in

Come prendersi cura di una pianta di orchidee

Coltivare orchidee è più facile di quanto pensi! In questa guida dettagliata alla cura delle piante di orchidee, ti mostrerò tutto ciò di cui hai bisogno per avere successo. Imparerai tutto su di loro, scoprirai come risolvere i problemi comuni, ottenere risposte alle tue domande frequenti e molto altro ancora.

Le orchidee sono abbastanza facili da curare e rifioriranno anno dopo anno nelle giuste condizioni. Fanno piante d’appartamento meravigliose e una raccolta di diverse varietà può premiarti con fioriture tutto l’anno.

I fiori delicati che pendono dagli steli sottili sono ciò che rende le orchidee così esotiche … ed è anche ciò che le fa sembrare che sarebbero davvero difficili da coltivare. Ma non sono così difficili come potresti pensare.

In questo articolo dettagliato, ti mostrerò esattamente come coltivare le orchidee. Imparerai tutto su di loro, inclusa la loro robustezza, diverse varietà, condizioni di crescita ideali, risoluzione di problemi comuni e molto altro ancora!

  • Informazioni sulle orchidee
    • Tipi di orchidee
    • Fiori
    • Robustezza
    • Condizioni di crescita ideali
  • Istruzioni per la cura
    • Irrigazione
    • Umidità
    • Luce del sole
    • Terriccio
    • Rinvaso
    • Fertilizzazione
    • Controllo dei parassiti
    • Potatura
    • Come rifiorire
  • Propagare
  • Risoluzione dei problemi
  • Domande frequenti
    • Le orchidee sono difficili?
    • Le orchidee possono essere piantate nel terreno?
    • Cosa fai con un’orchidea dopo che i fiori sono caduti?
    • Le orchidee hanno bisogno di molta luce solare?
    • Dove dovrebbero essere collocate le orchidee?
    • Puoi usare i cubetti di ghiaccio per annaffiare le orchidee?

Informazioni sulle orchidee

Per far crescere con successo le orchidee, è importante capire come vivono in natura. La maggior parte delle orchidee sono piante epifite. Ciò significa che nel loro habitat naturale non crescono nella terra.

Invece, si attaccano a tronchi, rocce, alberi o persino altre piante. Non preoccuparti, non si nutrono di quelle piante, le usano solo come supporto naturale per la crescita.

Diversi tipi di orchidee

Ci sono tonnellate di diverse varietà di orchidee e sono disponibili in tutti i tipi di colori e dimensioni. Molte possono essere coltivate come piante d’appartamento, anche se alcune sono più pignole di altre.

Le orchidee Phalaenopsis (alias: orchidee di falena) sono la varietà più comunemente venduta che troverai. Questo perché sono le orchidee più facili da coltivare e perfette per i principianti.

Altre varietà comuni che sono anche abbastanza facili da coltivare includono Paphiopedilum, Cattleya, Oncidium, Dendrobium, Brassia, Brassavola e Cymbidium, solo per citarne alcuni.

Fiori di orchidea

Una volta che hai imparato a prenderti cura delle orchidee e hai imparato il segreto per farle rifiorire, diventano eccellenti piante d’appartamento in fiore .

Nella maggior parte dei casi le orchidee fioriscono durante l’inverno, rendendole una pianta popolare venduta nei garden center e nei grandi magazzini durante le vacanze.

Possono fiorire per diversi mesi e di solito i fiori durano per tutta la primavera. Alcuni possono persino fiorire tutto l’anno!

Una volta che hanno finito di fiorire, i fiori prima si abbasseranno e poi cadranno naturalmente dalla pianta, il che è del tutto normale.

Come coltivare piante di orchidee

Prima di entrare nelle istruzioni per la cura delle orchidee, è importante capire prima alcune cose su di loro. In questo modo, ti preparerai per il miglior successo sin dall’inizio.

Le orchidee sono annuali o perenni?

Sebbene più comunemente vendute come piante d’appartamento, le orchidee sono in realtà piante perenni nel loro clima nativo. La robustezza varia a seconda della varietà che scegli di coltivare.

Alcuni tipi richiedono un ambiente caldo e umido per sopravvivere, mentre altri prosperano nei climi più freddi. Quindi è meglio conoscere la zona di coltivazione consigliata del tipo specifico che hai prima di piantarla fuori nel tuo giardino.

