in

Quadri, specchi e vani a giorno – 3 consigli per una giusta installazione

Quando si decide di cambiare aspetto alla propria abitazione, una delle strade più semplici è quella di optare per quadri, specchi e vani a giorno, da riempire a piacimento con stampe d’epoca, foto ricordo e immagini di vario tipo. Questi oggetti infatti permettono di dare colore alla casa, di riempire gli spazi vuoti e di dare personalità a quegli ambienti che non riflettono particolarmente i gusti degli abitanti della casa. Per far sì che l’installazione a muro di questi oggetti venga fatta a regola d’arte, è importante però prestare attenzione a tre aspetti, che verranno spiegati nel dettaglio qui di seguito.

1. Sistemi di fissaggio a muro

Per installare su una parete un qualsiasi oggetto che richieda un minimo di forza per essere sostenuto è possibile ricorrere a vari sistemi di fissaggio, solitamente capitanati dai tasselli, facili da installare e capaci di sorreggere anche i pesi più elevati. I tasselli sono reperibili sul mercato in varie tipologie, diverse tra di loro in base al materiale sul quale devono essere installati e il peso dell’oggetto che devono sollevare, oltre che ovviamente alla conformazione di quest’ultimo. Per le pareti cave, come ad esempio quelle in cartongesso, sono indicati i tasselli ad espansione, utili a non danneggiare la parete. Molto gettonati anche i tasselli universali, che hanno il potere di adattarsi a gran parte dei lavori sia di edilizia che di fai da te. Generalmente questa tipologia di tassello è molto economica e garantisce installazioni rapide e facili. All’interno del tassello universale vi è una vite, che una volta avvitata porta le pareti del tassello ad espandersi e aggrapparsi perfettamente alla parete. Trattandosi di un modello universale però non è garantito che sia adatto in tutti i casi. Per gli oggetti molto pesanti ad esempio sono più indicati i tasselli prolungati o sottosquadro.

2. Utilizzo della livella

Per far sì che quadri, specchi e altri oggetti da appendere siano piacevoli alla vista e perfettamente allineati, è importante che vengano installati grazie all’utilizzo di una livella. Quest’ultima non è altro che uno strumento di misura utile per determinare la pendenza di una superficie rispetto ad una parete o ad un piano di riferimento. Esistono due tipologie di livella, quella a bolla e quella a laser. Per usare la prima è sufficiente appoggiarla sul bordo del quadro o dello specchio e attendere che la bolla si posizioni perfettamente centrata rispetto alle linee di riferimento.

3. Rispetto degli stili

Nel caso in cui in casa siano presenti mobili o altri elementi d’arredo appartenenti a stili ben specifici (urbano, neoclassico, country, ecc.) è importante rispettarli. Anche gli oggetti da appendere quindi devono seguire un filo logico con il resto della casa, in modo che il risultato finale sia gradevole e non caotico. Vi sono alcuni casi invece, come per esempio nello stile coloniale, in cui il mix di stili è ben gradito, l’importante però è che tale scelta sia voluta. Gli specchi, inoltre, sono da prediligere nelle stanze piccole e/o poco illuminate, in quanto per natura tendono ad allargare otticamente gli ambienti in cui vengono posti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Porte tagliafuoco: installazione, manutenzione e norme di sicurezza

Certificazione energetica: di cosa si tratta e perché è così importante