in

Cos’è una lampadina a incandescenza?

Una lampadina a incandescenza o una sorgente di luce è qualsiasi dispositivo che utilizza l’elettricità per riscaldare un filamento, o un filo, finché non è abbastanza caldo da diventare bianco. Se ciò fosse fatto all’aria aperta, in presenza di ossigeno, il filamento metallico brucerebbe prima di diventare così caldo.

Le lampadine a incandescenza funzionano perché il filamento riscaldato si trova all’interno di un guscio di vetro o globo che viene evacuato e lasciato sotto vuoto o riempito con un gas inerte. Il filo non può bruciare nel vuoto e non può bruciare se l’unico gas all’interno della lampadina è inerte e non reagisce con esso.

Chi ha inventato la lampadina a incandescenza?

Furono due precedenti inventori, Henry Woodward e Matthew Evans, a inventare la lampadina a incandescenza, il cui brevetto fu acquistato da Thomas Edison. Nel 1879, Edison era passato a un filamento di carbonio e all’involucro privo di ossigeno, e aveva prodotto una lampadina che sarebbe durata quaranta ore. La lampadina a incandescenza ha fatto molta strada da allora.

Perché le lampadine a incandescenza si bruciano?

Quello che succede è che il filamento del filo evapora lentamente. In una normale lampadina a incandescenza , quelle molecole vengono semplicemente perse. Finiscono per depositarsi all’interno del guscio di vetro, motivo per cui una vecchia lampadina a incandescenza apparirà più gialla e più fioca di una nuova altrimenti identica. Ciò significa anche che il filo del filamento si restringe man mano che perde molecole. Ad un certo punto, finisce così sottile che non può più sopportare la corrente, e si surriscalda e si rompe. È allora che diciamo che la lampadina è “esplosa” e la sostituiamo.

Perché non posso ancora acquistarli?

Sono inefficienti. Per prolungare la durata delle lampadine a incandescenza standard, i produttori le costruiscono in modo che diventino meno calde della temperatura ottimale per l’emissione di una luce bianca chiara. Di conseguenza, le lampadine a incandescenza emettono molta dell’energia che utilizzano nella porzione a infrarossi dello spettro. Questo non ci fa bene a vedere, ovviamente, ed è praticamente uno spreco di energia, a meno che non vogliamo il calore che stanno buttando via.

Sono stati banditi?

In una parola, no. Le lampadine a incandescenza non sono state vietate. Quello che è successo è che ora tutte le lampadine devono soddisfare uno standard di efficienza minimo, che è stato adottato nell’Energy Independence and Security Act del 2007. La maggior parte delle lampadine a incandescenza standard non può soddisfare tali standard, ma una che lo ha fatto potrebbe ancora essere prodotto e venduto. Tuttavia, molte lampadine a incandescenza erano esentate dagli standard. Lampadine a tre vie, lampadine di servizio ruvide e lampadine per elettrodomestici sono esempi.

Nel frattempo, i produttori hanno lavorato per produrre lampadine alternative che soddisfino gli standard, producano una luce buona e piacevole e non costino tre fortune. Le sostituzioni per una lampadina standard da 60 W, che era uno dei primi tipi di lampadine interessate, hanno fatto molta strada per soddisfare tali standard.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Inserimento di cavi in ​​una scatola elettrica

Una breve guida a un pressostato del forno