Condizioni ideali per la crescita delle orchidee

Poiché le orchidee sono epifite, hanno bisogno di umidità per prosperare. Alcuni sono più tolleranti e possono crescere in climi asciutti, il che li rende piante da interno ideali.

Crescono anche meglio quando la temperatura è compresa tra 70-85F gradi e hanno bisogno di luce intensa e indiretta. Gli epifiti crescono meglio anche se montati su un albero, o su un altro supporto robusto, o se conservati in vaso nella corteccia o in trucioli di legno.

Istruzioni per la cura delle piante di orchidee

Di seguito ho suddiviso le mie istruzioni per la cura delle piante di orchidee in piccoli pezzi per renderti più facile da digerire, o semplicemente scorrere per trovare esattamente quello che stai cercando.

Ma ricorda, ci sono tonnellate di diverse varietà di orchidee. Quindi assicurati di cercare il tipo specifico che hai per dare loro esattamente ciò di cui hanno bisogno per prosperare.

Irrigazione

Alla maggior parte delle orchidee piace essere annaffiate in modo coerente, ma non amano i piedi inzuppati. Lascia che il terreno si asciughi leggermente tra un’annaffiatura e l’altra, ma non fino al punto in cui le foglie iniziano ad avvizzire.

Controlla settimanalmente il mezzo per vedere se ha bisogno di essere annaffiato. Quindi innaffia abbondantemente fino a quando non inizia a fuoriuscire dal fondo della pentola, assicurandoti che tutto il terreno si bagni.

Alcune persone trovano molto più facile immergere l’intera pentola nell’acqua piuttosto che versarla sopra. Se scegli di farlo, immergi il vaso finché non smette di ribollire, ma non immergere l’intera pianta.

Qualunque sia il metodo che usi, assicurati di far defluire completamente l’acqua dalla pentola. Non lasciare mai la tua orchidea in acqua per più di pochi minuti.

L’acqua piovana o l’acqua distillata sono i tipi migliori da utilizzare sulle orchidee. Sono sensibili alle sostanze chimiche e ai sali presenti nell’acqua del rubinetto, che possono accumularsi nel tempo e danneggiare la pianta.

Umidità

Un’altra parte importante della corretta cura delle piante di orchidee è garantire che ottengano molta umidità. Poiché sono epifite, per loro è importante un’umidità elevata. Utilizzare un monitor dell’umidità interna in modo da poter vedere quanto è secca l’aria e modificarla secondo necessità.

Metti la pianta su un vassoio di ciottoli per aumentare l’umidità o nebulizza regolarmente. Assicurati solo di farlo al mattino in modo che le foglie siano asciutte la sera per prevenire problemi di malattie o funghi.

Per aumentare i livelli di umidità, potresti coltivare orchidee in una mini serra interna o posizionare un umidificatore nella stanza vicino a loro.

Luce del sole

Orchidea come una luce brillante e indiretta. Non metterli mai in pieno sole, altrimenti potrebbero bruciare le foglie tenere. La luce indiretta proveniente da una finestra esposta a sud o la luce filtrata in una finestra rivolta a ovest o est sono le scelte migliori.

All’esterno, dovresti posizionarli in una posizione parzialmente ombreggiata dove saranno protetti dall’intenso sole pomeridiano.

Se non sei abbastanza fortunato da avere la giusta quantità di luce naturale nella tua casa per la coltivazione di orchidee, puoi acquistare una pianta per far crescere la luce e impostarla su un timer per dare loro la quantità di luce perfetta.

Terriccio

Poiché le orchidee sono epifite, ottengono i loro nutrienti e l’umidità dall’aria e non dal suolo. Quindi non usare un normale terriccio per loro.

Le radici hanno bisogno di aria per sopravvivere. Seppellire le radici nel terriccio ne causerà la putrefazione, che potrebbe eventualmente uccidere la pianta.

Poiché crescono sulla corteccia degli alberi nel loro habitat naturale, l’ ideale sarebbe un terriccio per orchidee a base di corteccia. Il muschio di sfagno è anche un mezzo comune e funziona bene per la coltivazione di orchidee.

Puoi anche provare a montare il tuo su un tronco, un albero o una targa di legno, che sembra molto bello. Ma questo può rendere più difficile annaffiarli, quindi tienilo a mente.

Rinvaso

Alcune orchidee odiano essere rinvasate, quindi assicurati di farlo solo quando è assolutamente necessario. La primavera e l’inizio dell’estate, o dopo che i fiori sono morti, sono i periodi migliori per il rinvaso.

