in , ,

Come prendersi cura delle piantine di piante

Quando inizi a seminare in casa , le tenere piantine dipendono da te per tutti i loro bisogni. 1  Ciò include l’alimentazione. Alcuni giardinieri pensano che le loro piantine cresceranno più velocemente se daranno loro il fertilizzante subito. Tuttavia, mentre quelle minuscole piante possono sembrare indifese, non hanno bisogno di nient’altro che acqua, calore e luce per le prime settimane. Sono in grado di nutrirsi fino a un certo punto. Dopodiché, è il momento di iniziare a dar loro da mangiare, seguendo alcune linee guida standard.

Quando iniziare a fertilizzare le piantine

Quando le piantine spuntano per la prima volta dal terreno, si nutrono ancora del cibo immagazzinato nel seme. 1  Le prime due foglie che si formano non sono affatto foglie. Sono chiamati cotiledoni o foglie del seme, che fanno parte del seme o dell’embrione della pianta. I cotiledoni contengono il resto delle riserve di cibo immagazzinate del seme e mantengono la piantina nutrita fino a quando le prime foglie vere germogliano e la pianta può iniziare la fotosintesi.

Di solito, i cotiledoni scompaiono poco dopo la formazione delle prime foglie vere e iniziano la fotosintesi. È a questo punto che la piantina può utilizzare una piccola spinta di fertilizzante.

Mancia

Prima di prendere il fertilizzante, assicurati di non aver usato un terriccio che contiene già fertilizzante. Alcuni lo fanno e altri no. Se la miscela contiene fertilizzante, non dovresti aggiungerne altro. Per il futuro, poiché le piantine possono inizialmente nutrirsi da sole, non è necessario utilizzare un terriccio con fertilizzante per iniziare il seme. Usare una miscela senza fertilizzante è più economico e, cosa più importante, puoi controllare la quantità e il tipo di cibo che ricevono le tue piantine.

Selezione di fertilizzante

Le piantine tendono ad aver bisogno di un fertilizzante ad alto contenuto di fosforo. Il fosforo stimola lo sviluppo delle radici ed è un componente della fotosintesi. Cerca un rapporto 1-2-1 NPK (azoto-fosforo-potassio) sull’etichetta del fertilizzante . Un fertilizzante liquido o idrosolubile è in genere il modo più semplice e veloce per le piantine di accedere ai nutrienti. Avrai anche la possibilità di scegliere tra fertilizzante organico e sintetico, che spesso dipende dalle preferenze personali.

  • Fertilizzante sintetico: se stai usando fertilizzante sintetico, dai da mangiare alle tue piantine settimanalmente. Tuttavia, è spesso saggio diluire la raccomandazione dell’etichetta di almeno la metà. Le piantine tenere possono essere facilmente bruciate da troppo fertilizzante. Le giovani piantine comunemente possono farla franca con un quarto di ciò che l’etichetta raccomanda per le piante adulte.
  • Fertilizzante organico: sono disponibili diversi fertilizzanti organici liquidi, anche se a volte possono essere difficili da individuare. Un mix di emulsione di pesce e alghe può anche dare alle tue piantine i nutrienti di cui hanno bisogno per iniziare e riduce il rischio di bruciare le tue piantine. Come con il fertilizzante sintetico, dai alle tue piantine una dose di cibo biologico ogni settimana. A meno che il prodotto non sia etichettato specificamente per le piantine, diluirlo almeno della metà della dose raccomandata. È meglio dare regolarmente alle piantine un po ‘di cibo che rischiare di bruciare quelle radici tenere con troppo fertilizzante in una volta.
  • Un’altra opzione: mescola un fertilizzante organico granulare nel terriccio. Molti giardinieri lo fanno quando le loro piantine sono pronte per essere spostate dai loro contenitori di avviamento a vasi più grandi. Tuttavia, il fertilizzante granulare può richiedere un po ‘di tempo per rilasciare sostanze nutritive e avere un impatto sulle piante, quindi aggiungerlo quando si iniziano i semi è spesso un’opzione migliore. Prova ad aggiungerlo allo strato inferiore di terriccio e non lasciarlo entrare in contatto diretto con i semi. Anche i fertilizzanti organici possono bruciare se ne usi troppo.

Sapere quando le piantine hanno avuto abbastanza cibo

Quanto nutrire le piantine richiederà un po ‘di sperimentazione. Tieni d’occhio il grado di riempimento delle tue piantine. Troppo fertilizzante può causare una crescita tenera e allampanata, che non è quello che vuoi. Se questo è il caso, rilassati con il fertilizzante. 1  A questo punto dello sviluppo di una piantina, dovresti essere più interessato a coltivare un apparato radicale sano piuttosto che a far crescere molte foglie verdi.

Inoltre, ogni pianta, anche quelle della stessa specie, reagirà in modo leggermente diverso al fertilizzante. Ma col tempo dovresti farti un’idea di quanto cibo ci vuole per mantenere le tue piantine robuste mentre accumulano la forza per essere spostate all’aperto nel giardino .

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come raccogliere ed essiccare le zucche ornamentali

Le migliori viti da coltivare su pergole e pergolati