in

Come sostituire uno scaldabagno per casa mobile

Gli scaldacqua per le case mobili o fabbricati sono molto simili agli scaldacqua convenzionali utilizzati nelle case costruite in loco, ma ci sono alcune differenze fondamentali tra i due tipi. Ancora più importante, gli scaldacqua per case mobili devono essere classificati per l’uso in casa mobile. Inoltre, tutte le installazioni del riscaldatore devono includere spazio e ventilazione sufficienti per l’apparecchiatura e i serbatoi del riscaldatore devono essere fissati per impedire il movimento.

Nota: i seguenti passaggi illustrativi descrivono la procedura di base per la sostituzione di uno scaldacqua standard (non a combustione sigillata) in un compartimento esterno di una casa mobile. Le fasi ei requisiti di installazione specifici possono variare in base all’area. Tutti gli impianti di riscaldamento dell’acqua devono essere conformi ai requisiti del codice edilizio locale.

HUD e approvazione del codice

Gli scaldacqua per case mobili devono soddisfare standard specifici stabiliti dal Dipartimento degli alloggi e dello sviluppo urbano (HUD) degli Stati Uniti. Tutti i riscaldatori approvati per l’uso in case prefabbricate portano un’etichetta che indica la conformità HUD. L’utilizzo di un’unità standard e non conforme in una casa mobile sarà probabilmente in contrasto con il regolamento edilizio locale e può portare ad altri problemi. Gli assicuratori domestici non possono onorare i reclami relativi a scaldacqua non conformi e i riscaldatori non conformi possono creare blocchi stradali quando si vende una casa.

Gli scaldacqua progettati per case prefabbricate hanno in genere alcune caratteristiche specifiche:

  • Ingresso dell’acqua fredda montato lateralmente (a volte l’uscita dell’acqua calda è anche sul lato del serbatoio.)
  • Soddisfa gli standard HUD per l’isolamento e l’efficienza energetica
  • Valvola limitatrice di temperatura e pressione (TPR) non regolabile
  • Dimensioni complessive inferiori rispetto alle unità standard comparabili (in alcuni casi)
  • I riscaldatori a gas sono a combustione sigillata se installati all’interno

Tipi di combustibile per scaldacqua

Nella maggior parte dei casi, gli scaldacqua vengono sostituiti con nuove unità che utilizzano la stessa fonte di carburante dell’originale. I tipi di carburante più comuni sono elettrico e gas, ma esistono anche alcune unità a olio combustibile. I riscaldatori a gas possono utilizzare propano o gas naturale, a seconda della fornitura della casa. Può essere costoso passare a un tipo di carburante diverso come parte di un progetto di sostituzione, ma è possibile. Le unità elettriche devono avere una capacità sufficiente nel quadro elettrico della casa e in genere richiedono un circuito dedicato a 240 volt, mentre i riscaldatori a gas necessitano di una fornitura di gas e di sistemazioni speciali per l’aria di combustione e lo scarico.

L’installazione di nuovi circuiti o connessioni idrauliche per un diverso tipo di carburante richiede solitamente un’autorizzazione e potrebbe essere necessario essere eseguita da professionisti autorizzati, aumentando in modo significativo il costo di sostituzione di uno scaldabagno.

Posizione dello scaldabagno

La posizione di uno scaldabagno per casa mobile è particolarmente importante se si tratta di un’unità a gas. Uno scaldabagno situato all’interno di una casa mobile, come in un armadio o in una nicchia senza accesso dall’esterno, deve essere un’unità a combustione stagna in modo che non vi sia alcun collegamento tra l’aspirazione e lo scarico del riscaldatore e l’aria ambiente della casa. Uno scaldabagno a gas che si trova in un compartimento esterno, con una porta di accesso solo all’esterno della casa, può essere uno scaldabagno a gas standard approvato per l’uso in casa mobile.

Cosa ti servirà

Attrezzature / strumenti

  • Tubo da giardino
  • Chiavi regolabili, chiavi a tubo o pinze maschio-femmina
  • Trapano e attacchi per avvitare viti o tasselli
  • Leccarda e scolare (se necessario)

Materiali

  • Elementi di fissaggio per staffe del serbatoio o cinghie (secondo necessità)
  • Vite per lamiera
  • Tubo di scarico per valvola TPR (secondo necessità)
  • Nastro sigillante per filettature per collegamenti idraulici
  • Nastro sigillante per filettature a gas per collegamenti gas
  • Soluzione per il controllo delle perdite di gas

