in

Gli armadi freestanding offrono un aspetto da cucina classico

Ciò che una volta era vecchio è di nuovo nuovo

Dagli anni ’50 in poi, le cucine standard erano generalmente costituite da armadietti con facce anteriori rifinite e lati e schienali grezzi. Le unità sono unite end-to-end e ancorate alle pareti lungo gli schienali per formare l’illusione di una linea di mobili senza soluzione di continuità. Di recente, tuttavia, la popolarità delle grandi isole cucina ha portato a una rinascita di una forma di mobili che una volta era la norma nelle cucine fino ai primi anni ’50: il mobile indipendente che poggia su gambe con facce rifinite su tutti e quattro i lati. 

Una breve storia di mobili da cucina

Un tempo non avevi scelta: ogni cucina era una cucina indipendente. Nella maggior parte delle cucine precedenti alla seconda guerra mondiale, tutti gli elementi erano indipendenti e mobili: tavolo, dispensa, frigorifero, fornello e armadietti. Solo il lavandino era fissato al suo posto, e questo perché era attaccato alla casa da un impianto idraulico.

Negli anni Quaranta, nelle cucine americane cominciarono ad apparire mobili da cucina in metallo continuo, risultato delle innovazioni nella produzione di massa indotte dall’industria dei materiali bellici. Dopo la seconda guerra mondiale, questi armadi avvolgenti, con i loro controsoffitti senza cuciture, sono stati trovati nelle cucine più recenti quasi ovunque. Se avevi armadi freestanding, sei stato considerato altamente poco pratico o, peggio, seriamente fuori moda.

Gli anni ’50 hanno visto l’ascesa della ristrutturazione della cucina, sia  fai-da-te che a pagamento, come passatempo americano preferito. Quando i proprietari di case, spesso armati di copie di  Popular Mechanics,  iniziarono a prendere personalmente il controllo dell’aspetto delle loro cucine, i professionisti dell’installazione non erano più artigiani che progettavano e costruivano armadi indipendenti, ma piuttosto specialisti dell’installazione che dimensionavano e installavano il magazzino costruito in fabbrica armadi – armadi che sono stati prodotti con l’obiettivo di basso costo. Gli armadi standard non erano più unità autoportanti con quattro lati finiti, ma semplici carcasse scatolari con le sole facce frontali finite, appoggiate a pavimento e ancorate alle pareti. 

Ciò che una volta era vecchio è di nuovo nuovo

Nella prima parte del 21 ° secolo, il design della casa ha iniziato a richiedere cucine più grandi ed è entrato in gioco l’uso diffuso di isole cucina. In alcune case, queste isole sono diventate abbastanza grandi da rappresentare la maggior parte dello spazio di lavoro della cucina. Grandi isole in questi giorni possono incorporare il lavello della cucina, il piano cottura, lo spazio del ripiano per mangiare e una buona parte del territorio di stoccaggio dell’armadio.

In una tale configurazione di cucina, gli armadi di serie standard con solo una faccia anteriore finita non sono più pratici, poiché tre lati, o talvolta anche tutti e quattro i lati degli armadietti possono essere esposti. Da qui è nato il concetto di cucina freestanding, spesso definita come una cucina in cui una grande isola è il centro del progetto. Molte cucine in questi giorni fanno uso di armadi freestanding non solo per l’isola centrale, ma anche lungo il perimetro, dove gli armadi freestanding sono uniti fianco a fianco allo stesso modo degli armadi di serie. 

Sebbene rari, gli armadi freestanding offrano anche ai proprietari di case la possibilità di cambiare la disposizione di una cucina, proprio come i mobili del soggiorno possono essere riorganizzati di volta in volta. 

Pertanto, le cucine sono gradualmente tornate a un’estetica prebellica, in cui il mobile freestanding è ancora una volta in prima linea nel design della cucina. Molte cucine si inclinano ancora di più verso quell’estetica, utilizzando alzatine in piastrelle della metropolitana vecchio stile, pavimenti ad assi larghe e altri accessori di cucine vecchio stile. 

