in

5 vantaggi poco conosciuti dei pavimenti in linoleum

Brevettato per la prima volta a metà del 1800, questo pavimento durevole può ancora essere trovato in cucine, bagni, mudroom e foyer più di un secolo dopo. Scopri cosa rende il linoleum così desiderabile.

Pensi che linoleum e pavimenti in vinile siano la stessa cosa? Pensa di nuovo. Mentre molte persone chiamano erroneamente piastrelle in vinile “linoleum”, i due non potrebbero essere più diversi. A differenza delle piastrelle in vinile, un rivestimento per pavimenti sviluppato negli anni ’30 da trucioli di una resina sintetica chiamata cloruro di polivinile (PVC), il linoleum vanta un trucco più naturale che è stato in produzione anche più a lungo. Brevettato nel 1860, è realizzato con materiali rinnovabili tra cui olio di lino (chiamato anche linoxyn), resine di alberi, farina di legno riciclata, polvere di sughero e pigmenti minerali, il tutto montato su un supporto di iuta o tela. Per capire come questo materiale rimanga un’opzione di pavimentazione praticabile  nelle case per secoli, conoscere la storia e le migliori caratteristiche del pavimento in linoleum.

Una breve storia di un materiale da costruzione ecologico originale

Il primo linoleum commerciale fu prodotto dall’American Linoleum Manufacturing Company di Staten Island, NY, una società formata dall’inventore inglese Frederick Walton e dal partner Joseph Wild nel 1872. Il materiale resiliente e resistente all’acqua non ci volle molto per ottenere il favore degli americani proprietari di case. In effetti, è diventata una delle scelte di pavimentazione più popolari utilizzate nelle case americane tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, installata ovunque, dalle aree ad alto traffico come i corridoi alle zone soggette a umidità come cucine e bagni. (Le sue proprietà di resistenza all’acqua facevano appello anche fuori casa! In effetti, uno speciale linoleum di grosso spessore noto come “linoleum da corazzata” è stato commissionato dalla Marina degli Stati Uniti per essere utilizzato sul piano di calpestio delle navi da guerra interne.)

Nonostante il suo prezzo accessibile, il linoleum è stato considerato un materiale lussuoso per molti anni: è stato effettivamente utilizzato nella Grand Ballroom, nella sala da pranzo e in altre aree del Titanic! Ma il pavimento in vinile gradualmente più economico ha superato il linoleum negli anni ’40. Mentre il vinile è più economico e di facile manutenzione, è semplicemente un disegno stampato con uno strato protettivo sopra. Una volta che lo strato protettivo si consuma o è danneggiato, il pavimento deve essere sostituito. I vantaggi associati ai pavimenti in linoleum, d’altra parte, erano più profondi. Ecco cinque motivi principali per cui i proprietari di case scelgono il linoleum.

5 vantaggi del pavimento in linoleum

1. DURATA

La maggior parte dei produttori sostiene i pavimenti in linoleum con garanzie di 25 anni o più, ma un’adeguata cura e manutenzione può prolungare la durata del prodotto fino a 40 anni, più del doppio della durata prevista dei pavimenti in vinile. Parte della longevità del prodotto è dovuta alla sua intrinseca costruzione colorfast: il colore e il motivo sono per l’intera larghezza del materiale, non solo stampati sulla superficie (come nelle piastrelle). Assicurati solo di dotare le case di pavimenti in linoleum che includano un rivestimento protettivo aggiunto dai produttori per evitare che la superficie si scurisca o assuma una sfumatura gialla (un processo chiamato “ambra”), specialmente se esposta alla luce solare diretta – non lo è necessariamente incluso in ogni opzione di pavimentazione in linoleum. Questo strato superiore protettivo rafforza la resistenza del materiale contro sporco e graffi, ma il linoleum non è del tutto impermeabile. Evita comunque danni come ammaccature e strappi causati da oggetti appuntiti, inclusi tacchi alti, gambe di mobili in metallo e coltelli caduti.

2. RESISTENZA ALL’ACQUA

Oltre alla rigidità che regge sotto la normale usura del traffico pedonale, il linoleum presenta una resistenza all’acqua di base che non troverai nelle opzioni di pavimentazione come il legno. Questo vantaggio lo rende una scelta intelligente per gli spazi che accolgono scarpe bagnate e stivali innevati dall’esterno e quelli che vedono schizzi, come cucine o bagni. Tuttavia, i pavimenti in linoleum non devono mai essere immersi nell’acqua, poiché un’umidità eccessiva può arricciare i bordi, gli angoli o le cuciture. Inondazioni, scoppi di tubi e persino umidità elevata possono causare danni. Per un’opzione più impermeabile, cerca invece opzioni di piastrelle in vinile comparabili.

3. FACILE MANUTENZIONE

Il linoleum è uno dei materiali per pavimenti più facili da pulire e mantenere . Anche se il suo strato superiore protettivo protegge da sporco e graffi, dovrai comunque pulirlo regolarmente con detergenti delicati e non a base di ammoniaca. Una rapida spazzata o aspirapolvere periodicamente rimuoverà le particelle di sporco abrasivo che potrebbero graffiare il linoleum nel tempo, come farebbe un occasionale lavaggio umido con acqua calda. Le macchie possono essere facilmente rimosse con uno straccio e un detergente delicato. Poiché il colore del linoleum scorre lungo tutto il materiale, se si macchia o si graffia, puoi lucidare il danno e rifinire il pavimento. Anche il linoleum che non è rivestito in fabbrica per proteggere dall’ambra dovrà essere pulito e cerato ogni due o tre anni per evitare l’ingiallimento e anche per proteggere la superficie da graffi e danni causati dall’acqua.

