in

Cosa fare in caso di falsi allarmi rilevatori di fumo

Inoltre, come sapere se sono effettivamente falsi

I falsi allarmi dei rilevatori di fumo sono, fortunatamente, più comuni degli allarmi che annunciano la presenza di incendi e fumo reali. È uno scenario frequente, ripetuto nelle case ogni giorno, in tutto il mondo: l’ allarme del rilevatore di fumo suona e il proprietario della casa interviene solo per interrompere il suono. Aprire le porte e diffondere l’aria a volte aiuta. Smontare il rilevatore e rimuovere definitivamente la batteria non è mai un’opzione saggia. Invece, scopri perché si verificano i falsi allarmi del rilevatore di fumo, i falsi allarmi più comuni e come puoi determinare la differenza tra un falso allarme e un allarme valido, tutto in modo che tu, i tuoi cari e la tua casa potete stare al sicuro.

Segni che l’allarme potrebbe essere falso

L’unità è entro 10 piedi dalla cottura?

Il fumo di cottura, anche quando non è visibile, può attivare l’allarme fumo. I produttori generalmente consigliano di installare l’unità a più di 10 piedi di distanza dalle aree di cottura a causa dell’elevato numero di falsi allarmi innescati dal fumo.

L’unità è vicino a una finestra aperta?

Le particelle provenienti dall’esterno possono causare un fastidioso allarme. Questi particolati possono essere il fumo di un barbecue, polline insolitamente pesante, insetti o polvere.

L’unità è vicina a un bagno o ad un’altra zona umida?

Il vapore non è fumo. Tuttavia, in quantità sufficienti, il vapore può interrompere il circuito interno che fa scattare allarmi molesti. I rilevatori di fumo situati vicino o nei bagni sono soggetti a allarmi fastidiosi.

L’unità è vecchia?

I rilevatori di fumo possono ostruirsi con muffe, funghi, ragnatele o altre attività di insetti nel tempo. Questo tipo di detriti può attivare un allarme fastidioso. Abbassa il rilevatore di fumo e puliscilo con l’estremità dell’ugello di un aspirapolvere da negozio . Se l’unità non può essere pulita facilmente, sostituirla completamente.

Cosa ti dice l’allarme del tuo rilevatore di fumo

Il rilevatore di fumo è costantemente in guardia, rileva la presenza di segnali che potrebbero indicare che si verificherà o si è già verificato un incendio. Le batterie dei rilevatori di fumo forniscono costantemente elettricità per una delle due operazioni – ionizzazione o rilevamento fotoelettrico – che continuano a controllare questi segnali relativi al fuoco.

Gli allarmi fumo a ionizzazione rilevano incendi avanzati. Con un rilevatore di fumo a ionizzazione, l’elemento radioattivo Americio-241 viene caricato dalla batteria e aiuta a trasformare le molecole d’aria tra due elettrodi in ioni positivi e negativi. Durante un incendio, il fumo entra nel rilevatore di fumo attraverso fori o fessure nell’alloggiamento. Gli ioni positivi e negativi cercano quindi il fumo anziché gli elettrodi. Con il circuito rotto, suona l’allarme.

I rilevatori di fumo fotoelettrici o ottici rilevano gli incendi nella loro infanzia. Il fumo che entra nell’alloggiamento dell’unità rompe un fascio di luce LED invisibile che passa da un sensore all’altro. Il raggio rimbalza sul fumo e colpisce un sensore diverso, attivando l’allarme.

I falsi allarmi del rilevatore di fumo , chiamati anche allarmi molesti, si verificano quando particelle di combustione di quantità e densità sufficienti entrano nel rilevatore di fumo. Il fumo è composto da gas e particelle fisiche solide che sono individualmente troppo piccole per essere viste ad occhio nudo. I gas di fumo non attivano i rilevatori di fumo; in effetti, questo è il motivo per cui è necessario acquistare un allarme separato per rilevare il gas monossido di carbonio. Con il fumo, solo le particelle bruciate faranno scattare un allarme, reale o falso che sia.

Cause comuni dei falsi allarmi del rilevatore di fumo

Qualsiasi interruzione fisica del raggio LED o del percorso ionico attiverà l’allarme del rilevatore di fumo. Quindi, oltre al particolato di fumo di un incendio domestico, altri motivi comuni per i falsi allarmi includono:

  • Fumo di sigaretta diretto verso il rilevatore di fumo (ma di solito non fumo di sigaretta ambientale)
  • Cucinando particelle di combustione spesso fuoriuscite dalla stufa o grigliate
  • Insetti all’interno dell’alloggiamento dell’allarme
  • Troppa polvere nell’alloggiamento
  • Vapore denso all’interno di una stanza chiusa
  • Formazione di muffe o funghi all’interno dell’alloggiamento dell’allarme
  • Pittura per soffitti o altri rivestimenti per soffitti o pareti

Come sapere un falso allarme rilevatore di fumo è davvero falso

Se l’allarme del rilevatore di fumo suona, per prima cosa determina se si sta verificando un incendio legittimo o è nelle fasi iniziali. Controlla le aree più comuni in cui possono iniziare gli incendi domestici , inclusi ma non limitati a:

Interni

  • Cucina
  • Stanza della fornace
  • Camino
  • Lavanderia
  • Camere con stufe
  • Stanze che possono avere candele
  • Camere da letto o altre stanze dove gli occupanti fumano

Esterno

  • Barbecue
  • Firepit
  • Dentro o intorno al garage
  • Contatore del gas
  • Cucina all’aperto

Se hai stabilito che non c’è incendio in casa, procedi nel seguente modo:

  1. Rimuovere il rilevatore di fumo dalla staffa di montaggio e spegnere temporaneamente il rilevatore di fumo o rimuovere la batteria.
  2. Controllare l’area circostante per qualsiasi evento che possa creare particolato bruciato, come un cibo grigliato nel forno, vapore pesante da un bagno o fumo denso di sigarette.
  3. Se trovi che un rilevatore di fumo si trova entro 10 piedi da qualsiasi apparecchio di cottura, abbassa l’unità (inclusa la sua staffa di montaggio) e reinstallala appena fuori dal raggio di 3 metri. Ciò contribuirà a ridurre al minimo i futuri falsi allarmi durante la cottura.
  4. Guardando il rilevatore di fumo, la sua batteria è ancora fresca e in buone condizioni? In caso contrario, sostituire la batteria . Le unità batteria agli ioni di litio di 10 anni non possono essere sostituite. Invece, sostituire l’intera unità.
  5. Guarda il retro del rilevatore di fumo. Di solito, c’è un’etichetta in cui i proprietari di casa o altri che hanno installato l’allarme possono scrivere la data in cui l’unità è stata installata. In generale, si consiglia di sostituire l’intero rilevatore di fumo (non solo la batteria) almeno una volta ogni 10 anni.
  6. Controllare l’alloggiamento del rilevatore di fumo per vedere se detriti o insetti sono entrati nel rilevatore di fumo. Alcuni elementi possono essere facilmente rimossi manualmente dall’esterno dell’alloggiamento. Ma i detriti all’interno dell’alloggiamento non possono essere rimossi poiché i rilevatori di fumo tendono ad essere sigillati in fabbrica. Se il rilevatore di fumo contiene ostruzioni, di solito è meglio acquistare un nuovo rilevatore di fumo.

Importante

Ricordarsi di riavviare il rilevatore di fumo o di reinserire la batteria prima di montare nuovamente l’unità sul soffitto.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Suggerimenti per prevenire il furto di autoradio

Tutto ciò che devi sapere sulla sostituzione della batteria di un rilevatore di fumo