in

Smaltimento delle lampadine CFL (lampade fluorescenti compatte)

Non buttare via le CFL

Quando una lampadina a incandescenza si brucia, la procedura di smaltimento corretta è gettarla via per la normale raccolta dei rifiuti domestici. Abbastanza semplice. Ma questo è esattamente il modo sbagliato di gestire una lampada fluorescente compatta (CFL) quando si brucia. E lo smaltimento errato è più grave di quanto pensi.

Come i tubi fluorescenti commerciali, le CFL contengono mercurio e il mercurio non ha posto nelle nostre discariche. La maggior parte delle lampade fluorescenti commerciali usate negli affari sono attentamente controllate e riciclate per legge ai sensi della Regola universale dei rifiuti dell’EPA, ma c’è stata una grave mancanza di informazioni quando si tratta di consulenza sulle CFL residenziali. Poiché assomigliano un po ‘alle normali lampadine, molti proprietari di case le trattano allo stesso modo, gettandole via invece di riciclarle. 

Perché tutto questo trambusto? Le CFL contengono circa 5 milligrammi di mercurio, una neurotossina. MSNBC riferisce  che i dati interpolati dalla ricerca della Stanford University mostrano che la quantità di mercurio in una CFL “è sufficiente per contaminare fino a 6.000 litri di acqua oltre i livelli di consumo sicuro”. Uno  studio finanziato dall’EPA ha  scoperto che un grammo di mercurio depositato in un lago di 20 acri è sufficiente per contaminare i pesci e renderli inadatti a mangiare.

Il motivo per cui il mercurio è così pericoloso per l’uomo, la fauna selvatica e l’ambiente è che il mercurio è tossico in molte forme e può facilmente trasferirsi dall’aria al suolo e all’acqua. Il mercurio si bioaccumula anche negli organismi viventi e aumenta i livelli di tossicità man mano che risale la catena alimentare.

L’industria del riciclaggio stima che nel 2007 siano stati acquistati circa 400 milioni di CFL negli Stati Uniti, ma solo il 2% è stato riciclato. Sono 320 milioni di CFL nella spazzatura. L’aggiunta irresponsabile di miliardi di CFL esaurite e rotte alle nostre discariche è un problema ambientale incombente di proporzioni epiche. Se le CFL devono essere utilizzate, devono essere gestite correttamente durante l’intero ciclo di vita, incluso lo smaltimento.

Il riciclaggio di CFL può essere richiesto dalla legge

Una CFL può rilasciare vapori di mercurio quando si rompe: un problema fuori casa e ancora più tossico in casa. Ecco perché l’EPA ha un piano di bonifica in 12 fasi che include l’evacuazione della stanza e l’apertura delle finestre quando una CFL si rompe in casa.

Naturalmente, anche le CFL che si dirigono verso la discarica sono un grosso problema. La Northeast Waste Management Officials ‘Association (NEWMOA) ha un articolo informativo  sulle emissioni di mercurio  dalle discariche municipali. Questo afferma che “Il mercurio è una potente neurotossina che può colpire il cervello, il fegato e i reni e causare disturbi dello sviluppo nei bambini. I bambini piccoli e i feti in via di sviluppo sono particolarmente a rischio”.

Il mercurio viene emesso nell’atmosfera e ridepositato nella nostra acqua e terra mentre si snoda attraverso il flusso di rifiuti. I principali risultati della ricerca mostrano:

  • Le perdite di mercurio si verificano sulla superficie di lavoro delle discariche e sugli sfiati dei gas di discarica.
  • Le discariche sono una delle principali fonti del mercurio organico più tossico chiamato  mercurio metilato.
  • Anche il mercurio si perde prima che raggiunga la discarica.
  • Le lampadine fluorescenti sono fonti significative di emissioni di mercurio.

