in ,

Successione nel contratto di locazione, convivenza con il conduttore defunto

Cass. civ., sez. III, 11 febbraio 2008, n. 3251

La convivenza con il conduttore defunto, cui, ai sensi dell’art. 6 della legge n. 392 del 1978, è subordinata la nel contratto di di immobile adibito ad uso di abitazione, costituisce una situazione complessa caratterizzata da una convivenza «stabile ed abituale» da una «comunanza di vita» preesistente al decesso, non riscontrabile qualora il pretendente successore si sia trasferito nell’abitazione locata soltanto per ragioni transitorie.
(E proprio sulla base di tale principio la Corte ha correttamente escluso che potesse riscontrarsi una pregressa abituale convivenza tra l’anziana nonna ed il nipote trasferitosi nell’abitazione da questa condotta in per assisterla.)

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Domotica casa intelligente: dall’Iphone controllo tutto

Casa: guida per il cittadino