Vantaggi degli armadietti indipendenti

Gli armadi freestanding offrono diversi vantaggi in una cucina:

  • Stile classico. La maggior parte dei proprietari di case sceglie armadi freestanding perché vogliono che i loro armadi conferiscano uno stile tradizionale. 
  • Pulizia più facile . Poiché stanno su gambe e non hanno spazio per i piedi, questi armadietti consentono di pulire o spolverare tutto il percorso sotto l’armadio. 
  • Flessibilità del layout.  Molti (ma non tutti) i produttori producono questi armadi come veri e propri mobili, rifiniti su tutti i lati. Ciò significa che puoi appoggiarli su un muro o posizionarli al centro della stanza. Gli armadi convenzionali, al contrario, hanno un pannello di particelle o un sottile supporto in compensato che non è adatto per la visualizzazione. Questi armadi possono anche essere spostati, nel caso in cui volessi cambiare il layout della tua cucina. Normalmente, la ristrutturazione di una cucina importante richiede che i vecchi mobili vengano scartati, ma quando si rivede una cucina indipendente, è spesso possibile riutilizzare gli armadi esistenti.

Svantaggi dei mobili autoportanti

Ci sono, ovviamente, degli svantaggi in una cucina indipendente. 

  • L’armadio è più costoso . Poiché tutti e quattro i lati hanno facce finite, il costo dei materiali e della manodopera di costruzione è più costoso con armadi indipendenti. Gli armadi freestanding tendono sempre ad essere più costosi degli armadi convenzionali. 
  • La selezione è limitata. Ci sono entrambi meno produttori che offrono armadi indipendenti e selezioni di linee di prodotti relativamente piccole disponibili da quelle aziende che offrono unità indipendenti.  Le aziende pronte per l’assemblaggio (RTA) , una strada comprovata per trovare armadi più economici, tendono ad avere offerte indipendenti irrisorie o del tutto assenti.

Installazione di armadi freestanding

Mentre gli armadi convenzionali sono in realtà più facili da installare di quanto la maggior parte delle persone creda, l’installazione di armadi indipendenti è ancora più semplice. Il livellamento degli armadi autoportanti viene solitamente effettuato mediante viti situate all’interno degli armadi che vengono regolate per mezzo di una chiave a brugola. Per i collegamenti da armadio a armadio dopo il livellamento, alcuni produttori forniscono dispositivi di fissaggio speciali che bloccano positivamente i due pezzi in posizione riducendo al minimo il deterioramento. Se non vengono forniti elementi di fissaggio, gli armadi possono essere uniti utilizzando viti guidate tra armadi adiacenti dall’interno. Se lo si desidera, gli armadi possono anche essere ancorati alla parete posteriore, in modo molto simile a quanto avviene con gli armadi convenzionali. 

Produttori e rivenditori

Una volta disponibili solo da produttori specializzati, molti dei quali europei e spesso venduti a prezzi molto alti, gli armadi freestanding stanno gradualmente diventando disponibili in una selezione limitata presso i rivenditori di grandi scatole, realizzati dalle aziende che producono armadi a magazzino. Ma le selezioni migliori proverranno comunque da aziende specializzate in mobili da cucina freestanding, tra cui: 

  • Lizell Mill Studio : lo slogan di Lizell è “Innovation By Simplicity”. Questa azienda con sede in Pennsylvania produce armadi utilizzando “metodi di costruzione tradizionali vecchio stile come falegnameria a tenone e mortasa e incastri a coda di rondine”, secondo il loro sito web.
  • Chalon : Chalon, con sede nel Regno Unito, produce unità indipendenti meravigliose, uniche e artigianali (tra gli altri pezzi). 
  • GD Arredementi. Questa azienda realizza la linea di armadi freestanding Fortuna, disegnata da Luciano Dal Bello. 
  • Colombini. Offre mobili freestanding in stile italiano in diverse linee. 
  • Gamadecor. Un produttore italiano che offre diverse linee di mobili moderni freestanding. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Gli armadi da cucina bianchi sono noiosi o contemporanei?

8 favolose cucine bicolore