4. ECOLOGIA

Il nome linoleum riflette le radici naturali del prodotto, derivante dalle parole latine “linum”, che significa lino o lino, e “oleum”, che significa olio. Il linoleum è anche facilmente riciclato e biodegradabile. Grazie ai suoi componenti in legno, dopo 25 o 40 anni puoi buttare via il materiale senza sensi di colpa: porta il linoleum usato in un impianto di incenerimento per il riciclaggio di energia o, se il mucchio di scarto è abbastanza piccolo, puoi persino compostarlo per il tuo giardino come te potrebbe fare con pacciame o trucioli di legno. E la sua composizione completamente naturale assicura che non emetta emissioni nocive di VOC (composti organici volatili), tanto per cominciare!

5. OPZIONI MYRIAD

Il linoleum di oggi è disponibile in un’enorme varietà di colori, stili e motivi, compresi i disegni che imitano l’aspetto del legno, della pietra o del marmo. L’aspetto di Linoleum non è l’unica decisione da prendere, però; è disponibile anche in una serie di opzioni per l’installazione e l’aspetto generale.

  • I pavimenti in linoleum in fogli offrono la più ampia varietà di colori e motivi e sono disponibili in rotoli di dimensioni jumbo adatti a coprire aree ampie e aperte.
  • I pavimenti in linoleum sono simili alle piastrelle in ceramica, porcellana e pietra ma molto meno costosi.
  • Il linoleum click-and-lock è progettato per essere utilizzato come parte di un sistema di pavimento flottante ed è disponibile in piastrelle o assi. Il linoleum di lastre e piastrelle è tipicamente incollato in posizione, mentre il pavimento a scatto e blocco scatta in posizione su un telaio del pavimento e quindi non richiede alcun adesivo aggiuntivo.

Fai da te o non fai da te?

Aggiornare i pavimenti della cucina con il linoleum può essere un progetto fai-da-te, in particolare se hai seguito il percorso delle piastrelle, che spesso si presentano in una configurazione “a scatto” progettata per essere installata come parte di un sistema di pavimento flottante. Per il linoleum in fogli, tuttavia, potrebbe essere meglio chiamare un appaltatore professionista di pavimenti: questa varietà di pavimenti in linoleum è molto più rigido del vinile in fogli e può essere difficile da misurare, tagliare e adattare con precisione. Se stai assumendo, assicurati di pianificare il lavoro quando pianifichi la ristrutturazione. Il costo per l’installazione varia in genere da $ 716 a $ 2.068, con la media nazionale di $ 1.378, secondo la True Cost Guide di Home Advisor .

L’installazione di un nuovo pavimento è una serie di passaggi che vanno oltre il semplice fatto di sapere come scattano i pezzi. Poiché la preparazione è la chiave per ottenere risultati con cui ti piacerà convivere, prendi in considerazione queste considerazioni prima dell’installazione indipendentemente dal fatto che tu prenda il percorso fai-da-te o chiami un professionista:

  • Assicurati che il pavimento sottostante sia a livello .
  • Rimuovere qualsiasi vecchio materiale per pavimenti, graffette, strisce adesive, chiodi o detriti.
  • Avere un sottopavimento correttamente installato.
  • Mantenere uno spazio di almeno 3/8 pollici tra il sottofondo e la parte superiore dei battiscopa per consentire la naturale espansione e contrazione del pavimento in linoleum.

Confronto dei costi

Il linoleum è un’opzione di pavimentazione estremamente conveniente, soprattutto se paragonata a pavimenti con superficie dura come legno duro, ceramica o pietra. I prezzi medi per il linoleum in genere vanno da $ 2,50 a $ 3,50 per piede quadrato, che è leggermente più del pavimento in vinile, che può iniziare da $ 0,50 per piede quadrato e arrivare fino a $ 5 o addirittura $ 8 per piede quadrato per il alternative in vinile più recenti e di lusso. Nel frattempo, il legno duro può costarti tra $ 5 e $ 15 per piede quadrato, piastrelle di ceramica tra $ 5 e $ 15 e piastrelle di pietra tra $ 7 e $ 20 per piede quadrato, secondo Panoramica dei costi di pavimentazione di Home Advisor .

Se i pro dei pavimenti in linoleum superano i suoi svantaggi per te, inizia a ricercare le tue opzioni con l’unica azienda che ora vende la maggior parte del linoleum per uso residenziale qui negli Stati Uniti: Forbo Marmoleum . (Armstrong Marmorette era stato recentemente interrotto e ora consiglia prodotti in vinile comparabili per le opzioni di pavimentazione non più in produzione.) Il suo linoleum è disponibile in fogli o piastrelle, in un’ampia varietà di colori che possono sembrare altrettanto grandi in uno stile artigianale casa come super moderna. Cucina, bagni, ingressi e fanghi potrebbero trarre vantaggio dal materiale di facile manutenzione e di qualità.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Le mattonelle encaustiche fanno ritorno

Ingegnerizzato vs solido: scelta di pavimenti in legno