in

Come coltivare le orchidee Cattleya

Quando molte persone pensano alle orchidee , probabilmente immaginano un fiore del genere Cattleya . Le orchidee Cattleya presentano tipicamente fiori appariscenti e profumati che sono disponibili in un’ampia varietà di forme, colori e combinazioni di colori. Molte delle specie sfoggiano fiori piuttosto grandi che si estendono per diversi pollici mentre altri hanno fioriture più piccole ma non per questo meno belle. Le orchidee Cattleya di solito fioriscono solo una volta all’anno con il periodo di tempo che varia a seconda della specie, sebbene alcuni ibridi siano stati coltivati ​​per fiorire più di una volta. 

Queste orchidee sono epifite, nel senso che crescono naturalmente attaccate ad altre piante, come i rami degli alberi. Il loro fogliame è tipicamente di un colore verde opaco. Le piante crescono da pseudobulbi, che immagazzinano sostanze nutritive e acqua. Le orchidee Cattleya sono generalmente piante longeve e coltivatori lenti, impiegando all’incirca dai quattro ai sette anni per maturare. Il momento migliore per piantare queste orchidee è quando appare una nuova crescita dopo che hanno finito di fiorire. I semi generalmente possono essere avviati in qualsiasi momento.

Nome botanicoCattleya
Nomi comuniOrchidea Cattleya, orchidea, orchidea corpetto, regina delle orchidee
Tipo di piantaPerenne 
Dimensione matura0,25-2 piedi di altezza e larghezza
Esposizione solareParziale
Tipo di terrenoTerreno fuori suolo, ben drenato
PH del suolo Acido
Tempo di fiorituraVaria in base alla specie
Colore del fioreTutti i colori tranne il vero blu
Zone di robustezza10-12 (USDA)
Area nativaAmerica Centrale, Sud America
TossicitàNon tossico

Cattleya Orchid Care

Le orchidee Cattleya non sono difficili da curare e anche i principianti possono trovare successo nel farle fiorire. Fanno piante d’appartamento adorabili, ma possono anche vivere all’aperto tutto l’anno in climi tropicali e durante i mesi più caldi in zone soggette a gelo.

La chiave per coltivarli con successo è fornire la giusta quantità di luce, mantenere la giusta temperatura e umidità, annaffiare e nutrirsi adeguatamente. Le orchidee in genere non hanno problemi seri con parassiti o malattie se le loro condizioni di crescita sono adatte. Ma attenzione per alcuni parassiti houseplant comuni che possono causare danni fogliame, tra cui scala , cocciniglie e acari. Inoltre, tieni d’occhio gli pseudobulbi (gli organi di accumulo gonfiati sugli steli), che possono darti indizi sulla salute della tua pianta. Uno pseudobulbo paffuto indica una pianta felice e ben idratata.

Leggero

Queste orchidee hanno bisogno di una luce indiretta brillante per una crescita ottimale. Se coltivata come pianta d’appartamento, una finestra esposta a est o ovest che riceve molta luce è l’ideale. Tuttavia, qualsiasi forte sole di mezzogiorno che entra dalla finestra dovrebbe essere diffuso con una tenda trasparente. Allo stesso modo, le orchidee amano la luce del sole all’aperto al mattino, ma dovrebbero essere protette dal forte sole pomeridiano. Le orchidee Cattleya che non ricevono abbastanza luce avranno fogliame più scuro del normale e spesso non fioriranno. Il fogliame delle orchidee che stanno ottenendo troppa luce spesso diventerà giallastro o addirittura sarà marrone bruciato o nero in alcune aree. 

Suolo

Le orchidee Cattleya prospereranno in un mix di crescita commerciale creato appositamente per le orchidee. Questo di solito include corteccia di abete o sequoia e potenzialmente perlite, carbone orticolo, trucioli di buccia di cocco, fibra di felce, palline di argilla, ghiaia e altro. Se coltivate all’aperto, le orchidee cattleya possono essere  montate su lastre , una tecnica in cui l’orchidea viene attaccata manualmente a un ospite dell’albero. Per montare l’orchidea, avvolgere le radici nel muschio; collegare la pianta in cima a uno scaffale (fatto di materiali organici, come legno galleggiante o corteccia di sughero); e attaccalo a un ramo, un tronco d’albero o un tronco. 

