in

Procedura: rimuovere Tile

Sbarazzati della tetra piastrella datata che si frappone tra te e lo spazio ideale che immagini. Ecco come affrontare il duro lavoro che ci aspetta.

Sebbene non sia facile, rimuovere le piastrelle è un passaggio precoce e necessario in alcuni dei progetti di ristrutturazione domestica più comuni, sebbene ambiziosi . Se sei fortunato, la piastrella è stata originariamente installata su un sottofondo che può essere semplicemente rimosso, portando con sé la piastrella. Altrimenti, è necessario rimuovere la piastrella in modo meticoloso e a forza bruta. Non sono necessarie abilità speciali e probabilmente hai tutti gli strumenti giusti. La parte difficile è continuare finché il lavoro non è finito. Segui questi passaggi per farlo bene.

Passo 1

Non commettere errori: questo sarà disordinato. Quindi, prima di iniziare a rimuovere le piastrelle, fai il possibile per evitare che polvere e detriti coprano il resto della casa. Se il sistema HVAC prevede condutture di circolazione dell’aria, spegnerlo per il momento e, se possibile, chiudere le prese d’aria nell’area di lavoro. Aprire tutte le finestre nello spazio piastrellato e, cosa più importante, sigillare le porte con teli di plastica; in questo modo, polvere e detriti non usciranno.

Naturalmente, in una situazione del genere, è prudente indossare una maschera antipolvere. E poiché la demolizione di piastrelle comporta schegge e frammenti simili a schegge, è anche una buona idea indossare guanti da lavoro e occhiali protettivi.

Passo 2

Per iniziare, esamina l’area per una piastrella mancante o rotta e inizia la rimozione in questo punto debole. Se tutte le piastrelle sono intatte, inizia lungo una linea di malta. Posiziona il tuo scalpello nel punto che hai mirato e colpiscilo, con fermezza e decisione, con il tuo martello .

Quello che è successo? Se la piastrella si è rotta in pezzi grandi, ciò suggerisce che la piastrella è stata fissata con mastice, un adesivo malleabile che ti renderà la vita un po ‘più facile. Se metti il ​​martello sullo scalpello e non è successo niente, probabilmente significa che la piastrella è stata fissata con malta. Traduzione: hai il tuo bel da fare!

Passaggio 3

Con la piastrella con mastice, il lavoro diventa ora una questione di raschiare orizzontalmente, usando tutta la forza che puoi raccogliere, con l’obiettivo di separare la piastrella dalla superficie sottostante. Se rimani bloccato, vai avanti e scalpella di nuovo. Lavorare da un’estremità all’altra della stanza, raschiando e staccando gradualmente i successivi corsi di piastrelle. Con il mastice, le tessere rimosse in realtà dovrebbero rimanere intatte, il che significa che puoi recuperarne almeno alcune, se lo desideri. Impila le piastrelle nella carriola, quindi trasporta il carico all’esterno (in più viaggi, forse, a seconda delle dimensioni dell’installazione). Finisci le cose usando un aspirapolvere muscoloso per pulire la polvere residua ei frammenti di piastrelle.

Passaggio 4

Con le piastrelle con malta, aspettati meno raschiatura e più scalpellatura , molto più scalpellatura! In effetti, per generare una forza sufficiente a rompere ogni singola piastrella, potrebbe essere necessario martellare ripetutamente lo scalpello su di essa.

È laborioso ed è persino più complicato del processo descritto nel passaggio 3. Se c’è un rivestimento positivo, è che quasi chiunque può farlo. L’unica qualifica per il successo è la pura determinazione.

Per mantenere alto il morale mentre progredisci, ricorda questo: stai risparmiando denaro che ora puoi investire per nuove piastrelle, nuovi dispositivi o un drink celebrativo (o due) al pub locale quando tutto è finito.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Genio! Sweep veloce con un’auto telecomandata

Dove abita Samantha De Grenet