in

Quando e dove installare i rilevatori di monossido di carbonio

Quando dovresti acquistare i rilevatori di monossido di carbonio (CO)  per la tua casa? Ogni casa ne ha bisogno? Che tipo di apparecchi possono causare avvelenamento da monossido di carbonio?

La risposta breve a tutte queste domande è: quando si brucia qualsiasi tipo di combustibile liquido o solido per il riscaldamento, la cucina o altri usi, è necessario che in casa siano installati rilevatori di CO. E poiché le automobili e altre apparecchiature alimentate a gas creano monossido di carbonio, praticamente ogni casa dovrebbe avere un rilevatore di CO, anche se non ci sono apparecchi che bruciano carburante in casa.

avvertimento

Questo  gas velenoso  è inodore, incolore e insapore, che è ciò che lo rende così pericoloso. I problemi di salute si verificano perché quando la CO entra nei polmoni, si lega all’emoglobina dei globuli rossi, sostituendo l’ossigeno. Ciò porta alla carenza di ossigeno (ipossia) delle cellule del sangue.

Informazioni sul monossido di carbonio

Il monossido di carbonio è un gas presente nell’aria , ma è la presenza di livelli elevati, come quelli emessi dalla combustione del carburante, che possono rendere questo gas mortale. Il monossido di carbonio è un inquinante formato dalla combustione di combustibili idrocarburici, tra cui gas naturale, propano, legno, carbone e benzina, tra gli altri. Tutti gli apparecchi e le apparecchiature a combustione in casa producono gas CO, indipendentemente dall’efficienza energetica.

La CO è misurata in parti per milione o ppm. I sintomi dell’esposizione al CO peggiorano con un’esposizione più lunga e più alta:

  • Da 0,5 a 5 ppm : livello normale di CO per abitazioni con apparecchi a combustione.
  • Sotto i 70 ppm : l’esposizione per 6-8 ore può portare a sintomi quali mal di testa e vertigini. Le persone con malattie cardiache possono avvertire sintomi aggiuntivi, come dolore al petto.
  • 100 ppm : l’esposizione per due ore o più può causare mal di testa, affaticamento e nausea.
  • Da 150 a 200 ppm : l’esposizione a lungo termine può portare alla morte.

Tipi di apparecchi che bruciano carburante

Gli apparecchi a combustione di carburante adeguatamente testati, installati e sottoposti a manutenzione sono generalmente sicuri da usare, ma in caso di uno sfiato di scarico ostruito o di un guasto di qualsiasi parte dell’apparecchio, livelli pericolosi di monossido di carbonio possono essere rilasciati nella casa. Molti pericoli domestici di CO si sono verificati semplicemente dai nidi degli animali o dalle forti nevicate che hanno bloccato le prese d’aria o i camini degli elettrodomestici. I tipi comuni di apparecchi a combustione utilizzati nelle case includono:

  • Apparecchi a legna , comprese stufe a legna, stufe a legna, caminetti, stufe a pellet e stufe a cassetta o da salotto
  • Apparecchi a petrolio, propano o gas naturale, comprese caldaie, forni, piani cottura e fornelli, alcuni frigoriferi, scaldacqua, stufe e caminetti o prodotti per focolari
  • Apparecchiature a gas o gasolio, come generatori (devono essere sempre utilizzati all’aperto)
  • Stufe a combustione biologica, agricola o di altro tipo

Di quanti rilevatori di CO ho bisogno?

Le raccomandazioni per i rilevatori di CO sono simili a quelle per i rilevatori di fumo. Come minimo, ogni casa dovrebbe avere un rilevatore di CO su ogni piano, uno dentro o appena fuori ogni zona notte e uno nel seminterrato. Nelle case in cui più camere da letto sono adiacenti a un corridoio comune, un singolo rilevatore nel corridoio può fornire protezione a tutte le stanze. Tuttavia, se la casa ha un riscaldamento ad aria forzata (con un forno a gas o propano convenzionale), il monossido di carbonio che fuoriesce dal sistema del forno può raggiungere ogni stanza individualmente. Pertanto, è più sicuro includere un rilevatore di CO separato in ogni camera da letto o in altre zone notte.