Alcuni segni che il tuo deve essere rinvasato sono se sembra che stia cercando di uscire dal vaso, molte radici stanno crescendo dai buchi o non fiorirà più.

Quando invasi le orchidee, usa sempre un contenitore con fori di drenaggio, altrimenti potresti affogarlo rapidamente. Un vaso decorativo per orchidee è un’ottima opzione. Oppure puoi semplicemente piantarlo in un vaso di plastica , quindi lasciarlo cadere nel contenitore decorativo.

Fertilizzazione

Le orchidee daranno il meglio di sé se le nutri correttamente. In generale, è meglio nutrirli usando una dose debole di metà o un quarto di fertilizzante ogni volta che si innaffia durante la loro stagione di crescita attiva (maggio-settembre).

Non concimare le orchidee durante l’inverno o durante la fioritura. Tieni presente che sono sensibili alle sostanze chimiche e ai sali, che possono accumularsi nella pentola nel tempo.

Quindi consiglio vivamente di acquistare un fertilizzante organico per piante di orchidee e di seguire le indicazioni sulla confezione.

Controllo dei parassiti

Le orchidee sane di solito sono piuttosto resistenti ai parassiti delle piante d’appartamento, ma a volte le cocciniglie, gli afidi o le squame possono diventare un problema.

L’ olio di neem biologico è un insetticida naturale molto efficace per sbarazzarsi di questi insetti cattivi. Puoi anche usare un batuffolo di cotone imbevuto di alcol denaturato per uccidere i parassiti al contatto o usare un sapone insetticida .

Non usare mai pesticidi sintetici, perché questi insetti possono sviluppare una resistenza ai prodotti chimici, peggiorando solo il problema.

Potatura

In generale, le orchidee non richiedono molte potature. Se necessario, puoi eliminare le radici o le foglie morte in qualsiasi momento.

Fai attenzione però a potare i gambi dei fiori. Alcuni tipi di piante di orchidee possono fiorire più volte su un picco di fiori. Quindi non tagliarlo automaticamente subito dopo che i fiori sono caduti.

Aspetta che diventi completamente marrone, quindi taglialo fino alla base della pianta. Se la punta dello stelo diventa marrone, puoi tagliarla indietro solo quanto basta per rimuovere la parte morta, se lo desideri.

Come rifiorire le orchidee

Le orchidee di solito non rifioriscono da sole, quindi dovrai aiutarle un po ‘. Il trucco per farli fiorire sono le temperature serali più fresche.

Idealmente, dovrebbe essere almeno un 10F gradi più fresco di notte che durante il giorno (ma non inferiore a 40F) per almeno una settimana. Questo è facile per quelli di noi che vivono in climi freddi.

Quando stai aspettando con ansia di vedere se la tua orchidea fiorirà di nuovo, può essere difficile dire se la nuova crescita è una punta di fiori o solo più radici. C’è una sottile differenza, quindi osserva attentamente.

Le radici hanno bordi lisci e leggermente appuntiti. Le punte di fioritura avranno pieghe sulle punte e sembrano un po ‘come un piccolo guanto.

Se hai seguito religiosamente tutte queste istruzioni per la cura delle piante di orchidee ma la tua non fiorirà, è un segno che deve essere rinvasata.

Propagazione delle orchidee

Il metodo più semplice e comune per propagare le orchidee è dividerle. Per dividere una pianta matura, rimuovila dalla pentola e separa con cura le radici.

Alcuni tipi di orchidee possono anche crescere bambini o propaggini alla base o lungo i gambi dei fiori. Una volta che hanno le loro radici, questi bambini possono essere rimossi e conservati nei loro contenitori.

Molte varietà possono anche essere coltivate da seme, anche se questo è abbastanza difficile e richiede molta pazienza. Se vuoi fare un tentativo, tieni presente che possono essere necessari diversi anni prima che le piantine di orchidee diventino abbastanza grandi da fiorire.

Risoluzione dei problemi comuni di cura delle orchidee

Quando vengono fornite le cure adeguate, le orchidee sono abbastanza facili da coltivare. Tuttavia, ci sono molte cose che possono andare storte ea volte è difficile capire la causa.

Quindi di seguito ho incluso un elenco di alcuni dei più comuni problemi di cura delle orchidee, le probabili cause e le mie soluzioni consigliate.

