in

Tessuto colorato e come influisce sul bucato

Imparare a conoscere la solidità del colore nei vestiti è importante per il successo nel fare il bucato . Alcuni imparano attraverso una terrificante esperienza di scoprire che un intero carico di vestiti bianchi è stato trasformato in rosa da un calzino rosso. Oppure, una camicetta giallo chiaro preferita è diventata verde viaggiando attraverso la lavatrice con un nuovo paio di blue jeans. Oppure, uno scolorimento antiestetico è apparso sulla pelle o sulla biancheria intima dopo aver indossato nuovi pantaloni neri.

Quindi, per aiutarti a evitare lo shock, è tempo di imparare cosa significa colorfast e come essere sicuro di non avere un disastro in lavanderia.

Cos’è Colorfast?

Colorfast è la capacità di un tessuto o di altre sostanze di mantenere lo stesso colore senza sbiadire o colare anche se lavato, esposto a luce intensa, esposto al sudore o trattato con determinati prodotti chimici.

Il termine, colorfast, è stato coniato per la prima volta nel 1916 dai produttori di tessuti per testare i tessuti quando esposti a luce, lavaggio, sudore e abrasione. Ora ci sono standard per valutare il comportamento del tessuto quando sottoposto a test. L’ American Association of Textile Chemists and Colorists fornisce lo sviluppo di metodi di prova e materiali per il controllo di qualità per i membri in più di 60 paesi in tutto il mondo. La solidità del colore durante il lavaggio è classificata da uno a cinque e il numero più alto rappresenta la migliore solidità.

I chimici tessili e i riciclatori domestici sanno che ci sono molte cose che possono influire sul fatto che i tessuti mantengano il loro colore o sbiadiscano o sanguinino facilmente.

  1. Il tessuto è colorato con una tintura naturale o una tintura sintetica ?
  2. Qual è il contenuto di fibre del tessuto?
  3. Le fibre sono state tinte prima della tessitura o del processo di lavorazione a maglia o il tessuto finito è stato tinto in tino?
  4. Quali prodotti chimici per il bucato vengono utilizzati durante la pulizia (detersivo, smacchiatori o candeggina)?
  5. Quale temperatura dell’acqua viene utilizzata per il lavaggio ?
  6. Qual è il pH di varie sostanze che interagiscono con il tessuto (sudore, detergenti o creme per la pelle)?
  7. Quali solventi per il lavaggio a secco vengono utilizzati per pulire il tessuto?
  8. Il tessuto è esposto a temperature di asciugatura elevate?
  9. Il tessuto è esposto a luce intensa per un periodo di tempo prolungato?

Allora, come faccio a sapere se la mia maglietta è colorata?

Tutto questo può creare confusione. Perché non ti dicono semplicemente sull’etichetta di cura se la maglietta è colorata?

I produttori di abbigliamento dovrebbero dirti se l’indumento sta per sanguinare. Dopotutto, sono loro che sanno come è stato tinto il tessuto. La maggior parte non te lo dice apertamente perché chi vuole comprare qualcosa che sanguina? Ma ci sono suggerimenti.

Se l’etichetta dice “lavare separatamente” o “lavare con colori simili”, di solito significa che il colorante non è stabile e sta per sanguinare o addirittura sfregare. I blue jeans possono trasformare un cuscino del divano di colore chiaro in blu perché la tintura si stacca.

È ancora più importante prestare attenzione agli avvertimenti quando devi rimuovere una macchia. Le sostanze chimiche negli smacchiatori sono più potenti dei detergenti utilizzati nel lavaggio che vengono diluiti nella lavatrice. Ovviamente, sbiancanti come candeggina al cloro e perossido di idrogeno rimuoveranno il colore. Ma anche altre sostanze chimiche rimuoveranno il colore. Ecco perché devi testare la solidità del colore.

Fai il test di solidità del colore

Un modo semplice per verificare se un tessuto è resistente al colore è inumidire un panno bianco pulito. Strofina il panno umido su una cucitura interna o un orlo di un indumento colorato. Se del colore si stacca sul panno bianco, il capo non è colorato e la tintura cola quando il capo viene lavato.

Per un test più approfondito per detergenti e prodotti per il bucato specifici, utilizzare i seguenti suggerimenti:

1. Mescolare un cucchiaino di prodotto per il bucato (detersivo, smacchiatore, candeggina a base di cloro o candeggina all’ossigeno) con 1/2 tazza di acqua tiepida. Mescola bene per mescolare e assicurati che le formule in polvere siano completamente sciolte.

2. Passare a una cucitura o orlo interno. Se temi che la soluzione coli sul lato destro del tessuto, metti un panno di cotone bianco e asciutto sotto l’area di prova.

3. Immergere un batuffolo di cotone nella soluzione e tamponarlo sull’area del test.

4. Asciugare l’area con un tovagliolo di carta bianca. Se il colore si stacca sul tovagliolo di carta bianca, il tessuto sanguina colorante. Se il colore dell’area del test è cambiato o è diventato più chiaro, il colorante sanguinerà.

5. Se hai un indumento con colori diversi (strisce, blocchi di colore o stampa grafica), prova separatamente ciascuna area colorata.

avvertimento

Solo perché un indumento non stinge molto la prima volta che viene lavato, può accadere la seconda volta attraverso il bucato. Alcuni produttori applicano finiture per proteggere le superfici del tessuto. Poiché vengono consumati dall’abrasione o dal lavaggio, i coloranti possono “staccarsi” e questo non va bene. Se i tuoi vestiti sanguinano, usa questi suggerimenti per rimuovere le macchie di colore .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Come lavare le uniformi militari da combattimento

Bluing del bucato e come utilizzare il bluing