in

Procedura: pulire l’ardesia

Ho un caminetto in ardesia che fa sentire il mio soggiorno davvero caldo e terroso, anche se il fuoco non è acceso.

L’ardesia è un materiale popolare nell’edilizia domestica, utilizzato non solo nei rivestimenti dei camini, ma anche in pavimenti, controsoffitti e alzatine, per non parlare di passerelle e pareti esterne.

È popolare per la sua bellezza naturale e durata. Ma rimane bello solo se adeguatamente curato. Sono cresciuto con un focolare in mattoni e non avevo davvero esperienza con l’ardesia prima di questo, quindi ho dovuto fare alcune ricerche su come pulire l’ardesia a casa mia. Ecco cosa ho imparato….

Pulizia regolare

  1. Per prima cosa assicurati di spazzare, spolverare o asciugare la superficie per rimuovere lo sporco.
  2. Mescolare alcune gocce di detersivo per piatti delicato in un paio di tazze di acqua tiepida.
  3. Usa uno straccio morbido (o una scopa) imbevuto di soluzione di sapone per rimuovere lo sporco e lo sporco.
  4. Asciugare con un asciugamano e lasciare asciugare completamente all’aria durante la notte.

Pulizia profonda occasionale

Seguire i passaggi precedenti per la pulizia regolare, ma una volta asciutta la superficie, applicare un sottile strato di olio per teak sull’ardesia con un panno morbido. L’olio di teak ha un prezzo ragionevole ed è disponibile nella maggior parte dei grandi negozi di ferramenta. Anche l’olio di ardesia funziona, ma è molto più costoso e difficile da trovare.

Rimozione delle macchie

  • Mescolare parti uguali di acqua e perossido di idrogeno in un flacone spray e spruzzare su eventuali macchie. Lascia riposare per cinque o dieci minuti, quindi strofina con un panno morbido (non lana d’acciaio) o una spazzola a setole morbide. (Fai attenzione se hai un pavimento in ardesia con malta colorata, poiché questa soluzione di candeggina potrebbe danneggiare il colore di quella malta.)
  • Per macchie più ostinate, mescola il perossido e il bicarbonato di sodio in una pasta frizzante. Dopo che le bolle si sono esaurite, applica la pasta sulla macchia e lasciala solidificare. Quindi pulire la lavagna con un asciugamano umido e caldo.

È meglio pulire la lavagnetta con acqua e un detergente delicato almeno ogni due o tre mesi, anche se non sembra sporca, per evitare accumuli di sporco e macchie. E poiché l’ardesia è porosa (molto incline ad assorbire umidità e macchie), si consiglia di sigillarla con un sigillante per pietre e piastrelle, un prodotto disponibile presso i grandi negozi di ferramenta o venditori di piastrelle.

Con una manutenzione regolare, la tua lavagna può rimanere bella, calda e accogliente per gli anni a venire.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

8 consigli su come pulire la malta macchiata

Vecchio pavimento in legno: sostituire o rifinire?