in

5 motivi per portare i pavimenti in mattoni all’interno

Non solo per le pareti, queste graffette da costruzione rettangolari stanno prendendo piede sotto i piedi! Ecco perché il materiale sfaccettato potrebbe meritare un posto nella tua casa.

Brick, i laboriosi blocchi di terra che sono alla base di tante strutture, sta diventando un’opzione di pavimentazione alla moda per gli spazi interni ad alto traffico con collegamenti con l’esterno. Pensa a foyer , cucina , lavanderia e mudroom: aree che richiedono un impatto visivo che minimizza lo sporco tracciato. Se stai prendendo in considerazione una nuova pavimentazione in uno spazio del genere, continua a leggere per scoprire perché una nuova generazione di mattoni è un’opzione conveniente e di facile manutenzione. Quindi, ottieni alcuni suggerimenti per preservare la bellezza naturale dei pavimenti in mattoni.

1. È un vero affare!

Mentre i mattoni pieni o cavi sono comunemente usati sugli esterni, i pavimenti interni in mattoni sono generalmente costituiti da pavimentazioni in mattoni o piastrelle: piane, argilla da 1 ¼ “a 1 ¾” di spessore o materiale di mattoni di recupero montato direttamente sul sottofondo o su un underlayment sopra il sottopavimento come il pannello di sostegno di cemento. Queste finitrici o piastrelle leggere vanno da $ 3 a $ 10 per piede quadrato, nello stesso campo da baseball delle piastrelle di ceramica (da $ 2 a $ 5,50 per piede quadrato) e a un prezzo di partenza inferiore rispetto alla pietra naturale (da $ 5 a $ 10 per piede quadrato). Budget da $ 3 a $ 5 in più per piede quadrato per l’installazione professionale, meno di quanto ci si può aspettare di pagare per piastrelle professionali (da $ 4 a $ 8 per piede quadrato) o installazione di pavimenti in pietra (da $ 6 a $ 10 per piede quadrato). Fai da te attenti al budget, tenere presente che l’attività generalmente comporta il livellamento del sottofondo, il montaggio di un sottofondo, l’applicazione della malta e quindi la posa delle singole finitrici.

2. È sostenibile e intelligente.

I proprietari di case attenti all’ambiente sono attratti dalle finitrici in mattoni e dalle piastrelle in mattoni perché le loro materie prime – argilla, scisto e caolino – sono naturali e riutilizzabili. Confrontalo con i pavimenti in vinile, realizzati in cloruro di polivinile sintetico, o con i pavimenti in pietra, una risorsa non rinnovabile che richiede grandi quantità di energia per la cava. Finitrici o piastrelle in mattoni di recupero, recuperati da vecchi edifici, aggiungono un aspetto angosciato con rilevanza storica riducendo allo stesso tempo gli sprechi ambientali. Inoltre, a differenza di alcuni tradizionali pavimenti in vinile o laminato che emettono alti livelli di COV (composti organici volatili), i mattoni ecocompatibili sono privi di sostanze inquinanti e allergeni, un vantaggio per i membri della famiglia allergici.

3. Offre flessibilità di progettazione

Le pavimentazioni in mattoni o le piastrelle possono essere posate in una serie di configurazioni tradizionali o su misura. Quelli con un’estetica classica possono optare per la “posa diritta”, in cui i mattoni si incastrano in uno schema a griglia convenzionale. Il “legame di corsa” crea un semplice motivo sfalsato mentre un motivo a cestello oa spina di pesce conferisce un effetto più ornato ai pavimenti in mattoni. Per qualcosa di più moderno, considera lo chevron a forma di V. Puoi anche accoppiare il mattone con il legno per un effetto intarsiato a diamante o persino creare un motivo personalizzato. Le pavimentazioni in mattoni e le piastrelle possono anche essere dipinte per un aspetto più contemporaneo e meno logoro.

4. È praticamente antiscivolo.

Anche quando sono bagnati, i pavimenti in mattoni hanno una consistenza intrinsecamente ruvida e granulosa che offre una maggiore trazione rispetto ai pavimenti in vinile, laminato, piastrelle e pietra non testurizzata. Ovviamente, il mattone perderà questa qualità antiscivolo con l’applicazione di sigillanti per superfici protettive lucide, quindi considera di lasciare i pavimenti in mattoni non finiti o usa un sigillante per mattoni penetranti antiscivolo (che affonda e protegge da sotto la superficie) come LastiSeal Sigillante penetrante per mattoni e cemento.

5. È davvero robusto.

A prova di fuoco, a prova di sbiadimento e imputrescibile, il mattone non può essere battuto per la durata. È destinato a durare per decenni senza timore di danni dovuti al traffico pedonale, all’esposizione alla luce solare, alle fluttuazioni meteorologiche o agli incendi domestici. Ciò distingue i pavimenti in mattoni dalla moquette, che è facilmente sfilacciata o macchiata , o dai pavimenti in laminato, che possono deformarsi a causa dell’umidità e generalmente richiedono la sostituzione una volta danneggiati. Nel raro caso in cui un mattone si rompa, la natura modulare delle lastre e delle piastrelle in mattoni ne facilita la rimozione e la sostituzione.

Manutenzione del pavimento in mattoni

Se scegli un pavimento in mattoni per la tua casa, preservane la bellezza e prolunga la sua durata con questi consigli per la cura del pavimento.

  • Aspirare con una spazzola per spolverare o spazzare con una scopa o una scopa in microfibra una volta alla settimana per rimuovere polvere leggera e sporco .
  • Bandire grasso e sporcizia su base trimestrale lavorando uno straccio in microfibra bagnato immerso in una soluzione di una tazza di aceto e un litro di acqua calda in sezioni di tre piedi per tre alla volta. Prima che la soluzione si asciughi, eseguire un secondo passaggio sulla sezione umida con un panno asciutto in microfibra per raccogliere lo sporco sciolto ed evitare macchie bianche.
  • Eliminare le macchie di malta o stucco attorno a pavimentazioni in mattoni o piastrelle lavorando un detergente a base di acido fosforico (diluito con acqua secondo le istruzioni del produttore) nelle giunture dei pavimenti in mattoni con una spazzola. Eseguire questo trattamento tutte le volte che si presentano macchie, ma sempre in una stanza ben ventilata indossando i guanti.
  • Se hai sigillato i tuoi pavimenti in mattoni, richiudili agli intervalli consigliati dal produttore (in media da uno a tre anni). Per prima cosa aspirare il pavimento e quindi rimuovere il vecchio sigillante con un decapante per mattoni commerciale. Riapplicare il sigillante per mattoni freschi su tutto il pavimento (finitrici e cuciture) con una spazzola in schiuma. Tieni presente che poiché i sigillanti penetranti non formano una pellicola sul mattone, mantengono l’aspetto naturale e la consistenza del mattone meglio dei sigillanti per superfici.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Procedura: pulire i pavimenti in marmo

How To: Acid Stain Concrete