in

Ingredienti dei detersivi per bucato e come funzionano

I detersivi per bucato hanno fatto molta strada da quando i primi saponi da bar a base di grasso animale e liscivia furono offerti in vendita nel 1700. L’introduzione di detergenti sintetici sul mercato negli anni ’50 ha offerto alle casalinghe più opzioni per la cura dei tessuti. Ma sono gli anni ’70 che portano l’innovazione più significativa nella lavanderia, l’aggiunta di enzimi che “attaccano” specifici tipi di macchie. Sono quegli enzimi che separano gli uomini dai ragazzi quando si tratta di pulire il bucato.

Formule detergenti di base

Ogni produttore di detersivi ha ingredienti e miscele segreti per produrre i propri marchi specifici. Molti di questi ingredienti possono essere prodotti dalle piante; altri sono a base di petrolio. È la quantità di ogni ingrediente e il modo in cui sono combinati che influiscono sulla capacità di pulizia del detersivo. 

Alcali:

Gli alcali, un componente importante nella maggior parte dei detersivi per bucato, sono sali solubili e una base che reagisce con un acido per neutralizzarlo. Sono efficaci nel rimuovere sporco e macchie dal tessuto senza sfregamenti eccessivi. I sali solubili di un metallo alcalino come il potassio o il sodio sono buoni sgrassanti. Formano un’emulsione delle particelle oleose o solide che vengono tenute in sospensione nell’acqua di lavaggio per essere risciacquate. 

I primi produttori di sapone e detersivi usavano ceneri vegetali per produrre alcali. Oggi sono prodotti chimicamente facendo scorrere l’elettricità attraverso l’acqua salata per produrre idrossido di sodio (NaOH) o soda caustica e idrossido di potassio (KOH) o potassa caustica. Questi sono gli alcali più comunemente usati in saponi e detergenti.

Le sostanze alcaline variano nella loro forza con le più forti ustioni e lesioni interne se ingerite. Gli alcali forti possono anche danneggiare i tessuti e lasciare i vestiti ruvidi al tatto.

  • Un alcali delicato è il  bicarbonato di sodio  (bicarbonato di sodio)
  • Gli alcali moderati includono ammoniaca domestica, borace e fosfato trisodico (TSP)
  • Gli alcali forti includono la soda (carbonato di sodio) e la liscivia (soda caustica)

Tensioattivi e agenti anti-ridepositivi

I tensioattivi sono uno dei componenti principali del bucato e dei prodotti per la pulizia. Rompono le macchie e sospendono lo sporco nell’acqua per evitare il riposizionamento dello sporco sulla superficie. I tensioattivi disperdono lo sporco che normalmente non si dissolve in acqua.

Funzionano come un condimento per insalata con olio e aceto. Non si mescolano se non agitati vigorosamente nella bottiglia e si separano quasi immediatamente dopo. Lo stesso vale quando si lavano i vestiti. I tensioattivi “scuotono” il terreno che normalmente non si dissolve in acqua, rendendolo disperdibile e rimovibile con l’acqua di lavaggio.

Nei tensioattivi anionici, la testa della molecola è caricata negativamente. Questo particolare tipo di tensioattivo è molto efficace per rimuovere lo sporco e le macchie oleose a meno che non venga utilizzato in acqua ricca di minerali come calcio e magnesio. I minerali impediscono al tensioattivo anionico di funzionare correttamente. Vedrai i tensioattivi anionici elencati come alchil solfati, alchil etossilati solfati e saponi nell’elenco degli ingredienti.

Se hai acqua dura , otterrai risultati di pulizia migliori con un tensioattivo non ionico. Queste molecole di tensioattivo non hanno carica elettrica. Troverai questi tensioattivi elencati come eteri di alcoli grassi sull’etichetta. Potresti trovarli combinati con tensioattivi anionici per completare e potenziare l’azione detergente.

Tipi di tensioattivi 

  • alchil solfati (anionici)
  • alchil etossilato solfati (anionici)
  • eteri di alcol grasso (non ionico)

Materiali funzionali nel detersivo per bucato

  • Modificatori di pH per bilanciare acidi e basi in acqua
  • sbiancanti ottici (alternativa alla candeggina) per migliorare l’aspetto del bianco assorbendo la luce UV ed emanando una tinta blu
  • condizionatori d’acqua per gestire l’acqua dura e inibire il trasferimento del colorante
  • controllo della schiuma con sapone o silicone per evitare l’eccessiva formazione di schiuma
  • conservanti per prevenire la crescita microbica

Enzimi catalitici 

Gli enzimi possono essere naturali o trattati chimicamente. Diversi enzimi prendono di mira terreni specifici e l’azione catalitica rompe il suolo in molecole più piccole per essere lavate via.