Istruzioni

  1. Chiudere l’acqua e il gasChiudere la valvola di intercettazione sulla linea di alimentazione dell’acqua fredda che alimenta lo scaldabagno. Chiudere la valvola del gas sulla centralina del gas dello scaldabagno, quindi chiudere la valvola di intercettazione sulla linea di alimentazione del gas che alimenta il riscaldatore. Lascia raffreddare completamente lo scaldabagno. 
  2. Svuotare il serbatoioCollegare un tubo da giardino alla valvola di scarico sul serbatoio dello scaldabagno. Estendere il tubo fino a un punto di drenaggio adatto, come uno scarico paesaggistico o un’area piantumata. Aprire completamente la valvola di scarico per scaricare l’acqua dal serbatoio. Inoltre, aprire la valvola di scarico della temperatura e della pressione (TPR) sullo scaldacqua per consentire all’aria di entrare nel sistema e impedire l’aspirazione. Quando il serbatoio è completamente vuoto, chiudere la valvola di scarico e scollegare il tubo da giardino. 
  3. Rimuovere il vecchio scaldabagnoScollegare la linea flessibile del gas dalla valvola di controllo del gas. Scollegare le linee dell’acqua calda e fredda rispettivamente dall’uscita e dall’ingresso del serbatoio. Quindi, scollegare il condotto di sfiato dalla cappa aspirante sul serbatoio. Rimuovere tutte le cinghie o gli elementi di fissaggio delle staffe che fissano il serbatoio alla struttura della casa. Rimuovere il serbatoio dal vano scaldabagno. 
  4. Installa una leccardaSe necessario, installare una leccarda resistente alla corrosione e drenare il nuovo scaldacqua. È possibile riutilizzare una padella esistente se è in buone condizioni e di dimensioni adeguate per il nuovo riscaldatore. 
  5. Aggiungi la valvola TPRInstallare la nuova valvola di limitazione della temperatura e della pressione (TPR) sul nuovo scaldacqua, seguendo le istruzioni del produttore. 
  6. Posizionare il nuovo scaldabagnoPosizionare il nuovo scaldacqua in posizione sulla leccarda. Posizionare il riscaldatore in modo che sia correttamente allineato con l’alimentazione del gas, la tubazione dell’acqua e il condotto di sfiato esistenti. Fissare il serbatoio del riscaldatore alla parete e al pavimento, come applicabile, utilizzando le staffe o le cinghie fornite dal produttore del riscaldatore, seguendo i requisiti delle normative locali. 
  7. Completare la connessione dello sfiatoInstallare la cappa aspirante in dotazione sul nuovo serbatoio del riscaldatore, come indicato dal produttore. In genere, il cofano scatta in posizione con alcune linguette e può includere viti. Montare il condotto di sfiato sull’uscita della cappa per correnti d’aria e fissare lo sfiato alla cappa per correnti d’aria con una vite di lamiera. 
  8. Aggiungi un tubo di scarico TPRInstalla un tubo di rame o CPVC sulla valvola TPR in modo che il tubo si scarichi all’esterno della casa. È possibile riutilizzare il vecchio tubo di scarico se è un materiale adatto, è in buone condizioni e ha una dimensione appropriata per la nuova valvola TRP. 
  9. Collega le linee d’acquaCollegare il tubo di alimentazione dell’acqua fredda all’ingresso dell’acqua fredda sul serbatoio del riscaldatore, utilizzando un connettore di alimentazione approvato e un nastro sigillante per i collegamenti idraulici. Collegare l’uscita dell’acqua calda sul serbatoio alla tubazione dell’acqua calda con un connettore approvato. 
  10. Effettuare e testare il collegamento del gasCollegare il tubo di alimentazione del gas alla valvola di controllo del gas sullo scaldabagno come indicato dal produttore, utilizzando nastro sigillante per filettature a gas. Attivare l’alimentazione del gas allo scaldabagno e testare tutti i collegamenti del gas con una soluzione per il controllo delle perdite di gas per confermare che non vi siano perdite. 
  11. Riempi il serbatoioVerificare che la valvola di drenaggio sul serbatoio del riscaldatore sia chiusa. Aprire la fornitura di acqua fredda al serbatoio per iniziare a riempirlo. Apri il rubinetto dell’acqua calda al rubinetto più vicino in casa. Lascia che il serbatoio si riempia fino a quando l’acqua esce a piena forza dal rubinetto dell’acqua calda (indicando che il serbatoio è pieno), quindi chiudi il rubinetto del rubinetto. 
  12. Controllare l’installazione e avviare il serbatoioVerificare che tutti i collegamenti siano saldi e che non vi siano perdite di acqua o gas. Avviare la luce pilota sul riscaldatore seguendo le indicazioni del produttore.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come installare uno smaltimento dei rifiuti

5 cose che solo gli idraulici sanno (ma non te lo diranno)