in

Strumenti di piastrellatura

Per molti anni la piastrellatura in ceramica è stata considerata arcana. Era una vocazione specializzata che era meglio lasciare ai pochi dotati che, con i loro anni di apprendistato, erano maestri del mestiere.

Quella percezione è certamente cambiata. Oggi ci sono catene di negozi al dettaglio che vendono solo forniture di piastrelle e piastrelle e la maggior parte dei loro clienti sono proprietari di case. Le piastrelle sono ora ampiamente utilizzate non solo nei bagni, ma nelle cucine, nei passaggi di ingresso e in altri luoghi della casa e dell’ufficio dove sono richieste superfici durevoli e resistenti all’acqua. Sempre più spesso, l’installazione viene eseguita da novizi, quelli di noi che vogliono l’aspetto delle piastrelle ma non vogliono pagare tasse virtuose per il privilegio.

Entra nei semplici strumenti del piastrellista. Non deve essere lungo, perché gli strumenti sono relativamente pochi e abbastanza facili da usare. C’è il tagliapiastrelle (è essenzialmente una versione sofisticata del tagliavetro) che segna e scatta le piastrelle lungo linee rette. La pinza, un utensile da taglio con ganasce, manici e un perno, assomiglia a un paio di pinze ma consente di raccogliere e tagliare piccoli pezzi da una curva o da un taglio composto. La spatola dentata viene utilizzata per applicare l’adesivo o il cemento per l’applicazione della piastrella e il frattazzo stucco stende la malta grossolana che riempie le fughe tra le piastrelle.

Avrai bisogno di alcuni altri strumenti familiari, come un metro a nastro, una scatola di gesso, un quadrato per cornici e un livello. Oggigiorno, la piastrellatura non è più solo dominio della gilda dei piastrellisti.

Tagliapiastrelle

conosciuto anche come una fresa a scatto, questo strumento è costituito da una piattaforma sormontata da una cornice lungo la quale scorre un rotella. La piastrella è posizionata sulla piattaforma imbottita, con un lato a filo di una recinzione in testa per trattenere il quadrato del pezzo.

La ruota di taglio, proprio come la ruota di un tagliavetro, è montata su un meccanismo a leva che consente di applicare una notevole leva. La ruota viene premuta contro la piastrella per segnarne la superficie vetrata. La piastrella viene quindi pressata con la leva della taglierina per separare la piastrella.

I tagliapiastrelle variano notevolmente nel prezzo. Alcuni hanno dischi da taglio in acciaio temprato, altri hanno frese in metallo duro (costano molte volte di più, ma durano molto più a lungo). Alcuni hanno tavoli più grandi, altri possono essere impostati per eseguire tagli obliqui precisi.

Un’opzione molto più costosa è una sega a umido, che è essenzialmente una sega circolare portatile montata su un telaio speciale e una vasca piena d’acqua. Un tavolo di taglio mobile con guida regolabile permette di presentare la piastrella alla lama di taglio, che a sua volta viene mantenuta fresca da getti d’acqua.

La sega ad umido è preziosa per lavorare con piastrelle spesse e sagomate e per modellare le curve dalle piastrelle. Esegue tagli lisci e regolari, se usato con abilità e cura. Se hai usato una sega circolare, si applicano regole di sicurezza simili. Le seghe a umido di solito possono essere noleggiate a tariffe ragionevoli su base giornaliera o oraria.

Per i lavori di piastrellatura più semplici, tuttavia, una taglierina a scatto andrà abbastanza bene, a un costo ragionevole e senza esposizione ai rischi della sega elettrica. Quando acquisti piastrelle, può valere la pena chiedere ai fornitori se hanno taglierine che sono disposti ad affittare o prestare ai loro clienti.

Tronchese

Questo è il secondo dei due strumenti essenziali per tagliare le piastrelle (insieme al tagliapiastrelle). Come le pinze che assomigliano molto, le pinze possono essere acquistate in molte dimensioni e configurazioni. Un modello di base sarà sufficiente per la maggior parte dei lavori.

Le pinze vengono utilizzate per tagliare piastrelle curve o irregolari o per strappare strisce molto sottili dai bordi di una piastrella. Funzionano meglio quando l’area da rifilare è stata incisa con un tagliapiastrelle o un tagliavetro; le pinze vengono quindi utilizzate per tagliare piccole sezioni alla volta. Alcune pinze hanno una mascella piatta che viene tenuta a filo con la superficie smaltata della piastrella; l’altro ha un tagliente ricurvo che è progettato per mordere la base vetrosa non smaltata (chiamata bisque). Altri hanno due taglienti. Entrambi i modelli funzionano bene.

Spatola dentata

Questo strumento viene utilizzato per stendere l’adesivo su pareti o pavimenti per applicare superfici come piastrelle di ceramica. Chiamata anche spatola dentata, adesiva o mastice, la spatola dentata ha una lama rettangolare piatta e un manico di legno montato lungo il centro del dorso. I bordi della lama sono intagliati, a volte in due diversi profili.

Quando hai finito di stendere il lavoro, applica l’adesivo su una piccola area del muro o del pavimento (diciamo, un quadrato di tre piedi) usando la spatola dentata. Lisciare uniformemente l’adesivo o la malta sulle superfici, quindi passare il bordo dentellato attraverso di essa in un’ultima passata, tenendo la spatola con un angolo basso. Questo creerà una serie uniforme di linee increspate in cui adattare le piastrelle.

Le tessere possono quindi essere posizionate, una alla volta. Sono spinti saldamente nell’adesivo, magari con un leggero movimento rotatorio per coprirli completamente. Al termine di ogni sezione, controlla le aree per il piombo e il livello.

Flout Float

Dopo che la piastrella è in posizione e l’adesivo o il cemento si è solidificato per ventiquattro ore o più (seguire le istruzioni sulla confezione dell’adesivo o della malta), viene applicata una malta sottile e grossolana chiamata malta per riempire le fughe tra le piastrelle . A questo scopo si può usare una spugna, ma il lavoro è molto più semplice se si dispone di un frattazzo per fughe. (Avrai comunque bisogno di una spugna, però, per pulire la superficie delle piastrelle dopo l’applicazione della malta.)

Il galleggiante per fughe sembra piuttosto una cazzuola, con un manico in legno al centro del dorso. Tuttavia, anche il corpo dell’utensile è in legno e la sua superficie di lavoro è in gomma (da qui un altro nome con cui è noto, il galleggiante di gomma).

Viene utilizzato come una cazzuola, in quanto viene tenuto con un bordo lungo ad angolo basso rispetto alla piastrella e spazzato su tutta l’area, con la pressione della superficie piana che lavora la malta tra le piastrelle. Seguire con una spugna per rimuovere i residui di stucco dalle superfici delle piastrelle.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Procedura: tagliare le piastrelle

Scegliere il pavimento giusto