  • proteasi: degrada i terreni a base di proteine
  • amilasi: degrada i terreni a base di amido o carboidrati
  • cellulasi: scompone le fibre di cotone per rilasciare lo sporco
  • lipasi: degrada i terreni a base di grasso
  • mannanasi: degrada le macchie di cibo
  • pectinasi: degrada le macchie a base di frutta

Gli enzimi sono presenti in natura; aiutano il pane a lievitare più velocemente e ad aumentare la resa del vino. L’introduzione di enzimi nei detersivi per bucato ha cambiato radicalmente il modo in cui facciamo il bucato. Gli enzimi ci consentono di utilizzare temperature dell’acqua più basse e meno detersivo per pulire i vestiti. Per molti, molti anni l’unico modo per ottenere un bucato pulito è stato quello di utilizzare acqua bollente e saponi aggressivi a base di liscivia.

Oggi, gli scienziati hanno creato la biotecnologia industriale o “biotecnologia bianca”, che utilizza cellule enzimatiche o componenti di cellule per generare enzimi utili all’industria per i detersivi per bucato. La biotecnologia industriale ha il potenziale per salvare il pianeta fino a 2,5 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 all’anno e sostenere la costruzione di un futuro sostenibile, secondo un rapporto del World Wildlife Fund.

Fragranza

  • le fragranze influenzano la percezione della pulizia

Coloranti o coloranti 

I coloranti vengono aggiunti per l’appeal estetico al cliente. Non svolgono alcun ruolo nella pulizia.

Pelle sensibile?

Se hai la pelle sensibile, opta per detergenti senza coloranti perché i dermatologi hanno scoperto che i coloranti sono la principale causa di irritazione della pelle.

Come funzionano i detersivi per pulire i vestiti

Per ottenere i migliori risultati da qualsiasi detersivo per bucato, c’è un triplice processo di energia chimica, energia termica ed energia meccanica che deve essere utilizzato quando si lavano i vestiti.

L’energia chimica è, ovviamente, il detersivo per bucato . Gli ingredienti nel detersivo per bucato che scegli influenzeranno i risultati finali. I detersivi meno costosi hanno meno o nessun enzima. Meno enzimi equivalgono a meno potere pulente.

L’energia termica riguarda la temperatura dell’acqua . Diversi detergenti sono formulati per funzionare al meglio a diverse temperature. Assicurati di leggere le istruzioni per selezionare il miglior prodotto per il tuo bucato.

L’energia meccanica proviene da una lavatrice o da una persona che lava i vestiti .

Come scegliere il miglior detersivo

Ci sono dozzine di scelte sugli scaffali dei detersivi per bucato. Come scegli ? La scelta migliore è quella che si adatta alle esigenze della tua famiglia in termini di efficacia su terreni specifici, preferenza personale per fragranza, forma (in polvere, liquido o monodose) e prezzo.

Ecco come iniziare. Valuta il bucato della tua famiglia, compresi i tipi di macchie e la quantità di sporco corporeo. Se la maggior parte degli indumenti è solo leggermente sporca con poche macchie, potresti scoprire che un detersivo meno costoso e un buon smacchiatore sono tutto ciò di cui hai bisogno. Se hai terreno pesante, indumenti da palestra  con molto odore corporeo e molto cibo / grasso / macchie esterne ; hai bisogno di un detersivo resistente.

Successivamente, leggi le etichette dei detersivi per bucato o vai online per leggere gli ingredienti. È importante cercare tensioattivi ed enzimi per rimuovere sporco e macchie. I marchi a buon mercato  hanno meno di questi componenti e non puliranno altrettanto. Potresti scoprire che avere due formule sullo scaffale della lavanderia soddisferà le tue esigenze; un detersivo per indumenti poco sporchi e uno per indumenti molto sporchi.

Sebbene la maggior parte dei detersivi funzionerà in acqua fredda, è meglio sceglierne uno formulato per acqua fredda se si prevede di utilizzare esclusivamente acqua fredda.

Ora puoi trovare liquidi e polveri in formule concentrate o ultra. Sebbene confezionati in formati più piccoli, forniscono lo stesso potere pulente delle loro controparti non concentrate più grandi. Per determinare la quantità corretta da utilizzare, seguire le istruzioni sull’etichetta e utilizzare il misurino o il misurino. Questi prodotti hanno semplicemente rimosso l’acqua o le cariche in eccesso, rendendoli più facili e meno costosi da spedire e immagazzinare. Le confezioni monodose e le cialde sono concentrate ulteriormente e possono effettivamente farti risparmiare denaro prevenendone un uso eccessivo.

Molte persone hanno scelto il loro detersivo per bucato in base al profumo. Ricorda solo che “odorare di pulito” non è la stessa cosa che essere pulito. Assicurati che il terreno venga effettivamente rimosso e non solo coperto di profumo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come usare correttamente un asciugabiancheria

Il detersivo per bucato scade?