in

Come rimuovere il vecchio mastice da una vasca, una doccia o un lavandino

Prima di applicare il nuovo mastice intorno alla vasca da bagno, alla doccia o al lavandino, devi prima rimuovere il vecchio mastice. Il nuovo mastice non si attacca al vecchio mastice, quindi se non riesci a rimuovere il vecchio materiale, il nuovo mastice non può formare un sigillo a tenuta stagna, lasciando la possibilità che l’umidità penetri nelle aree in cui non lo desideri.  

Il modo migliore per rimuovere il mastice è attraverso una combinazione di rimozione del mastice chimico e strumenti manuali. I solventi chimici richiedono un po ‘di tempo per ammorbidire il mastice, quindi se hai fretta o non vuoi usare prodotti chimici, puoi anche rimuovere il mastice solo con strumenti manuali.

Un modo semplice per avviare il processo di rimozione mastice è usare una soluzione di rimozione mastice , come ad esempio i prodotti realizzati da 3M, DAP, e altre marche. Questo dispositivo di rimozione chimica distrugge il legame tra il vecchio mastice e la piastrella, la vasca o il lavandino, rendendo molto facile fare leva su crepe e fessure. 

Una piccola bottiglia di liquido per la rimozione del mastice costa da $ 10 a $ 20 e rimuoverà circa 20 piedi lineari di mastice, abbastanza per la maggior parte delle vasche da bagno. Segui le istruzioni per l’uso del produttore.

Cosa ti servirà

Attrezzature / strumenti

  • Spatola di plastica
  • Strumento di rimozione calafataggio o raschietto

Materiali

  • Solvente chimico per mastice
  • Alcol denaturato
  • Panni

Istruzioni

  1. Applicare il prodotto chimico di rimozione del masticeSpremi il solvente chimico sul vecchio cordone di mastice in modo che sia completamente coperto. 
  2. Lascia che Caulk si ammorbidiscaLascia che il dispositivo di rimozione del mastice si sieda sul mastice come indicato dalle istruzioni del produttore. Alcuni utenti segnalano che aiuta a consentire al prodotto di impostare durante la notte per la massima efficacia.  
  3. Raschiare via CaulkUsa una spatola di plastica o altri strumenti per grattare via il vecchio mastice . Se possibile, cerca di staccarlo a strisce mentre lo raschi.  Ispezionare accuratamente l’area e rimuovere eventuali residui di mastice rimanenti con lo strumento. A questo punto può essere utile uno strumento per la rimozione del mastice o un raschietto (vedi sotto). 
  4. Superfici pulitePulire accuratamente le superfici con un panno pulito inumidito con alcol denaturato. Lasciare asciugare completamente le superfici prima di applicare il nuovo mastice.  

Metodi non chimici

Utilizzando uno strumento di rimozione calafataggio

Diversi produttori realizzano strumenti per la rimozione del mastice , che a volte vengono forniti in kit che includono strumenti per applicare e levigare il nuovo mastice. Gli strumenti migliori sono realizzati in plastica o acciaio lucido che non graffiano le superfici e hanno angoli e lame progettati per raschiare il calafataggio da fessure e angoli stretti. Uno strumento eccellente di  Hyde ha una lama raschiante angolare reversibile e sostituibile per assicurarti di avere sempre uno strumento affilato.

Gli strumenti per la rimozione del mastice possono essere utilizzati da soli, ma sono anche ottimi come secondo passaggio dopo l’applicazione del prodotto per la rimozione del mastice chimico.

Dopo aver raschiato via il vecchio mastice, ispeziona il giunto per assicurarti di averlo rimosso completamente. Prima di applicare il nuovo mastice, pulire accuratamente le superfici con un panno pulito inumidito con alcol denaturato e lasciare asciugare le superfici.

Utilizzando un rasoio raschietto

Un altro strumento che funziona bene è un buon raschietto vecchio stile. Il trucco qui è usare una lama molto affilata e assicurarsi che il bordo della lama sia piatto sulla superficie per evitare graffi. Un rasoio è l’ideale per proteggersi da sottili sbavature di vecchio mastice.

In generale, è meglio raschiare dietro entrambi i bordi laterali del cordone di mastice per separarlo dalla superficie, quindi provare a staccarlo a strisce lunghe. Per evitare graffi, fare attenzione a non lasciare che gli angoli della lama tocchino la superficie. Tenere l’utensile sempre a un angolo basso, quasi piatto rispetto alla superficie. Le superfici in acrilico e fibra di vetro sono particolarmente suscettibili ai graffi.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Docce in vetro senza cornice che definiscono il lusso

10 tipi di docce