in

Come lavare e prendersi cura di biancheria antica e vintage

L’uso e l’esposizione di biancheria vintage e antica nella tua casa non è vietato con un’adeguata pulizia e cura. Quando li compri da un venditore in una mostra di antiquariato o in un centro commerciale , probabilmente saranno puliti, pressati e pronti per l’uso, indipendentemente dal fatto che li utilizzerai o li esponi.

Se trovi una scorta di vecchi tessuti in una vendita di garage o in un mercatino delle pulci, tuttavia, probabilmente avranno bisogno di cure amorevoli quando li porti a casa. Tutto ciò che serve è imparare il modo giusto di prendersi cura di questi tessuti poiché alcuni di essi possono essere piuttosto delicati. Ciò include i passaggi da eseguire prima di iniziare con la pulizia.

Cosa fare prima di pulire

Più le lenzuola sono vecchie, più probabilmente saranno delicate. Le fibre si deteriorano con l’età, quindi un buon primo passo è tenere l’oggetto alla luce. Questo ti aiuterà a vedere eventuali punti problematici estremamente usurati o buchi che potrebbero aprirsi ulteriormente se inumidisci il tessuto. Trovare aree usurate non significa che non puoi bagnare un tessuto di cotone o lino (non seta o lana), ma tieni presente che potresti danneggiare ulteriormente un oggetto in questo modo. Sarai anche consapevole delle potenziali aree problematiche da affrontare con cautela se è necessaria la stiratura (vedi sotto). 

Molti articoli come federe e sciarpe da comò che incontrerai durante le vendite immobiliari avranno ricami. La maggior parte di questi andrà bene se sono lavati in lavatrice se sono in buone condizioni. Assicurati solo di controllare il filo da ricamo per assicurarti che sia colorato prima di lavare il tessuto. Puoi farlo toccando delicatamente il retro del filo (il lato disordinato) con un panno bianco umido. Se nessun colore si trasferisce sul panno, dovresti essere pronto. Se vedi il colore sul panno, è meglio che il capo venga lavato a secco.

Lavaggio di base

La biancheria molto sporca può richiedere l’ammollo in acqua naturale per rimuovere lo sporco prima di insaponarla. Controlla l’elemento dopo 15-20 minuti e lascialo in ammollo più a lungo se necessario.

Dopo il pre-ammollo, trasferire l’oggetto in un lavandino pieno di acqua saponosa e manipolare delicatamente a mano per pulirlo. Se possibile, usa saponi privi di fosfati per tessuti delicati e risciacqua abbondantemente con acqua fresca e pulita.

Se l’indumento è ingiallito, potresti provare a metterlo in ammollo in acqua fredda usando un prodotto come OxiClean.

Rimozione di macchie

Dopo aver usato le vecchie lenzuola, come tovaglioli e tovaglie, puliscile sempre subito in modo che sia meno probabile che si formino macchie. Quando trovi un vecchio oggetto già macchiato, tieni presente che potrebbe non venire mai pulito così duro come te può provare a far uscire quel punto.

Se vuoi provare lo sbiancamento, attenersi alle opzioni senza cloro sul mercato e lavare a mano. Non usare mai la candeggina su biancheria con decorazioni colorate come ricami o pizzi all’uncinetto. E ricorda che la candeggina indebolisce ulteriormente le fibre, quindi usala solo quando è assolutamente necessario. Puoi anche provare a immergere il pezzo in un detergente enzimatico per tessuti.

Alcuni fan della biancheria antica giurano sul metodo vecchio stile di usare succo di limone fresco e sale direttamente su una macchia e poi lasciare asciugare la biancheria direttamente sull’erba al sole. Se provi, sciacqua il tessuto con acqua fredda dopo che si è asciugato e lascia asciugare di nuovo prima di premerlo.

Stirare

Le vecchie lenzuola sembrano migliori quando vengono stirate con cura . Tieni presente che questi vecchi tessuti si stireranno più facilmente se vengono pressati quando sono leggermente umidi. Assicurati di usare appena il calore sufficiente per farli sembrare croccanti senza bruciare il tessuto. Non tirare eccessivamente la biancheria che stai stirando. Una leggera pressione e brevi colpi con il ferro daranno buoni risultati senza danneggiare i vecchi tessuti.

Quando stiri pezzi ricamati, fallo a faccia in giù e assicurati che l’asse da stiro abbia un ampio cuscino. Questo aiuta ad evitare di schiacciare la trama del filo sulla parte anteriore del pezzo. 

Cosa lavare a secco

Come accennato in precedenza, i pezzi ricamati che non sono colorati è meglio lasciarli al lavaggio a secco . Oggetti come tende e fodere per cuscini in cotone testurizzato chiamato panno di corteccia devono essere lavati a secco per mantenerne il colore e la freschezza. Considera il lavaggio a secco qualsiasi altra cosa che non vuoi rischiare di danneggiare bagnandola, come la biancheria di famiglia.

È anche importante imparare e ricercare come conservare e conservare le trapunte antiche in modo che rimangano della massima qualità.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Risolti i problemi con l’asciugatura del bucato

Come lavare una federa di seta