste stanze richiedono che un interruttore a muro sia posizionato accanto alla porta di ingresso della stanza in modo da poter illuminare la stanza entrando. Questo interruttore può controllare una plafoniera, una lampada da parete o una presa per collegare una lampada. L’apparecchio a soffitto deve essere controllato da un interruttore a parete piuttosto che da una catena di trazione.
  • Le prese a muro possono essere collocate a non più di 12 piedi di distanza l’una dall’altra su qualsiasi superficie della parete. Qualsiasi sezione della parete più ampia di 2 piedi deve avere un ricettacolo.
  • Le sale da pranzo di solito richiedono un circuito separato da 20 A per una presa utilizzata per un forno a microonde, un centro di intrattenimento o un condizionatore d’aria per finestre .

Scale

È necessaria una cura particolare nelle scale per garantire che tutti i gradini siano illuminati correttamente per ridurre al minimo il rischio di caduta.

  • Sono necessari interruttori a tre vie nella parte superiore e inferiore di ogni rampa di scale in modo che le luci possano essere accese e spente da entrambe le estremità. 
  • Se le scale girano su un pianerottolo, potrebbe essere necessario aggiungere ulteriori dispositivi di illuminazione per assicurarsi che tutte le aree siano illuminate. 

Corridoi

Queste aree possono essere lunghe e necessitano di un’adeguata illuminazione a soffitto. Assicurati di posizionare un’illuminazione sufficiente in modo che le ombre non vengano proiettate quando cammini. Ricorda, i corridoi spesso fungono da vie di fuga in caso di emergenza.

  • È necessario un corridoio lungo più di 10 piedi per avere una presa per uso generale.
  • Sono necessari interruttori a tre vie a ciascuna estremità del corridoio, che consentono di accendere e spegnere la plafoniera da entrambe le estremità. 
  • Se ci sono più porte servite da un corridoio, come per una camera da letto o due, potresti voler aggiungere un  interruttore a quattro vie  vicino alla porta all’esterno di ogni stanza.

Armadi

Gli armadi sono dotati di molte regole riguardanti il ​​tipo e il posizionamento del dispositivo.

  • Gli apparecchi con lampadine a incandescenza (che diventano molto calde) devono essere racchiusi con un globo o un’altra copertura e non possono essere installati entro 12 pollici da qualsiasi area di stoccaggio dei vestiti (o 6 pollici per gli apparecchi da incasso).
  • Gli apparecchi con lampadine a LED devono essere ad almeno 12 pollici dalle aree di stoccaggio (o 6 pollici per l’incasso).
  • I dispositivi con lampadine CFL (fluorescenti compatte) possono trovarsi entro 6 pollici dalle aree di stoccaggio.
  • Tutti gli apparecchi a plafone (non ad incasso) devono essere sul soffitto o sulla parete sopra la porta.

Lavanderia

Il fabbisogno elettrico di una lavanderia varierà a seconda che l’asciugatrice sia elettrica oa gas.

  • Una lavanderia necessita di almeno un circuito da 20 A per le prese che servono l’attrezzatura per la lavanderia; questo circuito può alimentare una lavatrice o un’asciugatrice a gas.
  • Un essiccatore elettrico necessita di un proprio circuito da 30 A e 240 V cablato con quattro conduttori (i circuiti più vecchi spesso hanno tre conduttori).
  • Tutti i recipienti devono essere protetti da GFCI.

Box auto

A partire dal NEC 2017, i garage di nuova costruzione richiedono almeno un circuito dedicato da 120 volt e 20 amp che serve solo il garage. Questo circuito può anche alimentare prese montate all’esterno del garage. 

  • All’interno del garage dovrebbe esserci almeno un interruttore che controlla l’illuminazione. Si consiglia di installare interruttori a tre vie per comodità tra le porte.
  • I garage devono avere almeno un recipiente, di cui uno per ogni posto auto.
  • Tutti i recipienti del garage devono essere protetti da GFCI.

Requisiti addizionali

Requisiti AFCI . Il NEC ora richiede che praticamente tutti i circuiti di derivazione per l’illuminazione e le prese in una casa debbano avere la protezione dell’interruttore di circuito per arco elettrico (AFCI). Questa è una forma di protezione che protegge dalle scintille (archi elettrici) e quindi riduce la possibilità di incendio. Si noti che il requisito AFCI è in aggiunta a qualsiasi protezione GFCI richiesta: un AFCI non sostituisce o elimina la necessità di protezione GFCI. 

I requisiti AFCI vengono applicati principalmente nelle nuove costruzioni: non è richiesto che un sistema esistente debba essere aggiornato per conformarsi ai requisiti AFCI delle nuove costruzioni. Tuttavia, a partire dalla revisione NEC 2017, quando i proprietari di casa aggiornano o sostituiscono prese o altri dispositivi difettosi, sono tenuti ad aggiungere la protezione AFCI in quella posizione. Questo può essere fatto in diversi modi: 

  • Un interruttore automatico standard può essere sostituito con uno speciale interruttore AFCI. Questo è un lavoro per un elettricista autorizzato. In questo modo creerai una protezione AFCI per l’intero circuito. 
  • Una presa difettosa può essere sostituita con una presa AFCI. Ciò creerà una protezione AFCI solo per il ricettacolo da sostituire. 
  • Laddove è richiesta anche la protezione GFCI (come cucine e bagni), una presa può essere sostituita con una doppia presa AFCI / GFCI. 

Prese a prova di manomissione (TR) . Tutte le prese standard devono essere del tipo antimanomissione (TR). Questi includono una funzione di sicurezza incorporata che impedisce ai bambini di attaccare oggetti nelle fessure della presa.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come riparare le clip a molla delle luci da incasso

Corrispondenza della dimensione del cavo all’amperaggio del circuito