in

Spazi verdi: l’importanza di una corretta manutenzione

Chi ha disposizione un giardino di dimensioni rilevanti o uno spazio verde, sa bene quanto gravoso possa essere l’impegno nel prendersene cura. Siepi, arbusti e alberi, infatti, vanno regolarmente potati, così come l’erba del prato va tagliata assiduamente, o il rischio è che incuria, erbacce e parassiti abbiano la meglio.

Se non ci si può assolutamente esimere dal lavoro di manutenzione, altrettanto importanti sono gli attrezzi da lavoro con i quali tenere in ordine il giardino. Fra questi, uno dei fondamentali di cui non si può proprio fare a meno è il decespugliatore, indispensabile per eliminare rami e vegetazione in eccesso. A differenza del tosaerba, infatti, che si può utilizzare solamente in orizzontale e che serve principalmente a tagliare l’erba e mantenere in ordine il prato, il decespugliatore può assolvere a molti più compiti.

Si può infatti utilizzare in senso verticale, in modo da intervenire anche su zone difficili da raggiungere. In commercio se ne trovano di diverse tipologie, differenti fra loro per fascia di prezzo e caratteristiche tecniche. Se si sta valutando l’acquisto di questo strumento, sul sito di decespugliatore.pro è possibile trovare un’utile tabella comparativa dei migliori modelli sul mercato e numerosi consigli per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze.

Giardinaggio: un aiuto fondamentale arriva dal decespugliatore

Il decespugliatore è uno strumento utilissimo per chi si occupa di manutenzione del verde perché consente di evitare inutili sprechi di energia che spesso non portano neppure a risultati soddisfacenti. Ne esistono di diverse categorie, da selezionare attentamente sia in base alle caratteristiche dello spazio che necessita l’intervento (dimensioni dell’area, presenza di alberi più o meno alti, stato di manutenzione, tempo da dedicare al giardinaggio…), sia a seconda degli elementi tecnici di un determinato strumento come, ad esempio, il tipo di alimentazione, la potenza del motore e l’ampiezza del taglio.

Quest’ultimo aspetto è di fondamentale rilevanza in quanto più grande sarà il raggio d’azione, più veloce e semplice sarà operare sulla superficie. In linea generale, può essere utile tenere presente come riferimento la misura di 40 centimetri, sufficienti per effettuare interventi di una certa entità; se, invece, il carico di lavoro dovesse essere minore, tra i 20 e i 25 centimetri di ampiezza dovrebbero essere sufficienti. Un altro aspetto da tenere in considerazione è il tipo di alimentazione: quelli elettrici col motore a batteria sono i decespugliatori più moderni e funzionali perché consentono all’operatore di muoversi per lo spazio in autonomia; al contrario, quelli col motore a scoppio rappresentano un buon compromesso per chi ha la necessità di intervenire su ambienti estremamente ampi e impervi. Quando la crescita della vegetazione è fuori controllo, infatti, occorre uno strumento potente in grado di tagliare arbusti di grandi dimensioni.

La manutenzione del giardino

Chi desidera avere un giardino sempre ben curato deve innanzitutto creare un ambiente libero da erbacce e piante infestanti. Una volta eseguita questa operazione, si potrà procedere con la progettazione dello spazio, un compito che sempre più persone decidono di delegare a un esperto paesaggista.

Questa figura professionale è in grado di valutare quali specie vegetali sono più indicate per il giardino, tenendo conto sia delle caratteristiche geografiche del luogo di residenza, sia delle esigenze del committente. Esistono, infatti, piante più o meno resistenti, la cui manutenzione può variare sensibilmente. Fondamentale, inoltre, disporre della giusta attrezzatura, o il rischio sarà quello di sprecare energia: gli strumenti ad hoc per la cura del verde sono progettati per aiutare l’utente a mantenere in ordine il proprio spazio nel minor tempo possibile.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Stai acquistando un nuovo televisore? I termini di base che devi sapere prima

Guarda e parla: come funzionerà la nuova funzione Nest Hub Max di Google?