acqua

Queste orchidee richiedono una moderata quantità di umidità. Annaffiare ogni volta che il terreno di coltura è abbastanza essiccato; tipicamente è sufficiente un’annaffiatura settimanale. Non lasciare che le orchidee si siedano in un terreno di coltura costantemente umido, che può causare marciume radicale. Ad ogni irrigazione, innaffia profondamente in modo che l’acqua spruzzi il fogliame e passi attraverso i fori di drenaggio del contenitore. Molti coltivatori preferiscono mettere il contenitore di orchidee in un lavandino per farlo. È meglio annaffiare al mattino, così il fogliame ha il tempo di asciugarsi alla luce. In caso contrario, l’umidità persistente può causare muffe e altre malattie.

Temperatura e umidità

Le orchidee Cattleya preferiscono temperature diurne comprese tra 70 e 85 gradi Fahrenheit e temperature notturne tra 55 e 60 gradi Fahrenheit. Temperature più fredde e gelo possono uccidere una pianta. Le orchidee possono tollerare temperature fino a circa 95 gradi Fahrenheit, anche se è importante che abbiano una buona circolazione dell’aria e un’elevata umidità con tale calore. In generale, a loro piace un livello di umidità compreso tra il 40% e il 70%. Molti coltivatori aumentano l’umidità intorno alle loro piante posizionando il contenitore dell’orchidea su un vassoio pieno di ciottoli e acqua. Il fogliame può anche essere appannato al mattino. Alcuni coltivatori posizionano anche un umidificatore nella stanza con l’orchidea. Inoltre, queste orchidee sono eccellenti da coltivare in ambienti in serra.  

Fertilizzante

Alcune orchidee sono note per crescere e persino fiorire per anni senza fertilizzanti. Ma un’alimentazione minima ma costante darà alla tua pianta i nutrienti di cui ha bisogno per prosperare. Molti coltivatori consigliano di utilizzare un fertilizzante per orchidee bilanciato con un quarto di forza settimanale ad ogni irrigazione. Troppo fertilizzante può indurre la pianta a concentrarsi sulla crescita del fogliame e inviare steli che non producono fiori. Il fertilizzante in eccesso può anche danneggiare le radici dell’orchidea.

Invasatura e rinvaso delle orchidee Cattleya 

Queste piante non amano che le loro radici vengano disturbate, quindi rinvasare solo quando è essenziale. Una volta che le radici crescono oltre il bordo del vaso e / o il terreno di coltura si è decomposto (il che causa uno scarso drenaggio), è tempo di rinvasare. Ciò si verifica in genere ogni due anni. Scegli un contenitore leggermente più grande con fori di drenaggio adeguati. Quindi, allenta attentamente le radici dal vecchio contenitore e scrolla via quanto più terreno di coltura decomposto possibile. Posiziona l’orchidea nel nuovo contenitore alla stessa profondità in cui era cresciuta in precedenza e impacchetta il mix di orchidee fresche attorno alle radici.

Varietà di orchidee Cattleya

Esistono molte specie di orchidee e ibridi all’interno del genere Cattleya che variano nell’aspetto e nel tempo di fioritura, tra cui: 

  • Cattleya labiata : conosciuta comunemente come cattleya cremisi o orchidea dalle labbra rubino, questa specie è di taglia media e produce fiori grandi e vistosi spesso nei toni del rosa, lilla o bianco.
  • Cattleya iricolor : questa specie si distingue per i suoi fiori molto profumati di colore giallo pallido o bianco crema che hanno petali lunghi e stretti.
  • Cattleya mossiae : questa specie è conosciuta come l’orchidea pasquale perché di solito fiorisce nel periodo pasquale.
  • Cattleya percivaliana : questa specie è comunemente chiamata orchidea natalizia perché fiorisce in autunno e in inverno spesso in un colore lavanda pallido.
  • Cattleya schroederae : è un’altra specie che ha il nome comune di orchidea pasquale per le sue fioriture primaverili; i suoi fiori vistosi sono larghi fino a 9 pollici.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Profilo della pianta di fico a foglia di violino

Frigorifero e congelatore americani i migliori del 2021