  • L’orchidea non fiorirà – Il più delle volte, questo è causato dalla temperatura. Hanno bisogno di temperature più fresche in autunno e in inverno per fiorire. Ma può anche essere causato dalla mancanza di luce, dall’uso del fertilizzante sbagliato o dalla necessità di rinvasare la tua pianta.
  • Foglie marroni – Quando le foglie dell’orchidea diventano marroni, di solito è dovuto a un’irrigazione impropria (principalmente sotto l’irrigazione). Ma le foglie marroni potrebbero anche essere causate da scottature solari o ustioni da fertilizzanti. Non lasciare che il terreno si asciughi completamente, tienilo lontano dal pieno sole e usa sempre metà o un quarto della dose di fertilizzante organico.
  • La pianta dell’orchidea sta morendo – La causa più comune di morte dell’orchidea è l’irrigazione impropria. L’irrigazione eccessiva di solito si verifica quando si utilizza il tipo sbagliato di terriccio. Ma il tuo potrebbe morire a causa dell’irrigazione insufficiente e / o della mancanza di umidità.
  • Foglie che ingialliscono – Quando le foglie ingialliscono, è quasi sempre dovuto a un’irrigazione eccessiva, che può facilmente accadere quando le epifite vengono piantate in terriccio regolare. Lascia che il terreno si asciughi maggiormente tra un’annaffiatura e l’altra o rinvasalo usando il terreno di coltura appropriato.
  • Foglie cadenti o appassite – Se le foglie cadono o appassiscono, probabilmente non sta ricevendo abbastanza acqua e / o umidità. Ma le foglie cadenti potrebbero anche essere causate da un’irrigazione eccessiva o accadere quando la pianta diventa troppo calda.
  • I fiori stanno morendo o stanno cadendo – I fiori di orchidea muoiono naturalmente dopo un paio di mesi, il che è del tutto normale. Una volta che i fiori sono tutti morti e la punta è diventata marrone, potala fino alla base.

Domande frequenti sulla cura delle piante di orchidee

In questa sezione risponderò ad alcune delle domande più frequenti sulla crescita delle orchidee. Se hai ancora una domanda dopo aver letto tutto questo, chiedila nei commenti qui sotto. Sarò felice di risponderti appena possibile.

Le orchidee sono difficili da coltivare?

Dipende dalla varietà che hai. Alcune varietà sono più difficili da coltivare rispetto ad altre. Se stai cercando uno facile con cui iniziare, procurati un’orchidea phalaenopsis (nota anche come “falena”). Questi sono i più facili da coltivare e perfetti per i principianti.

Le orchidee possono essere piantate nel terreno?

Non commettere l’errore di piantare orchidee epifite in un normale terriccio. Le loro radici hanno bisogno di molto spazio e aria per prosperare. Seppellire le radici nel terreno le soffocerà e alla fine marciranno.

Cosa fai con un’orchidea dopo che i fiori sono caduti?

Alcuni fioriranno più volte, quindi lascia il gambo del fiore sulla pianta finché non diventa marrone. Una volta che è morto, puoi potare fino in fondo allo stelo.

Le orchidee hanno bisogno di molta luce solare?

Le orchidee amano molta luce solare indiretta e brillante, ma mai il pieno sole. La luce solare diretta può bruciare le foglie. Se non hai molta luce naturale nella tua casa, allora ti consiglio di usare una luce da coltivazione per loro.

Dove dovrebbero essere collocate le orchidee?

All’interno, posizionali in una finestra esposta a est o ovest o dai luce solare filtrata da una finestra esposta a sud. All’esterno, mettili in una posizione parzialmente ombreggiata, dove saranno protetti dal caldo sole pomeridiano.

Puoi usare i cubetti di ghiaccio per annaffiare le orchidee?

L’uso di cubetti di ghiaccio per annaffiare le orchidee sembra essere una tendenza comune, e mi viene chiesto un po ‘di questo. Tuttavia, non consiglio di farlo.

Poiché la maggior parte dei tipi sono piante tropicali che provengono da climi caldi, l’uso di ghiaccio su di esse potrebbe causare gravi danni. Quindi, ti consiglio di continuare a usare acqua a temperatura ambiente.

Coltivare orchidee è un hobby divertente e può creare dipendenza! Inoltre ci sono tantissime varietà diverse che puoi collezionare. Segui semplicemente queste istruzioni per la cura delle piante di orchidee e ti godrai le tue per molti anni a venire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come prendersi cura di una pianta di amarilli

Come tagliare l’erba come un professionista utilizzando modelli e tecniche di taglio del prato