Come risultato del rischio tossico che miliardi di CFL rotte rappresentano per le nostre discariche e quindi la nostra atmosfera e acqua, diversi stati hanno imposto il riciclaggio delle CFL. Questi stati includono:

  • California
  • Maine
  • Massachusetts
  • Minnesota
  • New Hampshire
  • Vermont
  • Washington 

Che il tuo stato imponga o meno il riciclaggio, fallo! Poiché utilizziamo le CFL per ridurre il consumo di elettricità e aiutare l’ambiente, non ha davvero senso voltarsi e inquinare il flusso di rifiuti con loro.  

Perché la mia CFL si è bruciata così velocemente?

Abituati al riciclaggio frequente. Uno dei più grandi miti in tutto il clamore CFL è la durata stimata della lampadina. Non devi guardare lontano per trovare la stessa affermazione fuorviante che otterrai 6.000 o più ore di vita da una CFL. Sia i reclami dei consumatori che le ricerche di laboratorio stanno dimostrando quanto questo sia falso.

Gli studi hanno dimostrato ciò che i consumatori stanno scoprendo. Le CFL raramente raggiungono la loro durata nominale nelle applicazioni del mondo reale. Perché? È possibile che siano stati utilizzati nell’applicazione sbagliata. Ma devono anche essere accesi continuamente o almeno per 4 ore alla volta per soddisfare la loro durata nominale. Se rimangono accesi solo per 1 ora, si ottiene una riduzione dal 20% al 50% della durata della lampada. Se la CFL viene utilizzata con cicli di utilizzo da 5 a 30 minuti, come la maggior parte delle lampade a incandescenza, la loro durata si riduce dal 70% all’85%. Ciò significa che la tua lampadina da 6.000 ore ora dura 900 ore, meno di molte lampadine a incandescenza.

Come rimuovere in sicurezza una CFL per prevenirne la rottura

Il programma Energy Star dell’EPA consiglia questa procedura per rimuovere la CFL ed evitare di rompere la lampadina e rilasciare vapori di mercurio: “I produttori di CFL consigliano di installare e rimuovere le CFL afferrando solo le parti in plastica della base. Se la CFL è avvitata in un presa della luce ruotando il tubo piuttosto che la base di plastica, può causare la rottura della guarnizione del vuoto o del tubo di vetro nella CFL. Una volta che alcune parti sono esposte all’ossigeno, sono più soggette a diventare difettose e / o surriscaldarsi. “

Quindi, non torcere un CFL dal vetro, afferralo alla base per ruotare in senso antiorario per rimuoverlo.

Immagazzinamento e contrassegno adeguati del contenitore CFL per il riciclaggio

L’EPA consiglia la seguente procedura per conservare la CFL fino a quando non viene riciclata:

  • Conservare le lampadine fluorescenti in contenitori che ne impediscano la rottura, come nelle loro scatole originali, [imballaggi di plastica] o scatole di lampadine sostitutive o in contenitori forniti da riciclatori di lampadine fluorescenti.
  • La rottura di queste lampadine potrebbe provocare il rilascio di mercurio.
  • Inoltre, i riciclatori di lampadine fluorescenti generalmente richiedono che le lampadine arrivino integre.
  • Contrassegnare il contenitore della lampada come “Lampadina fluorescente per il riciclaggio”.
  • Porta le lampade in una struttura di raccolta domestica locale o fai in modo che un riciclatore di lampadine fluorescenti le raccolga.

Trovare un riciclatore locale

I centri domestici e altri rivenditori di hardware dispongono di contenitori per il riciclaggio speciali per CFL. Chiedi nei tuoi negozi locali. È abbastanza facile tenere le lampadine bruciate nel tuo garage e portarle la prossima volta che hai bisogno di forniture per la casa. Altrimenti, puoi trovare un centro di riciclaggio locale che accetta lampadine e tubi fluorescenti cercando su  Earth911 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come installare una nuova flangia per WC su una lastra di cemento

Come cambiare il colore della malta più scura o più chiara