in ,

Il settore dell’edilizia in crisi

Il settore dell’edilizia sta attraversando la più grave crisi dal dopoguerra ad oggi con pesantissime ripercussioni sulla tenuta dell’occupazione, sulla qualità del sistema produttivo e delle imprese e sulla stessa tenuta della legalità”.
Si legge così nella lettera recapitata ai ministri da parte delle sigle dei sindacati che per questi 30mila lavoratori e lavoratrici sono scesi in piazza con l’obiettivo di rilanciare il settore nel contesto delle opportunità offerte da un nuovo modello di sviluppo più attento alla sostenibilità ambientale, economica e sociale.

I segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, Antonio Correale, Domenico Pesenti e Walter Schiavella, tornano a chiedere ai ministri Fornero e Passera un incontro urgente per aprire un confronto con i loro dicasteri.

Il settore delle costruzioni, infatti, sta subendo un vero tracollo dell’occupazione e della produzione, come confermano anche le odierne rilevazioni Istat (drammatico calo del 7,8% della produzione nel mese di gennaio e del 10.9% su base annua), il rischio è in primis per le aziende che saranno costrette a licenziare molti lavoratori e per il settore immobiliare che potrebbe rispondere alla carenza di nuove opere edilizie con un incremento dei costi a danno, ancora una volta, delle famiglie.

Foto by http://www.tradenordest.com/UserFiles/image/Edilizia/edilizia.jpg

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Camera da letto semplice ed originale

Messina, la città sullo Stretto