Se altre aree della casa, come un attico o un portico chiuso o una veranda, dispongono di apparecchi a combustione o vengono utilizzate come zone notte, ciascuno di questi spazi dovrebbe avere un rilevatore di CO. Lo stesso vale per un garage o una dependance (serra, casetta da giardino, ecc.) Con una stufa non elettrica.

Tipi di rilevatori di monossido di carbonio

I rilevatori di CO sono disponibili nei modelli plug-in e cablati. Esistono anche rivelatori combinati che forniscono la rilevazione sia per il fuoco che per il monossido di carbonio. I rilevatori cablati sono collegati al sistema di cablaggio di una casa e dovrebbero includere batterie per l’alimentazione di backup in modo che continuino a funzionare se l’alimentazione si interrompe. I rilevatori plug-in si collegano semplicemente a qualsiasi presa elettrica standard e includono sempre la batteria di backup.

La maggior parte dei rilevatori cablati sono interconnessi in modo che, se viene attivato un rilevatore, tutti gli altri rilevatori della casa vengono attivati ​​automaticamente e fanno suonare i loro allarmi. La capacità di interconnessione è disponibile su alcuni rilevatori plug-in, che si interconnettono tramite tecnologia wireless.

Mentre i rilevatori di CO standard hanno letture digitali di base o luci che indicano varie funzioni di allarme o condizioni di batteria scarica, i rilevatori di CO con un display digitale di monossido di carbonio includono sempre una lettura dei livelli di monossido di carbonio (in ppm). Questo può aiutare a rilevare precocemente i problemi con gli apparecchi a combustione (come un forno che perde o uno scaldabagno scarsamente ventilato) e può avvisarti di livelli di CO superiori al normale, in particolare livelli che portano a sintomi ma non sono abbastanza alti da innescare un allarme.

Suggerimenti per l’installazione e manutenzione

Chiunque può installare rilevatori di CO plug-in; è sufficiente inserire una batteria nuova e collegare l’unità a una presa che non sia coperta da mobili, tende o altri ostacoli. I proprietari di case con esperienza elettrica possono facilmente installare rilevatori cablati; altrimenti, un elettricista è il miglior professionista per il lavoro.

Seguire sempre i requisiti e le raccomandazioni di installazione del produttore. Alcuni rilevatori di CO funzionano meglio a livelli inferiori a 5 piedi sopra il pavimento; altri (come le unità combinate) devono essere installati sopra o vicino al soffitto. Inoltre, ci sono alcune posizioni generali da evitare :

  • Aree ad alta umidità, come bagni o saune
  • Aree con temperature inferiori a 40 gradi F o superiori a 100 gradi F.
  • Vicino a bocchette di riscaldamento / raffreddamento, ventilatori a soffitto, finestre aperte o altre aree con flusso d’aria forte o turbolento o ventilazione pesante
  • A meno di 5 piedi da apparecchi di cottura o entro 20 piedi da apparecchi a combustione.
  • Alla luce solare diretta o all’aperto

avvertimento

Mantieni i tuoi rilevatori di CO pulendoli mensilmente con un aspirapolvere e una spazzola morbida . Sostituire la batteria in ciascuna unità ogni sei mesi. Sostituire le unità rivelatore come consigliato dal produttore; le unità non durano per sempre. Per tenere traccia dell’età dei rilevatori, scrivere la data di acquisto sul retro di ciascuna unità prima di installarla. Vedrai questa data ogni volta che cambi la batteria, in modo da poter sostituire le unità prima che raggiungano la data di scadenza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Pro e contro dell’assunzione di guardie di sicurezza domestica

Telecamere di sicurezza cablate e wireless