in

La casa del futuro

Dopo il Premio Innovazione di Legambiente, Casa Zero Energy ci invita a conoscere meglio il suo progetto. 

Casa Zero Energy è la sintesi della ricerca sviluppata dall’azienda Gruppo Polo Le Ville Plus e dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Trento con il supporto della Regione Friuli Venezia Giulia.

Questa è la prima casa  “intelligente” che, con una metratura di oltre 450 mq, è autosufficiente dal punto di vista energetico e autonoma nella gestione degli impianti. La casa non è allacciata alla rete del gas metano, non utilizza nessun tipo di energia proveniente da fonti non rinnovabili (fossili) ed è autonoma, ovvero auto-produce energia da fonti alternative e non inquinanti (pannelli solari, fotovoltaici, pompa di calore, etc…). Persino la cucina è in vetro 100% riciclabile grazie ad Artematica Vitrum di Valcucine

La casa ha anche un “cervello” che governa grazie  al sistema domotico “Home Sapiens” della BPT,   che è in grado di percepire le variazioni di luminosità, temperatura, umidità, ecc. per attivare in modo autonomo l’accensione e la regolazione di riscaldamento, climatizzazione, apertura e chiusura degli infissi per garantire così il massimo del comfort abitativo e un notevole risparmio energetico.

LF

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Si afferma una nuova tendenza: vacanze con scambio case

Vimar la domotica ovunque