in ,

Aria sana in cucina: alcuni consigli

La cucina è uno dei luoghi più a rischio di inquinamento in ambito domestico; basta però seguire una serie di semplici precauzioni per garantire una buona ventilazione ed un corretto ricambio dell’aria.
Innanzitutto è consigliabile collocare la cucina il più lontano possibile dalla zona notte.

Sul muro della cucina che confina con l’esterno va posizionato un foro d’aerazione, così come previsto dalla legge 46/90. Il foro deve essere di almeno 100 cmq se il piano cottura è dotato di termocoppia, un dispositivo di sicurezza contro lo spegnimento accidentale della fiamma. Se tale dispositivo non è presente, il foro deve essere di 200 cmq. Per facilitare il ricambio d’aria si può anche installare una griglia d’aerazione nella parte bassa della porta d’ingresso al locale.
Se esiste un foro d’esalazione diretto all’esterno o incanalato è consigliabile installare una cappa aspirante e non solo filtrante, in modo da espellere l’ossido di carbonio e richiamare ossigeno.
La potenza della cappa va scelta in base alla metratura della cucina, alla distanza del punto di aspirazione dallo scarico, al tipo di piano cottura e alla sua frequenza d’uso.
I bruciatori del piano cottura devono garantire una combustione corretta ed avere le valvole di sicurezza che intervengono quando la fiamma si spegne.
In cucina bisogna evitare l’uso di tessuti come quelli acrilici, che trattengono gli odori, lo sporco e la polvere.
Esistono anche dei rilevatori di gas con sensori che ne segnalano acusticamente la presenza e vanno installati sulla parete in cui è presente la sorgente di gas, a un minimo di un metro e ad un massimo di quattro metri.
Il sensore per il gas metano va posizionato in alto a 30 cm dal soffitto, mentre quello per il GPL va posto in basso a 30 cm dal pavimento.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

A Milano sono in mostra le “cattive abitudini”.

Installazione di un’antenna per radioamatore su un tetto condominiale, autorizzazioni e leggi urbanistiche