in

Procedura: rimuovere e sostituire la malta

Anche i migliori lavori di piastrellatura mostrano alla fine la loro età. Quando arriva quel giorno, rimuovere lo stucco e sostituirlo per ringiovanire l’installazione e far brillare di nuovo la superficie.

Diversi anni dopo aver completato una ristrutturazione del bagno o della cucina, inevitabilmente inizia a mostrare segni di usura. Uno dei colpevoli è lo stucco: nel tempo, si macchia, si rompe e si allenta, anche se è stato installato professionalmente. E se la stuccatura è stata eseguita male all’inizio, è improbabile che il lavoro duri molto a lungo. Fortunatamente, la rimozione e la sostituzione dello stucco rientra nella gamma di un fai-da-te medio. In effetti, il ricircolo delle piastrelle può ripristinare la lucentezza perduta e vale la pena dedicare tempo e fatica.

Come rimuovere la malta

È certamente possibile rimuovere lo stucco a mano, alla vecchia maniera, ma è consigliabile optare per un utensile elettrico. In questo modo si rende molto più veloce il lavoro di quello che può essere un progetto domestico laborioso, dispendioso in termini di tempo e potenzialmente frustrante.

Rimozione manuale della malta

Se sei pronto per prendere il percorso senza attrezzi elettrici, hai bisogno di uno strumento di rimozione manuale della malta ( vedi esempio su Amazon ). Questi in genere sono disponibili in uno dei due gusti. Uno sembra un cacciavite con una lama triangolare in carburo montata all’estremità. Come funziona? Tiri lo strumento attraverso un giunto di malta fino a rimuovere almeno un ottavo di pollice. Il secondo tipo di utensile per la rimozione manuale della malta è dotato di una lama con bordi in metallo duro, ecco perché a volte è noto come sega per fughe. Per usarne uno, hai semplicemente visto nella vecchia malta nello stesso modo in cui avresti visto il legno.

Rimozione di malta con un utensile elettrico

Se gli utensili elettrici sono più il tuo stile, hai almeno un paio di opzioni efficaci. Uno è quello di dotare la tua sega alternativa di un accessorio appositamente progettato per rimuovere lo stucco. In alternativa, puoi optare per uno strumento oscillante come l’amatissimo Dremel ( vedi su Amazon ). Gli strumenti oscillanti eccellono nei lavori più piccoli, perché offrono un elevato grado di controllo.

Indipendentemente dall’utensile elettrico che scegli per rimuovere lo stucco, ricorda di tenere a portata di mano uno scalpello o un cacciavite a lama piatta. I pezzi ostinati spesso hanno bisogno di un po ‘di persuasione per uscire.

Come rigirare le piastrelle

Il primo passaggio per la rigenerazione delle piastrelle è mescolare una certa quantità di polvere di stucco con una determinata quantità di acqua. Attenersi strettamente alle indicazioni del produttore. La scelta dello stucco levigato o non levigato  dipende dalla larghezza desiderata delle fughe tra le piastrelle. La malta non levigata viene tipicamente utilizzata per ottenere linee di malta relativamente sottili; la varietà levigata è consigliata per fughe di larghezza non superiore a 1/8 di pollice.

  1. Dopo aver mescolato correttamente lo stucco in un secchio, applicalo con un panno di plastica.
  2. Quindi utilizzare un frattazzo per fughe per premere la malta in profondità nelle fughe tra le piastrelle. Mentre lo fai, tieni il galleggiante a un angolo di 45 gradi rispetto al muro o alla superficie del pavimento.
  3. Una volta che sei soddisfatto della distribuzione dello stucco, pulire lo stucco in eccesso prima che abbia la possibilità di indurirsi. Per fare questo, usa di nuovo il galleggiante per malta, questa volta tenendo lo strumento con un angolo di 80 gradi per rasare la malta in eccesso dalla faccia delle piastrelle. Di concerto con il frattazzo di malta, una spugna grande e umida può essere utile per rimuovere l’eventuale foschia persistente della malta. (Risciacquare spesso la spugna e cambiare l’acqua di risciacquo non appena diventa torbida.)
  4. Lasciar indurire lo stucco per un periodo da 24 a 48 ore. Cammina sulla superficie della piastrella solo dopo che è trascorso quel periodo di tempo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Dove abita Fabrizio Corona, ex paparazzo delle Star

Come: tagliare la pavimentazione in vinile