in

Termostati intelligenti per riscaldamento centralizzato; Fai la scelta intelligente

Termostati e regolatori intelligenti per il riscaldamento centralizzato. Buono, cattivo, economico, costoso, inutile o inestimabile? Acquistate un termostato per riscaldamento centralizzato?

Se te lo puoi permettere. Comprane uno. Una buona.

Questa è la risposta breve. Quindi ecco un ragionamento altrettanto breve per sostenerlo …

In generale ci sono due idee sbagliate nei confronti dei termostati intelligenti per il riscaldamento centralizzato:

Idea sbagliata 1:

controllare il riscaldamento tramite il telefono è una novità che svanirà più velocemente dell’interesse pubblico per la Brexit.

Realtà:

scandalosamente semplice e provato per farti risparmiare sulle bollette energetiche . Ci sono novità peggiori . Uno gnomo da giardino, ad esempio, non lo farebbe per te. Rimaneva ozioso, sorridendo mentre uomini mascherati con intenzioni oscure assalivano la tua casa durante la notte. 

Ma non un termostato intelligente.

I clienti del Regno Unito hanno risparmiato tra l’8,4% e il 16,5% sulla bolletta energetica. Si tratta di una media di oltre il 12%, che è come buttare 1,20 sterline dalla finestra in aggiunta a ogni dieci euro che spendi in bollette.

Le statistiche parlano da sole. Il controllo, e più specificamente, la facilità di controllo che i termostati intelligenti ti offrono è praticamente garantito per ridurre il consumo e la spesa di energia.

Un nido può fornirti un sistema idrico più efficiente di quello di un cammello resiliente che ha sopportato più genocidi ed è sopravvissuto ai propri figli. Il suo involucro è stato scolpito da vergini morenti traendo ispirazione diretta dal David di Michael Angelo e la sua mente è una fusione del defunto professor Stephen Hawking e Wolfgang Mozart.

Idea sbagliata 2:

sono per millennial pigri che non possono guardare in alto dallo schermo del loro iPhone abbastanza a lungo da identificare il proprio rapinatore da una formazione di polizia.

Realtà:

forse non sei affatto pigro. Sei anche benedetto con la destrezza fisica per andare avanti e indietro tra il divano e la caldaia finché non sei letteralmente malato.

Ma diciamo che ogni mattina d’inverno ti alzi e accendi la caldaia. Trenta minuti dopo, la casa è calda e tutti sono felici.

Semplice … vero?

Forse, ma svegliarsi ogni mattina e far esplodere la caldaia fino al limite per portarla alla temperatura ideale di 23 gradi è efficiente quanto bruciare pneumatici di un trattore.

Un  termostato Nest,  d’altra parte, ti conoscerà come uno stalker impegnato. Imparare ciò che ti piace, ciò che non ti piace, quando esci per andare al lavoro e quando torni a casa. Si accorgerà anche quando non ci sei e apporterà modifiche al suo programma.

60%: la quantità di influenza che il termostato esercita sulla bolletta energetica.

Ma questo stalker ha i suoi vantaggi. Piuttosto che correre per riscaldare la tua casa per le 7.30 di mattina, lo saprà – da tutto lo stalking, ricordi? – che ti piace alzarti alle sette e mezza e stare al caldo.

Invece inizierà a riscaldare la tua casa lentamente come un brodo abbondante. Aumentare la temperatura per diverse ore per assicurarti che sia proprio come ti piace arrivare alle 7:30.

Per tutto il tempo, risparmiando grandi quantità di energia per un importo che pagherai comodamente per Netflix ogni mese.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Caldaie senza problemi: come sostituire la caldaia, senza problemi

6 idee creative e fantasiose per il tuo armadio arieggiato