in

Il detersivo per bucato scade?

Se sei un couponer estremo o un convinto sostenitore dello shopping quando i prodotti sono in vendita e acquistano in anticipo, puoi risparmiare denaro sulle forniture di lavanderia. Ma anche con un’attenta pianificazione, a volte ti ritroverai con più detersivo per il bucato di quanto la tua famiglia possa usare in un ragionevole lasso di tempo. Quindi quella bottiglia di detersivo che hai comprato un paio di anni fa è ancora sicura da usare?

Il detersivo per bucato scade?

I detersivi per bucato sono disponibili in forma liquida, in polvere e in cialde o pacchetti. Sebbene la maggior parte dei detersivi non “vada a male” o si rovini, è possibile che perdano parte della loro efficacia nella pulizia degli indumenti e stabilità durante la conservazione. Diamo uno sguardo alla stabilità di ogni tipo di detersivo.

Detergenti per bucato a formula liquida

Alcuni detersivi liquidi per bucato hanno una data di “utilizzo migliore entro” stampata sulla bottiglia. Dopo questa data, il produttore non può garantire che la formula non inizi a decomporsi e gli ingredienti si separino. La separazione è spesso influenzata da drastici cambiamenti di temperatura come il calore eccessivo o se il detersivo per bucato viene lasciato congelare.

È ancora possibile utilizzare il prodotto, non è dannoso, ma è possibile che vi siano dei grumi. Dare una buona scossa alla bottiglia ogni volta prima di usarla. Il detersivo liquido per bucato “grumoso” non deve essere utilizzato nei distributori automatici perché potrebbe ostruire il distributore. Versare il liquido direttamente nel cestello della lavatrice vuoto prima di caricare i vestiti sporchi.

Se il prodotto non ha una data di “migliore utilizzo”, utilizza questa regola pratica:

  • Detersivo liquido per bucato non aperto: il prodotto è al suo meglio per nove mesi a un anno dalla data di acquisto.
  • Detersivo per bucato liquido aperto: utilizzare il prodotto entro sei mesi per ottenere i migliori risultati.

Il detersivo liquido per bucato fatto in casa può sviluppare muffe e funghi perché non contiene inibitori dei batteri. I prodotti fatti in casa devono essere conservati in un’area climatizzata per ridurre la crescita di muffe. Smaltisci qualsiasi prodotto infestato da muffa e prepara solo lotti abbastanza piccoli da poterli consumare entro due mesi. Se ti piace fare lotti più grandi, condividili con la famiglia e i vicini.

Detergenti per bucato formula in polvere

I detersivi per bucato in polvere non scadono o perdono efficacia a meno che non siano stati esposti all’umidità.

Se un detersivo in polvere diventa duro o cakey, deve essere eliminato. La polvere probabilmente non si dissolverà correttamente o completamente nella lavatrice, lasciando depositi di sapone sui vestiti. Questo può accadere facilmente con un detersivo in polvere fatto in casa perché non contiene ingredienti antiagglomeranti. Preparare sempre detersivi fatti in casa in piccoli lotti che possono essere utilizzati rapidamente e conservare il prodotto in un contenitore ermetico.

Detersivi per bucato monodose

Se hai utilizzato confezioni di detersivo per bucato monodose , sai che il film di polivinile è prodotto per essere a rapida dissoluzione. Anche le mani bagnate possono iniziare il processo prima che il pacco sia nella lavatrice.

Conservare sempre il detersivo per bucato monodose in un contenitore ermetico per tenere a bada l’umidità e provare a utilizzarlo entro sei mesi dall’acquisto.

avvertimento

Se le confezioni che contengono ingredienti liquidi sono state esposte a un’umidità eccessiva, si raggrupperanno e devono essere eliminate. Cercare di separare i pacchi è quasi impossibile e persino pericoloso. Il contenuto delle confezioni può schizzare rapidamente provocando irritazione agli occhi . Anche le confezioni monodose che contengono ingredienti secchi possono scoppiare o dissolversi e devono essere eliminate.

Altri prodotti per il bucato scadono?

  • La candeggina al cloro  è un prodotto per il bucato che dovrebbe essere monitorato attentamente per le date di utilizzo. La candeggina al cloro è volatile e inizia a perdere efficacia subito dopo che la bottiglia viene aperta ed esposta alla luce e all’aria. Una bottiglia aperta di candeggina a base di cloro inizia a trasformarsi in una soluzione detergente inefficace e deve essere eliminata dopo sei mesi.
  • Le candeggine a base di ossigeno sono le più stabili nelle formule in polvere perché si attivano quando le sciolgono in acqua. La soluzione perde la sua efficacia pulente dopo otto ore e deve essere eliminata. Gli sbiancanti liquidi all’ossigeno iniziano a perdere efficacia dopo l’apertura e ritornano alla normale acqua entro poche settimane.
  • Gli ingredienti dell’ammorbidente possono diventare instabili e separarsi. Agitare sempre bene il flacone prima di utilizzarlo. Smaltire l’ammorbidente eccessivamente grumoso che può ostruire i distributori e lasciare residui sui vestiti. Se non lo fai, potresti avere “macchie di grasso” dai residui di ammorbidente.
  • I fogli asciutti dell’asciugatrice non scadono né si deteriorano. I fogli di asciugatrice preumidificati possono ammuffire o seccarsi. Se sono ammuffiti, smaltirli. Le lastre secche possono essere riattivate aggiungendo qualche cucchiaio di acqua nel contenitore.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Ingredienti dei detersivi per bucato e come funzionano

Trucchi per il bucato che non funzionano