in

Il modo più intelligente per pulire i pavimenti

Dì addio ai pavimenti che sembrano sporchi anche dopo averli puliti seguendo questi suggerimenti che garantiranno risultati perfettamente puliti ogni volta che lavi.

Hai appena afferrato il mocio per pulire una fuoriuscita o pulire lo sporco quotidiano, ma renderai effettivamente i tuoi pavimenti più sporchi usando questo strumento di pulizia? Se ti rimane un pavimento sporco, non importa quanto pulisci, potresti infrangere la prima regola del lavaggio: prima passa l’aspirapolvere, poi lava. Senza spazzare o pulire con l’aspirapolvere, pulire un pavimento coperto di polvere, sporcizia e capelli sparge semplicemente i detriti. Se hai commesso questo errore per tutta la vita, potrebbero esserci un paio di altre aree di miglioramento nella tua routine di pulizia. Quindi, una volta incorporato con successo questo primo passaggio, prova a implementare i componenti altrettanto cruciali che seguono e il tuo pavimento sarà così pulito che potresti praticamente mangiarlo.

Il giusto detergente per il lavoro

È un’idea sbagliata comune che più sapone equivalga a pavimenti più puliti. In realtà, l’uso di troppa schiuma lascia dietro di sé un residuo appiccicoso e quel residuo appiccicoso può intrappolare più sporco. Sia che tu scelga un detergente fatto in casa o commerciale, scegli quello più adatto al tuo tipo di pavimento e usalo con parsimonia .

Legno duro : controlla se i tuoi pavimenti sono finiti con poliuretano o cera. Se i tuoi pavimenti sono sigillati con poliuretano, usa un sapone delicato oa pH neutro con acqua. Evita i prodotti per la pulizia (naturali o commerciali) con additivi acidi, che possono danneggiare il legno nel tempo. Se i tuoi pavimenti sono cerati, usa una scopa umida (quasi asciutta) al massimo una volta alla settimana, anche una piccola quantità d’acqua può causare deformazioni.
• Laminato : come nel caso dei legni duri, meno è meglio quando si tratta di acqua; vuoi evitare che coli sotto le assi di laminato. Prova a usare lo straccio umido e la pulizia delle macchie, ma non usare mai un detergente per pavimenti commerciale con smalto.
• Vinile: Uno dei migliori detergenti per questa superficie del pavimento è una soluzione di aceto di mele e acqua. Grazie alla sua acidità, l’aceto aiuta a rimuovere lo sporco senza lasciare accumuli e allo stesso tempo disinfetta.
• Linoleum : non resiliente come il vinile, questa superficie del pavimento richiede un detergente più delicato. Mescola alcune gocce di detersivo per piatti con acqua calda in un flacone spray, quindi spruzza la superficie sezione per sezione. Finisci passando sul pavimento con acqua pulita da una scopa inumidita.
• Piastrella in pietra : pulire con un detergente a pH neutro e non chelante che non reagisce con i minerali nella pietra. Evita candeggina, ammoniaca e aceto, poiché anche piccole quantità potrebbero danneggiare la guarnizione sui pavimenti in piastrelle di pietra.
• Piastrella in ceramica :Aceto bianco e acqua creano un detergente efficace, che elimina gli odori e non tossico per questa superficie del pavimento, ottimo per le famiglie con animali domestici e bambini.

Mettilo allo strizzatore

Una scopa a corde, o “scopa per yacht”, è ciò a cui la maggior parte delle persone pensa quando pensa “scopa”. Tuttavia, vale la pena prendere in considerazione una scopa in spugna, a seconda del tipo di pavimento. Quando scegli tra i due, tieni presente che i mop a filo assorbono grandi quantità di acqua, quindi richiedono diversi giri di strizzare, mentre un mop in spugna trattiene molta meno acqua, rendendolo ideale per legni duri e pavimenti in laminato.

Dopo aver scelto il tipo di scopa, immergi la scopa nella soluzione detergente in modo che sia immersa fino alla sommità della testa. Lascia che il mocio assorba il detergente, quindi strizza quanta più umidità possibile. Ricorda, vuoi che la scopa sia umida, non bagnata. In alcuni casi, come per i pavimenti in legno, i laminati e il linoleum, il mop deve essere strizzato più volte finché non è quasi asciutto.

Due secchi sono meglio di uno

Ecco un’idea igienica: utilizzare un secchio per il risciacquo e uno per il detergente. Immergendo il mocio sporco in un secchio di risciacquo separato, puoi strizzare l’acqua senza contaminare il secchio del detersivo con i detriti raccolti. Quando l’acqua in uno dei due secchi diventa troppo sporca, sostituiscila, ma non buttare il vecchio lotto nel lavello della cucina. L’acqua del mop è piena di germi e sporcizia, quindi gettala nel water, non nello stesso recipiente che userai per sciacquare il pollo e le verdure durante la preparazione del pasto di stasera.

Pulisci nella giusta direzione

Come faresti se stessi dipingendo un pavimento , inizia a pulire un angolo della stanza e torna indietro verso un’uscita per evitare di entrare nell’area che hai appena pulito. Altrettanto importante, prestare attenzione al modello in cui si spinge la scopa, per i pavimenti in legno, scorrere nella direzione delle venature del legno; per i pavimenti con una superficie più ruvida, pulire a piccoli otto. Se ti imbatti in punti ostinati che non si puliscono, ripassali con un po ‘di detergente e un panno dopo aver completato un passaggio completo sul pavimento.

Air It Out

Per assicurarti un mop privo di germi la prossima volta che pulisci, dopo la sua dura giornata di lavoro, immergi la testina in una miscela di candeggina e acqua per disinfettarla. Attendere 10 minuti, quindi risciacquare e strizzare l’acqua in eccesso. Non lasciare mai asciugare la scopa nel secchio, altrimenti rischierai la formazione di batteri e muffe nell’umidità residua. Il semplice passaggio preventivo di spremere fino all’ultima goccia dovrebbe rendere la tua routine di pulizia più facile e pulita  la prossima volta che estrai il mocio.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

How To: Crea il tuo detergente per tappeti

I pro ei contro dei pavimenti in legno dolce