in

In che modo gli intrusi possono utilizzare il blocco delle serrature per entrare nella tua casa

Il lock bumping è un fenomeno che ha ricevuto molta attenzione. La maggior parte delle case utilizza ancora le serrature a cilindro come principale fonte di sicurezza, ma queste serrature sono facilmente compromesse con un po ‘di know-how e alcuni strumenti di base. Una tecnica nota come “lock bumping” è stata classificata per la prima volta come problema di sicurezza intorno al 2002. Per urtare una serratura, un ladro inserisce una chiave tagliata in modo speciale nella serratura, quindi la “colpisce” delicatamente con un martello o un cacciavite. Questo forza i perni nella serratura alla linea di taglio mentre la chiave gira e la porta si apre. Il “bump key” richiesto per eseguire questa operazione è semplice da acquisire e può anche essere ordinato online. La tecnica non richiede abilità speciali ed è efficace la maggior parte del tempo, consentendo ai ladri di entrare nella tua casa senza alcun segno di entrata forzata.sicurezza domestica .

Storia

Il lock bumping è una tecnica che era stata utilizzata dai fabbri per mezzo secolo quando avevano bisogno di accedere a una serratura senza chiavi prontamente disponibili, ma per la maggior parte di quel tempo non era una tecnica criminale ben nota. Il metodo più noto per violare una serratura era il lockpicking, una tecnica che richiede tempo e richiede strumenti e addestramento specializzati. La forza bruta per aggirare una serratura con questo metodo fa rumore e lascia dietro di sé i segni di un’irruzione. Il lock bumping, d’altra parte, è veloce e relativamente silenzioso.

La chiave a urto

Una chiave antiurto speciale è necessaria per garantire l’efficacia del blocco. La chiave deve essere della dimensione appropriata per la serratura, ma l’unico altro requisito è che ogni cresta della chiave sia tagliata alla massima profondità. Le persone spesso si riferiscono alle chiavi a urto come “999 chiavi” perché ogni cresta viene tagliata a una profondità di 9 in una macchina per la creazione di chiavi. Queste chiavi sono quindi facili da produrre e acquisire e richiedono meno di cinque minuti. Le ciocche più vecchie ed economiche sono in realtà più resistenti agli urti perché non vengono tagliate con la massima precisione; sono più rumorosi e i perni interni non si muovono agevolmente come nelle serrature di fascia alta.

Statistiche Lock Bumping

È difficile sapere quanto sia prevalente il lock bumping attualmente nelle effrazioni domestiche perché non lascia segni di ingresso forzato e la serratura continua a funzionare normalmente in seguito. Pertanto, un ladro deve essere catturato con strumenti antiurto in suo possesso o colto in flagrante per verificare che l’urto delle serrature sia stato utilizzato in un crimine. Anche quando si verifica un’effrazione, la mancanza di segni visibili non significa necessariamente che il metodo utilizzato sia stato il lock bumping. Quasi due terzi di tutte le effrazioni non mostrano segni di entrata forzata, e molte di queste effrazioni si verificano probabilmente quando i criminali entrano attraverso una porta o una finestra aperta o ottengono una chiave duplicata con mezzi dubbi. Sebbene difficile da quantificare, il lock bumping non dovrebbe essere considerato una seria minaccia.

Prevenzione

Internet è pieno di video, articoli e istruzioni su come sbloccare un lucchetto e metodi che possono essere utilizzati per acquisire la chiave necessaria per eseguire l’operazione. Pertanto, avrai bisogno di serrature più forti o funzionalità di sicurezza aggiuntive per ridurre al minimo il rischio:

  • Aggiungi chiavistelli a catena alle porte esterne se non li hai già. Ciò non influisce sulla suscettibilità del tuo lucchetto agli urti, ma fornisce un’ulteriore barriera che un ladro dovrà aggirare per poter entrare.
  • Chiedi a un fabbro di modificare le serrature e i catenacci esistenti aggiungendovi dei perni aggiuntivi. Questo non rende le tue ciocche immuni al lock bumping, ma rende il processo più difficile. Questo di solito è più conveniente rispetto alla sostituzione della serratura.
  • Sostituisci le tue serrature esistenti con serrature resistenti agli urti . Le serrature sono in genere molto più costose, ma il blocco delle serrature non funzionerà su di esse. Di solito puoi installare le serrature da solo se vuoi risparmiare sui costi di installazione. Quando si acquista una nuova serratura, cerca il voto assegnatogli dall’ANSI (American National Standards Institute). Le serrature standard di grado 3, di gran lunga le più comuni nell’uso residenziale, sono abbastanza facili da aprire con tecniche di blocco. Tuttavia, le serrature di grado 2, comunemente utilizzate nelle applicazioni commerciali e nei condomini, sono considerate abbastanza resistenti alle chiavi a urto e sono spesso installate nelle normali applicazioni residenziali. Le serrature di grado 1 sono il top della gamma, completamente immuni all’ingresso da chiavi a urto e anche a prova di scasso. Sono la scelta migliore dove si desidera la massima sicurezza.
  • Installa un sistema di sicurezza domestica . Un sistema di sicurezza rileva quando una porta si apre, indipendentemente da come accade. Il sistema quindi attiva un allarme o avvisa le autorità una volta che il blocco è stato compromesso.

Sebbene il blocco delle serrature sia una vera preoccupazione, la tua prima priorità dovrebbe comunque essere quella di assicurarti che tutte le porte e le finestre siano chiuse di notte e quando non sei a casa, poiché quei punti di ingresso rappresentano ancora il rischio maggiore per la sicurezza. Una volta che sai che la tua casa è protetta in questo modo più semplice, considera i modi in cui rendere più forti quelle difese esterne. Parla con un fabbro per migliorare o sostituire le tue serrature a cilindro esistenti e per scoprire quali potenziali soluzioni rientrano nel tuo budget.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come preparare la tua casa e la tua famiglia per un’emergenza

Come prevenire il furto del convertitore catalitico